Formazione 28 Aprile 2021 17:44

Corso Medicina Generale 20-23, la prova per 101 posti nel Lazio

Oltre mille medici alla Fiera di Roma per il concorso di accesso al corso di formazione in Medicina Generale del Lazio. Cardiologia e infettivologia le materie dominanti. Tamponi obbligatori, anche per i vaccinati

Corso Medicina Generale 20-23, la prova per 101 posti nel Lazio

Un luogo enorme e dispersivo come la Nuova Fiera di Roma raramente può sembrare gremito. Oggi tra i tunnel che portano ai padiglioni c’erano circa 1300 persone, pronte a sostenere il concorso per l’accesso al Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale 2020-2023 della Regione Lazio.

Rimandato già due volte: l’anno scorso per la pandemia e a gennaio per l’insorgere della nuova ondata, finalmente è stato possibile realizzarlo. Nel Lazio, dato che ogni regione ha un suo bando specifico, sono disponibili 101 posti. «Un po’ pochi, anche a voler essere estremamente positivi» ci dice scherzando un giovane dottore uscendo dalla prova. «Specie in vista delle tante carenze che la pandemia ha sottolineato – aggiunge -. Si sente ovunque lamentare la mancanza di medici sul territorio, eppure a quanto pare il fabbisogno non rispecchia questa esigenza».

I 100 quesiti

La prova di due ore si componeva di 100 quesiti di medicina clinica a risposta multipla. I primi usciti l’hanno descritta come fattibile, sebbene le domande fossero piuttosto precise. Cardiologia, infettivologia e nefrologia le materie più ricordate dai candidati in uscita, tutti provvisti di mascherina Ffp2 e ben distanziati anche dalla sicurezza.

Le norme anti-Covid sono state il punto focale dello svolgimento della prova. Alcuni candidati raccontano di banchi distanziati, ingressi scaglionati e attenzione alla disinfezione delle superfici. Ognuno ha avuto in consegna una penna personale. Inoltre, ci spiegano, era necessario portare con sé una certificazione di tampone effettuato entro le 48 ore precedenti e un’autocertificazione che attestava di non avere i sintomi caratteristici di Covid-19.

Le irregolarità e il tampone obbligatorio

Non tutti però, sono riusciti ad accedere alle aree in cui si è svolta prova. Qualcuno aveva fatto il tampone troppo tempo prima, altri non sapevano fosse necessario portarlo essendo vaccinati con seconda dose. A raccogliere le segnalazioni di irregolarità era presente Consulcesi, network legale di riferimento per i professionisti sanitari, pronta ad aiutare in caso di necessità con il ricorso. Una delle consulenti presenti ha parlato di questi casi a Sanità Informazione, chiarendo che alcuni candidati hanno riferito di non aver ricevuto la comunicazione che li avvertiva dell’obbligo di tampone.

Per evitare possibili irregolarità durante lo svolgimento del test ai partecipanti è stata consegnata una busta in cui tenere il cellulare, anche se qualcuno, raccontano dei candidati ai nostri microfoni, aveva con sé un secondo apparecchio elettronico. Prontamente segnalato è stato poi messo in sicurezza, prima ancora che cominciasse la prova.

Borsa di studio bassa e trattamento “non equiparato”

Molti dei candidati hanno riferito di inseguire da tempo il sogno di diventare medico di medicina generale. «È uno dei mestieri sanitari più utili alle persone. Risolve il continuo problema della vicinanza sul territorio e allarga il concetto di missione che c’è all’interno», ci spiega uno dei medici. Un altro vorrebbe però che giorno della prova e  modalità di ingresso ai corsi venissero equiparati a tutte le altre specializzazioni: «Perché affidare questo test alla gestione regionale? – si chiede un candidato -. Sembra che la medicina generale sia una branca di serie B, quando è il primo gradino di consulto vero tra medico e paziente».

Molte le proteste anche sulla borsa di studio prevista per chi dovesse passare il concorso. Rispetto alle altre specializzazioni di molto inferiore e tassata, sebbene permetta di accettare anche altri incarichi e sostituzioni durante la formazione. «È vero che ci sono delle concessioni, ma non è nemmeno corretto che si debba ricorrere ad altri incarichi per poter totalizzare uno stipendio, quando anche noi ci stiamo specializzando e dovremmo concentrarci su quello che facciamo», conclude una dottoressa.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumori neuroendocrini, il Lazio al top nelle cure con radioligandi, nuovo farmaco che raddoppia la sopravvivenza
Con 4 centri attivi nell’erogazione della terapia con radioligandi (RLT) su 34 nazionali, il Lazio è tra le regioni con il maggior numero di ospedali in grado di offrire una terapia oncologica innovativa che sta rivoluzionando la cura del cancro a partire da una neoplasia rara, come sono i tumori neuroendocrini
di V.A.
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
Nomine DG, Magi: «Auguri di buon lavoro ai direttori generali neo eletti»
Tra conferme e nuove nomine l’Omceo capitolino si augura che la sanità del Lazio insista nel percorso di risanamento intrapreso in questi anni
Ucraina, Sanità del Lazio pronta ad accogliere pazienti e inviare equipe sanitarie specializzate
Alessio D’Amato, assessore alla Sanità del Lazio: «Il nostro sistema sanitario regionale è già testato alle emergenze: ci siamo presi cura dei malati di Covid-19 provenienti dalla Romania e degli afghani durante la fuga da Kabul»
Concorso Medicina Generale in Lazio: 304 posti. Cosa ne pensano i candidati?
Per alcuni un sogno da realizzare, per altri una sfida per migliorare il mestiere, per altri ancora una seconda chance. Le impressioni raccolte a Fiera di Roma tra i partecipanti al Concorso per il corso di formazione in Medicina Generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...