Formazione 28 Aprile 2021 17:44

Corso Medicina Generale 20-23, la prova per 101 posti nel Lazio

Oltre mille medici alla Fiera di Roma per il concorso di accesso al corso di formazione in Medicina Generale del Lazio. Cardiologia e infettivologia le materie dominanti. Tamponi obbligatori, anche per i vaccinati

Corso Medicina Generale 20-23, la prova per 101 posti nel Lazio

Un luogo enorme e dispersivo come la Nuova Fiera di Roma raramente può sembrare gremito. Oggi tra i tunnel che portano ai padiglioni c’erano circa 1300 persone, pronte a sostenere il concorso per l’accesso al Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale 2020-2023 della Regione Lazio.

Rimandato già due volte: l’anno scorso per la pandemia e a gennaio per l’insorgere della nuova ondata, finalmente è stato possibile realizzarlo. Nel Lazio, dato che ogni regione ha un suo bando specifico, sono disponibili 101 posti. «Un po’ pochi, anche a voler essere estremamente positivi» ci dice scherzando un giovane dottore uscendo dalla prova. «Specie in vista delle tante carenze che la pandemia ha sottolineato – aggiunge -. Si sente ovunque lamentare la mancanza di medici sul territorio, eppure a quanto pare il fabbisogno non rispecchia questa esigenza».

I 100 quesiti

La prova di due ore si componeva di 100 quesiti di medicina clinica a risposta multipla. I primi usciti l’hanno descritta come fattibile, sebbene le domande fossero piuttosto precise. Cardiologia, infettivologia e nefrologia le materie più ricordate dai candidati in uscita, tutti provvisti di mascherina Ffp2 e ben distanziati anche dalla sicurezza.

Le norme anti-Covid sono state il punto focale dello svolgimento della prova. Alcuni candidati raccontano di banchi distanziati, ingressi scaglionati e attenzione alla disinfezione delle superfici. Ognuno ha avuto in consegna una penna personale. Inoltre, ci spiegano, era necessario portare con sé una certificazione di tampone effettuato entro le 48 ore precedenti e un’autocertificazione che attestava di non avere i sintomi caratteristici di Covid-19.

Le irregolarità e il tampone obbligatorio

Non tutti però, sono riusciti ad accedere alle aree in cui si è svolta prova. Qualcuno aveva fatto il tampone troppo tempo prima, altri non sapevano fosse necessario portarlo essendo vaccinati con seconda dose. A raccogliere le segnalazioni di irregolarità era presente Consulcesi, network legale di riferimento per i professionisti sanitari, pronta ad aiutare in caso di necessità con il ricorso. Una delle consulenti presenti ha parlato di questi casi a Sanità Informazione, chiarendo che alcuni candidati hanno riferito di non aver ricevuto la comunicazione che li avvertiva dell’obbligo di tampone.

Per evitare possibili irregolarità durante lo svolgimento del test ai partecipanti è stata consegnata una busta in cui tenere il cellulare, anche se qualcuno, raccontano dei candidati ai nostri microfoni, aveva con sé un secondo apparecchio elettronico. Prontamente segnalato è stato poi messo in sicurezza, prima ancora che cominciasse la prova.

Borsa di studio bassa e trattamento “non equiparato”

Molti dei candidati hanno riferito di inseguire da tempo il sogno di diventare medico di medicina generale. «È uno dei mestieri sanitari più utili alle persone. Risolve il continuo problema della vicinanza sul territorio e allarga il concetto di missione che c’è all’interno», ci spiega uno dei medici. Un altro vorrebbe però che giorno della prova e  modalità di ingresso ai corsi venissero equiparati a tutte le altre specializzazioni: «Perché affidare questo test alla gestione regionale? – si chiede un candidato -. Sembra che la medicina generale sia una branca di serie B, quando è il primo gradino di consulto vero tra medico e paziente».

Molte le proteste anche sulla borsa di studio prevista per chi dovesse passare il concorso. Rispetto alle altre specializzazioni di molto inferiore e tassata, sebbene permetta di accettare anche altri incarichi e sostituzioni durante la formazione. «È vero che ci sono delle concessioni, ma non è nemmeno corretto che si debba ricorrere ad altri incarichi per poter totalizzare uno stipendio, quando anche noi ci stiamo specializzando e dovremmo concentrarci su quello che facciamo», conclude una dottoressa.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sequestro mascherine, Cisl Medici Lazio: «Nostre richieste rimaste inascoltate»
«La Cisl Medici Lazio ha notizia che a seguito del decreto di sequestro della Guardia di Finanza di Gorizia le Asl e le Aziende ospedaliere del Lazio stanno in queste provvedendo all’urgente ritiro di alcune tipologie di mascherine, alla immediata sospensione dell’utilizzo delle stesse e alla riconsegna di tali mascherine ai magazzini». È quanto si […]
Vaccini e liste riserva, Cittadinanzattiva: «Solo la Toscana pubblica online il form per registrarsi»
Cittadinanzattiva: «Grandi differenze nella modalità per le altre Regioni. Servono criteri nazionali per evitare sprechi e accelerare la campagna vaccinale»
Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania
Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Vaccinazioni, Smi-Lazio firma Accordo sui medici di Continuità Assistenziale e Medicina dei servizi
di Ermanno De Fazi, vicesegretario Smi-Lazio
di Ermanno De Fazi, vicesegretario Smi-Lazio
I libero professionisti non vogliono il vaccino AstraZeneca. Magi (OMCeO Roma): «Hanno diritto di rifiutarlo»
Nell'Hub vaccinale dell’aeroporto di Fiumicino è iniziata la somministrazione di AstraZeneca ai medici liberi professionisti e altri sanitari under 55. L’inoculazione del siero inglese, anziché Pfizer o Moderna, ha provocato polemiche. Il presidente dell'Ordine dei Medici di Roma: «Non ci sono vaccini di serie A e di serie B»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco