Lavoro 25 Febbraio 2022 16:26

Concorso Medicina Generale in Lazio: 304 posti. Cosa ne pensano i candidati?

Per alcuni un sogno da realizzare, per altri una sfida per migliorare il mestiere, per altri ancora una seconda chance. Le impressioni raccolte a Fiera di Roma tra i partecipanti al Concorso per il corso di formazione in Medicina Generale

Due ore e 100 quesiti a risposta multipla per distribuire 304 posti come medico di medicina generale per la Regione Lazio. Nei padiglioni di Fiera di Roma tanti i medici a tentare il concorso, sperando in domande appropriate. Sanità Informazione ha seguito da vicino la prova che si è svolta nella sede romana e ha chiesto ai tanti medici intervenuti di raccontare la loro esperienza.

Il test

«Devo dire che era tagliato a quella che era la formazione di un medico di base, molto attuale. Tante domande sul Covid e su linee guida del 2021, quindi sostanzialmente speriamo bene», ci racconta una delle prime candidate ad uscire dal test. «Magari non l’ho passato però mi rendevo conto che erano domande realistiche e coerenti con una preparazione dei 6 anni di medicina. Al contrario del test per la specializzazione dove le domande sono assurde. L’ho trovato razionale», ci racconta un’altra, facendo un paragone con l’altro grande scoglio per i neolaureati in Medicina.

Contro le irregolarità presente Consulcesi

Presenti anche i rappresentanti di Consulcesi, che ci hanno spiegato di essere lì a presidiare il concorso da irregolarità di sorta. «Come ogni anno – spiega uno dei consulenti – noi siamo sempre presenti ai test per medicina, in questo caso a quello per il corso di formazione in mg, perché riteniamo ovviamente che in ogni test si verifichino delle irregolarità e quindi siamo qui in veste di controllori. Quindi qualora si verificassero delle irregolarità, come ci hanno già detto alcuni medici in questo caso usciti dal test, noi siamo pronti a presentare un ricorso per poter invalidare il test e far entrare chi è stato danneggiato da queste irregolarità».

Medico di base, perché si sceglie?

In tanti a scegliere la professione del medico di base per vocazione. «È una sfida – ci racconta una di loro – nel senso che io ho già un mio impiego lavorativo ma era questo il sogno di quando ho cominciato a fare medicina. Quindi era un po’ un ritornare indietro nel tempo e dire “In questo momento in cui c’è bisogno di tanti medici sul territorio perché non tentare?”». «La medicina di base è quella territoriale – ci dice un altro – che ti permette di stare vicino ai pazienti e seguirli nel tempo. Questo fa parte di quella medicina che a me interessa e quindi principalmente per questo».

Molti vengono da altre specializzazioni, tanti dalla medicina d’urgenza e dai turni infiniti in Pronto Soccorso. Vedono nella medicina generale un «mestiere che per qualità di vita si adegua di più al mio stile di vita». Rivelano anche che la pandemia li ha aiutati a convincersi o ha permesso loro di rivalutare questo lavoro, in virtù di sacrifici e richieste fatti ai mmg. «Prima stimavo maggiormente i medici ospedalieri e di Pronto soccorso rispetto a quelli di medicina generale che erano messi in disparte; invece, in questi anni hanno dimostrato che hanno un ruolo predominante», dice una candidata.

Altri ammettono di vederlo come un ripiego: «Il test per la specializzazione è qualcosa di irrazionale e allucinante, che prevede che tu abbia già una formazione specialistica ma in tutte le aree della medicina per poterlo passare, a meno che tu non sia molto fortunato. Quindi o hai un grande reddito familiare per cui ti puoi permettere di stare 3-4 anni a ripassare cose, che poi non si tratta di un ripasso perché non ho trovato argomenti già trattati oppure rinunci o ti studi lo svedese e vai all’estero, le ho pensate un po’ tutte. Però è un ripiego, come per l’80% delle persone qui immagino».

Borse in aumento, ma sono sufficienti?

Il 2022 è stato anche l’anno di aumento delle borse, sebbene restino inferiori a quelle delle altre specializzazioni. Cosa ne pensano i candidati, si dovrebbero equiparare in tutto i due percorsi? «Non solo dovrebbero essere equiparate – riferisce uno dei medici al test – ma dovrebbero essere tutte maggiorate, come guadagno perché fondamentalmente quello che ci richiedono sono orari che sono sempre molto al di sopra di quello che prevede il contratto e quindi fondamentalmente non corrispondono al tempo richiesto. Sarebbe il caso di iniziare a non chiamarle più borse, ma semplicemente uno stipendio di un medico in formazione perché siamo tutti medici».

Dipendenza mmg, cosa ne pensano i candidati

C’è scetticismo invece su un ipotetico passaggio alla dipendenza, di cui si parla nelle ultime settimane. «Non lo so, non so se potrebbe essere una strada – secondo uno dei presenti -. Dipende come intenderebbero formare il contratto e cosa prevederà. Partite Iva e contratti hanno pro e contro quindi dipende da cosa è sul tavolo. Sicuramente ci sono delle cose positive: avere delle ferie, la malattia che non è cosa da poco. Però dall’altra credo che loro non abbiamo il concetto di fare delle Case della Salute che non è stato ben specificato, cosa andrebbe a creare e come andrebbe a modificare il lavoro?».

«Penso di no – aggiunge un’altra – la maggior parte di noi non vorrebbe questo. Credo che in questo momento la loro posizione permetta loro anche di gestirsi nell’orario e nell’attività lavorativa, che è il loro punto forte nonché quello debole. Lascerei le cose come sono».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
Nomine DG, Magi: «Auguri di buon lavoro ai direttori generali neo eletti»
Tra conferme e nuove nomine l’Omceo capitolino si augura che la sanità del Lazio insista nel percorso di risanamento intrapreso in questi anni
Ucraina, Sanità del Lazio pronta ad accogliere pazienti e inviare equipe sanitarie specializzate
Alessio D’Amato, assessore alla Sanità del Lazio: «Il nostro sistema sanitario regionale è già testato alle emergenze: ci siamo presi cura dei malati di Covid-19 provenienti dalla Romania e degli afghani durante la fuga da Kabul»
Sanità Lazio, nuovo accordo per stabilizzare i precari. Da aprile le prime assunzioni
Cgil, Cisl e Uil: «Resta la necessità di nuove contrattualizzazioni straordinarie per rinforzare la rete del Ssr»
Il neonatologo: «Siamo costretti a separare le mamme non vaccinate dai loro figli»
Ambrogio Di Paolo (Presidente SIN Lazio): «Con l’ordinanza della Regione Lazio si può entrare negli ospedali soltanto con il Green pass rafforzato. E molte mamme non sono vaccinate, per disinformazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa