Lavoro 15 Novembre 2021 13:09

Medicina di emergenza-urgenza, il flash mob silenzioso contro il silenzio delle Istituzioni

Appuntamento a Roma il 17 novembre alle 12.30 in piazza Santi Apostoli. I motivi della protesta, Manca (Simeu): «Fermare la fuga di medici e specializzandi, ottenere il riconoscimento di lavoro usurante e maggiore protezione contro le aggressioni»

di Isabella Faggiano
Medicina di emergenza-urgenza, il flash mob silenzioso contro il silenzio delle Istituzioni

Nessuno grido, né slogan. Solo silenzio. Il flash mob di medici e infermieri dell’emergenza-urgenza, che si terrà a Roma in piazza Santi Apostoli il 17 novembre, sarà una protesta silenziosa, intervallata solo da qualche simbolico colpo di sirena. «Vogliamo riprodurre lo stesso “assordante silenzio” che le Istituzioni, nonostante le nostre ripetute richieste, continuano a riservarci» dice Salvatore Manca, presidente della Simeu, Società Italiana della medicina di emergenza-urgenza, promotrice della mobilitazione.

L’indennità per gli operatori del pronto soccorso

Nei giorni scorsi, dopo l’annuncio della protesta, il Governo ha rotto questo silenzio. Il  ministro della Salute, Roberto Speranza, ha annunciato lo stanziamento di 90 milioni di euro di indennità per medici, infermieri e altri operatori sanitari che lavorano in pronto soccorso. «Che ci faccia piacere ricevere un indennizzo è innegabile – sottolinea Manca – . È un riconoscimento alla gravosità del nostro lavoro. Ma le risposte che attendiamo non sono economiche. Almeno, non solo. Per questo, il flash mob non sarà revocato».

I motivi della protesta

Fermare la fuga di medici e giovani specializzandi, ottenere il riconoscimento di lavoro usurante e ricevere maggiore protezione contro le aggressioni sono tra le principali richieste avanzate dalla Simeu. «Soffriamo di una carenza d’organico non più tollerabile – continua il presidente delle Società scientifica – . Mancano all’appello 4 mila medici e 10 mila infermieri. Sempre più spesso i nostri medici si formano in Italia e vanno a lavorare all’estero, dove le condizioni di lavoro e il riconoscimento economico sono di gran lunga migliori».

Le conseguenze della pandemia

I numeri della carenza d’organico sembrano essere destinati ad un ulteriore aumento: «Durante i periodi più critici della pandemia le condizioni di lavoro nei nostri reparti sono peggiorate a tal punto da aver spinto molti medici e professionisti sanitari a trasferirsi altrove. E se la situazione non dovesse migliorare, in maniera piuttosto celere, sarebbe probabile che altri colleghi seguiranno la stessa strada», avverte lo specialista.

Pronto soccorso, luoghi di pre-ricovero

Intanto il carico di lavoro è tornato ad essere ai livelli pre-pandemia: «Sono circa 24 milioni i pazienti che, ogni anno, si rivolgono ai pronto soccorso italiani. E non è escluso – aggiunge Manca – che questa cifra possa ancora aumentare a causa della riacutizzazione delle patologie di molti malati cronici, vittime degli enormi ritardi di diagnosi e trattamento accumulati durante la pandemia». Troppo spesso, i pronto soccorso diventano luoghi di pre-ricovero, dove i pazienti aspettano (anche per giorni) che si liberi un posto letto nel reparto di degenza più adeguato alle loro condizioni.

Stop alle violenze

Questo non si traduce solo in un ulteriore carico di lavoro per i sanitari, ma pure in un trattamento che può risultare poco appropriato alle esigenze dei pazienti. «Scendiamo in piazza anche per i cittadini, affinché gli siano garantire le cure più adeguate. Noi siamo sempre dalla parte dei nostri pazienti e delle loro famiglie, ma non possiamo pagare le conseguenze in prima persona del malfunzionamento dell’intera struttura sanitaria», dice Manca. I medici e i professionisti sanitari che operano all’interno dei pronto soccorso, infatti, sono tra le principali vittime di violenza verbale e fisica.

Una scuola di specialità mezza vuota

Una situazione di innegabile disagio che condiziona anche le scelte degli specializzandi. «Quest’anno i posti a disposizione per la scuola di specialità in Medicina dell’Emergenza-Urgenza erano 1.187. Quattrocentottanta sono rimasti vacanti, circa il 40% del totale. Percentuali che testimoniano un disamore verso questa professione che impone turni di 12 ore, due notti di lavoro alla settimana, un solo weekend libero al mese. Il tempo che resta, da dedicare alla famiglia ed ai propri interessi è sempre troppo poco. E – conclude Manca – non si può vivere di solo lavoro».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Indennità accessoria per chi lavora in Pronto Soccorso, le reazioni
90 milioni in Finanziaria per i medici, infermieri e operatori dell'Emergenza: così Speranza punta a risolvere la mancanza di professionisti in quei reparti. I commenti di Anaao Assomed, Cimo-Fesmed, Nursing Up e Fiaso
No Green Pass assaltano Umberto I, infermiera aggredita e Ps bloccato per ore
Un manifestante della protesta No Green Pass di sabato a Roma era lì in attesa di cure. Insieme ad amici e parenti hanno sfondato la porta d’ingresso del Ps, distrutto apparecchiature sanitarie e aggredito gli operatori. Ruggiero (Nessuno Tocchi Ippocrate): «Copione ormai noto, a Napoli c’è un’aggressione ogni tre giorni»
Riforma 118, parla la Senatrice Castellone: «Non sia una succursale del Pronto soccorso. Ma anche i medici specialisti avranno un ruolo»
«La pandemia ci ha insegnato che è sbagliato accentrare tutta l’assistenza a livello ospedaliero», spiega la Senatrice M5S Maria Domenica Castellone che lancia una proposta: «I medici che lavorano da più di cinque anni in emergenza-urgenza passino dalla convenzione alla dipendenza»
di Francesco Torre
Fuga dai Pronto soccorso, le proposte Anaao: «Potenziare legge contro aggressioni e riconoscere indennità specifica»
Di Silverio: «Il problema ha radici profonde acuite dal Covid. I carichi di lavoro sono diventati insostenibili e la retribuzione non è commisurata all’onerosità e alla tipologia di lavoro, a cui si somma una sostanziale assenza di sicurezza»
Medicina emergenza-urgenza, Fera (Cisl): «Indennità di rischio e lavoro usurante per renderla più attrattiva»
Carenze nei pronto soccorso in tutta Italia e sempre meno medici vogliono intraprendere questa specializzazione. La sindacalista: «Spesso non viene rispettata la legislazione europea sull'orario di lavoro e vengono negate le ferie. Serve una riforma che consenta al medico di pronto soccorso di avere la capacità di gestire tutte le patologie che incontra»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...