Diritto 26 Aprile 2021 13:03

Allarme carenza medici di famiglia, ma i posti per diventarlo sono pochissimi

Il prossimo 28 aprile si terranno i test d’ingresso al Corso di formazione specifica in Medicina Generale. Su quasi 12mila candidati ci sono solo 1.302 posti disponibili. Solo 1 su 10 passerà, ma in presenza di irregolarità è possibile fare ricorso. Tortorella (Consulcesi): «È inaccettabile mandare a casa migliaia di giovani medici, specialmente in questo complicato periodo d’emergenza»

Allarme carenza medici di famiglia, ma i posti per diventarlo sono pochissimi

Moltissimi italiani rischiano di rimanere senza medico di famiglia e più di 10mila aspiranti medici di medicina generale verranno messi da parte nonostante siano meritevoli. Questo è, secondo Consulcesi, il prevedibile risultato dei prossimi test di ingresso al Corso di formazione specifica in Medicina Generale, che si terranno il 28 aprile in tutta Italia. Ogni Regione mette a disposizione degli aspiranti medici di famiglia un determinato numero di posti, a cui si può accedere superando un test con 100 domande. Inevitabilmente in migliaia verranno scartati. «Le conseguenze – spiega Consulcesi in una nota – non si ripercuotono solo sulla carriera di questi giovani medici che, a fronte di questo imbuto formativo italiano molti decideranno di scappare all’estero. Ma anche sull’efficienza del sistema sanitario nazionale e di riflesso sulla qualità delle cure e dell’assistenza offerte ai cittadini».

Secondo le stime della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg) in Italia i medici di famiglia sono troppo pochi e lo saranno ancor meno nei prossimi anni. Fra 2-3 anni, a fronte dei numerosi pensionamenti, si calcola una carenza d’organico che va dalle 10mila alle 15mila unità. «È inaccettabile, specialmente in questo periodo d’emergenza, in cui la medicina territoriale rappresenta uno snodo chiave per la gestione della pandemia», dice Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi.

A fronte di un numero di candidati pari a 11.704, i posti disponibili sono solo 1302. Questo significa che l’89 per cento verrà scartato. Solo 1 su 10, infatti, ce la farà. Alla scarsità di posti disponibili si aggiungono anche i ritardi con cui vengono indetti i nuovi bandi di concorso. Il risultato è che la cronica carenza di medici di famiglia si aggraverà un po’ in tutto il paese, dalla Lombardia alla Sicilia. «Rischiamo così di ritrovarci senza medici di famiglia in un contesto probabilmente post-pandemico con una popolazione sempre più anziana e malata – dice Tortorella –. Se c’è una cosa che ci ha insegnato questa emergenza è che la medicina del territorio ha un valore strategico inestimabile», aggiunge.

Per evitare che al danno, causato dallo scarso numero di posti disponibili, si aggiunga anche la beffa di essere scartati per motivi che non hanno a che fare con la prova, Consulcesi si propone di vigilare sul corretto svolgimento delle prove e, in caso di irregolarità, ha attivato al numero 800.189.091 uno sportello gratuito in cui raccogliere le segnalazioni. I legali di Consulcesi valuteranno le informazioni per capire se si potrà procedere con un ricorso formale. Tra le irregolarità da tenere d’occhio ci sono le eventuali “manomissioni” dei plichi contenenti la prova, cambi non programmati di aula, suggerimenti o interazioni tra i candidati e infine l’introduzione di smartphone, tablet, manuali o qualsiasi altro materiale. Per evitare di farsi annullare la prova, oltre a rispettare le regole, è bene ricordarsi di usare solo ed esclusivamente la penna nera fornita e di non correggere più di una volta uno stesso quesito.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Test corso Medicina generale, prime irregolarità. Avv. Tortorella: «I posti sono troppo pochi»
Dopo il concorso per l'ingresso al Corso di Formazione in Medicina Generale, le prime segnalazioni parlano di numeri decisamente troppo ridotti rispetto al fabbisogno del Ssn. L'avvocato Tortorella spiega cosa può fare chi vuol fare ricorso
Covid: terapia domiciliare fondamentale, no a cortisone e antibiotici
Nel corso di formazione professionale ECM di Consulcesi “La gestione del paziente Covid-19 nel contesto domiciliare” tutte le informazioni più aggiornate con la consulenza di Emanuele Nicastri, direttore malattie infettive Istituto Spallanzani di Roma
Cure domiciliari, Nicastri (Spallanzani): «Antivirali, cortisone ed eparina solo in ospedale»
Il corso Fad realizzato dal provider di Consulcesi Club affronta gli aspetti relativi all’assistenza domiciliare dei positivi al Sars-Cov-2, dalla diagnosi alla negativizzazione. Rossi (Uscar Lazio): «Terapie inappropriate possono causare un peggioramento della patologia»
Medicina di famiglia, tra presente e futuro i nodi da sciogliere per una sanità migliore
La pandemia ha evidenziato l’ovvio: la branca meno valorizzata è quella di cui avremo sempre più bisogno. Tra riforme sbandierate e finanziamenti arenati c’è necessità di rinnovare, per i mmg ma soprattutto per il bene della comunità
Tumori cutanei, il corso Fad per riconoscerli
Offerto dal provider di Consulcesi Club, è pensato per mmg, dermatologi e chirurghi. Il responsabile scientifico Bassetto: «Il medico di base oggi deve avere nozioni per poter distinguere un tumore maligno della cute rispetto a una manifestazione benigna»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco