Formazione 21 Luglio 2015

Contro le pandemie necessario un vero e proprio addestramento globale 

Il Generale Piervalerio Manfroni: «Gli standard di sicurezza delle Forze Armate un modello da seguire anche in sanità»

Immagine articolo

Tra i relatori della Tavola rotonda “La lezione di E-bola” anche il Generale Ispettore Piervalerio Manfroni, capo del Servizio Sanitario dell’Aeronautica Militare.


L’Aeronautica Militare è stata protagonista del trasporto in biocontenimento di Fabrizio Pulvirenti – il medico di Emergency infettatosi lo scorso novembre in Sierra Leone e poi guarito allo Spallanzani – secondo procedure di altissima sicurezza. Manfroni è intervenuto proprio per illustrare quanto sia importante, per il personale medico e militare, la formazione e l’informazione, che si tratti di Ebola o di altre pandemie.

«Sono problematiche alle quale non si può pensare di approcciarsi senza una preparazione adeguata nei minimi dettagli. E, nonostante questo, ogni volta ci si trova davanti qualcosa che era sfuggito, o qualcosa da perfezionare. E’ questo il sistema cui ci atteniamo nella nostra Forza Armata, e solo attraverso la prevenzione possiamo stimare di poter contenere al massimo l’incidentalità. Questi risultati, applicando gli stessi standard, riusciamo ad ottenerli anche nell’ambito sanitario. E’ risaputo, infatti, che l’ottimizzazione della sicurezza all’interno delle sale operatorie è stata ottenuta adoperando i criteri di sicurezza delle Aeronautiche militari di tutto il mondo».

Le Forze Armate hanno già dimostrato di essere coordinate ed inserite in contesti internazionali. Il dato emerso oggi, delle “lezioni” impartite dall’emergenza Ebola, è che è invece la formazione del personale medico a necessitare di uno sforzo ulteriore a livello di coordinamento internazionale, per implementarlo.

«Sarebbe certamente necessario, ma è anche un meccanismo complesso da diffondere a livello globale. Intanto è fondamentale che i colleghi dei pronto soccorso di tutti gli ospedali abbiano delle conoscenze base su come comportarsi per far fronte ai casi sospetti . Non a caso adesso estenderemo quelle conoscenze ed esperienze messe a punto anche con colleghi di ospedali nazionali ed internazionali che ci hanno chiesto di collaborare con loro. L’abbiamo già fatto con colleghi di altre aviazioni militari di Paesi occidentali, siamo pronti a farlo anche con colleghi di Paesi africani. Con le risorse che abbiamo cercheremo di rispondere al meglio a tutte le richieste che ci sono state poste».

Articoli correlati
Il Decreto Calabria arriva in Senato, Carlo Palermo (Anaao): «Sblocco assunzioni è punto importante»
Previsto per martedì 18 giugno l'esame del testo in Senato. Secondo il segretario Anaao Assomed, Carlo Palermo, grazie al decreto si «allarga enormemente la platea dei medici che possono essere assunti nel sistema»
Formazione post-laurea, Grillo: «Sistema anacronistico»
Sulle 2090 borse in più necessarie per coprire il gap del sistema, il Ministro della Salute Giulia Grillom che ha partecipato all'assemblea Anaao Giovani Als, risponde senza mezzi termini: «Non arriveremo alla copertura totale. Ma bisogna rendere l'aumento strutturale»
Al via la Commissione ECM, Tortorella: «Giusto premiare chi si forma. Puntiamo sui corsi a distanza»
La prima riunione alla presenza del Ministro Grillo. L’ad di Consulcesi Group, Andrea Tortorella commenta positivamente la direzione intrapresa dal Ministero: «Sì alle premialità, è una strada che noi sosteniamo ormai da oltre tre anni». E per aiutare i medici si punta alla formazione a distanza
Contenziosi, l’urologo Gallucci: «Uso del robot non esclude complicanze, al paziente va spiegato bene»
Il professore di Urologia della Sapienza commenta l’utilizzo della robotica nel suo settore: «L’urologo è quello che più di tutti utilizza il robot. Praticamente quasi tutte le procedure, non solo la prostatectomia radicale, ma anche interventi molto complessi tipo la rimozione della vescica o la ricostruzione anche dell’intestino totalmente intracorporea o ancora i grandi interventi di tumore del rene possono essere fatti con la robotica»
Realtà virtuale e sanità, Swain (EON Reality): «Così i professionisti provano nuove procedure senza rischi»
Il chairman dell’azienda californiana a Sanità Informazione: «La realtà virtuale consente di imparare interventi rari e familiarizzare con procedure complesse senza far correre ai pazienti alcun rischio, collegando professionisti di tutto il mondo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...