Covid-19, che fare se...? 15 Luglio 2022 18:19

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

In questo momento moltissimi italiani stanno sperimentando i lievi, ma non per questo meno fastidiosi, sintomi dell’infezione Covid, causata con molta probabilità dalla variante Omicron 5. Raffreddore, mal di testa, stanchezza, sudorazione, febbre, mal di gola, queste sono alcune delle più comuni manifestazioni della malattia. Sintomi leggeri che però con questo caldo si fa fatica a sopportare per due o tre giorni di fila. La brutta notizia è che c’è poco da fare. «L’infezione e i suoi sintomi devono fare il proprio corso», assicura Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale e delle cure primarie (Simg).  «Dopo aver curato circa 19 milioni di persone possiamo serenamente concludere che il paracetamolo o l’ibuprofene non servono a nulla, se non ad alleviare in minima parte i sintomi», aggiunge.

Paracetamolo per febbre e dolori, ibuprofene contro i fastidi in gola

«Come una qualsiasi influenza, quindi, la soluzione migliore è quella di stare a riposo finché non ci si sente meglio», dice Cricelli. «Ovviamente verificando periodicamente la saturazione e assicurandosi che le condizioni non peggiorino», aggiunge. Nessun farmaco può «cancellare» i sintomi dell’infezione. Ma in specifiche situazioni possiamo fare in modo di stare un pochino meglio. «In caso di febbre alta e dolori possiamo prendere del paracetamolo, che è appunto un antifebbrile e un antidolorifico», sottolinea Cricelli. «L’ibuprofene, invece, può essere assunto in caso si abbia un mal di gola fastidioso», aggiunge, sottolineando però che «si tratta di palliativi che non hanno alcun effetto sul decorso della malattia». Del resto anche l’Agenzia italiana del farmaco parla di terapia sintomatica.

Nessun farmaco «preventivo», l’infezione lieve passa da sola

Né paracetamolo e né ibuprofene andrebbero assunti in forma preventiva. «Se non si sta male e se i sintomi sono molto leggeri, non c’è alcuna indicazione di assumere uno dei due farmaci», sottolinea Cricelli, invitando a non lasciarsi ingannare da messaggi sbagliati che circolano sul web. «Ormai sono più di due anni che stiamo curando le persone con il Covid e sappiamo perfettamente che paracetamolo e ibuprofene non accelerano e non modificano il decorso della malattia», dice il medico. «Bisogna avere pazienza e aspettare che passi», conclude.

Articoli correlati
Nuova variante “Arturo” di Omicron, in India boom di contagi. Rischiamo una nuova ondata?
In India si sta verificando un aumento dei contagi che sembrano essere legati a una nuova variante, soprannominata Arturo. Gli esperti si interrogano sul possibile rischio che possa dare luogo a una nuova ondata
Il Covid ci ha «rubato» il sonno. La neuroscienziata: «Possibile legame con neuroinfiammazione»
Giornata mondiale del sonno: tra la moltitudine di cose che la pandemia ci ha portato via, c'è anche il buon riposo. È la «coronosomnia» come conferma a Sanità Informazione Arianna Di Stadio, docente all'Università di Catania e ricercatrice onoraria presso il Laboratorio di Neuroinfiammazione UCL Queen Square Neurology di Londra
Attacchi di panico in aumento: ecco sintomi e cause. Iacobelli (Eurodap): «Donne più a rischio»
Ora che la pandemia sembra essere sotto controllo, iniziano a diventare più evidenti gli strascichi di questa emergenza. Il disturbo da attacchi di panico si sta rivelando una delle conseguenze più frequenti in epoca post-Covid. Ne parla a Sanità Informazione Eleonora Iacobelli, presidente dell'Associazione Europea per il Disturbo a Attacchi di Panico e del Centro Bioequilibrium.
Il 15 marzo è il Long Covid Day, vittime Usa si mobilitano per chiedere più attenzione
Dagli Usa è partita una grossa mobilitazione sui social. Le vittime del Long Covid, provenienti da tutto il mondo, si sono unite e hanno lanciato il Long Covid Awareness Day, una Giornata internazionale della consapevolezza sul Long Covid, che si celebra il prossimo 15 marzo. Il simbolo è un nastro tricolore grigio, nero e verde
Long Covid, un “vecchio” anti-diabetico potrebbe ridurre sintomi del 42%. Lo studio in pre-print
Un comune ed economico farmaco per il diabete potrebbe porre fine, o quasi, all'emergenza Long Covid, la sindrome post-infezione che colpisce milioni di persone nel mondo. Uno studio clinico dell'Università del Minnesota ha scoperto che la metformina, assunta da circa 20 milioni di diabetici di tipo 2 negli Stati Uniti, ha ridotto del 42% il rischio che una persona sviluppi il Long Covid
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Tutti pazzi per il farmaco che fa dimagrire. Aifa: possibili carenze per diabetici e obesi

Promosso dalla scienza come «svolta» contro l'obesità, ma acquistato e osannato da numerosi vip sui social come strategia per dimagrire, ora il farmaco semaglutide rischia di divent...
Salute

Straordinari a 100 euro l’ora e aumenti in Pronto soccorso. I dettagli del decreto Schillaci

Approvato in Consiglio dei Ministri il decreto con le nuove misure che dovrebbero dare un po' di respiro alla sanità italiana. Il ministro della Salute, Orazio Schillaci, in accordo con il coll...
di Mario Zimbalo
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino anti-Covid-19 può avere effetti collaterali anche se è passato molto tempo?

È una domanda «ritornata in voga» nei giorni scorsi, quando il celebre attore italiano, Jerry Calà, è stato costretto a lasciare il set per un malore che poi si &egrav...