Covid-19, che fare se...? 15 Luglio 2022 18:19

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

In questo momento moltissimi italiani stanno sperimentando i lievi, ma non per questo meno fastidiosi, sintomi dell’infezione Covid, causata con molta probabilità dalla variante Omicron 5. Raffreddore, mal di testa, stanchezza, sudorazione, febbre, mal di gola, queste sono alcune delle più comuni manifestazioni della malattia. Sintomi leggeri che però con questo caldo si fa fatica a sopportare per due o tre giorni di fila. La brutta notizia è che c’è poco da fare. «L’infezione e i suoi sintomi devono fare il proprio corso», assicura Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale e delle cure primarie (Simg).  «Dopo aver curato circa 19 milioni di persone possiamo serenamente concludere che il paracetamolo o l’ibuprofene non servono a nulla, se non ad alleviare in minima parte i sintomi», aggiunge.

Paracetamolo per febbre e dolori, ibuprofene contro i fastidi in gola

«Come una qualsiasi influenza, quindi, la soluzione migliore è quella di stare a riposo finché non ci si sente meglio», dice Cricelli. «Ovviamente verificando periodicamente la saturazione e assicurandosi che le condizioni non peggiorino», aggiunge. Nessun farmaco può «cancellare» i sintomi dell’infezione. Ma in specifiche situazioni possiamo fare in modo di stare un pochino meglio. «In caso di febbre alta e dolori possiamo prendere del paracetamolo, che è appunto un antifebbrile e un antidolorifico», sottolinea Cricelli. «L’ibuprofene, invece, può essere assunto in caso si abbia un mal di gola fastidioso», aggiunge, sottolineando però che «si tratta di palliativi che non hanno alcun effetto sul decorso della malattia». Del resto anche l’Agenzia italiana del farmaco parla di terapia sintomatica.

Nessun farmaco «preventivo», l’infezione lieve passa da sola

Né paracetamolo e né ibuprofene andrebbero assunti in forma preventiva. «Se non si sta male e se i sintomi sono molto leggeri, non c’è alcuna indicazione di assumere uno dei due farmaci», sottolinea Cricelli, invitando a non lasciarsi ingannare da messaggi sbagliati che circolano sul web. «Ormai sono più di due anni che stiamo curando le persone con il Covid e sappiamo perfettamente che paracetamolo e ibuprofene non accelerano e non modificano il decorso della malattia», dice il medico. «Bisogna avere pazienza e aspettare che passi», conclude.

Articoli correlati
Troppo paracetamolo in gravidanza aumenta il rischio di problemi comportamentali nei bambini
Il consumo eccessivo di paracetamolo durante la gravidanza può aumentare il rischio che il bambino sviluppi problemi di attenzione e comportamento già all'età di 2, 3 e 4 anni. Lo studio condotto dalla University of Illinois Urbana-Champaign è stato pubblicato sulla rivista Neurotoxicology and Teratology
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...