Covid-19, che fare se...? 15 Luglio 2022 18:19

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

In questo momento moltissimi italiani stanno sperimentando i lievi, ma non per questo meno fastidiosi, sintomi dell’infezione Covid, causata con molta probabilità dalla variante Omicron 5. Raffreddore, mal di testa, stanchezza, sudorazione, febbre, mal di gola, queste sono alcune delle più comuni manifestazioni della malattia. Sintomi leggeri che però con questo caldo si fa fatica a sopportare per due o tre giorni di fila. La brutta notizia è che c’è poco da fare. «L’infezione e i suoi sintomi devono fare il proprio corso», assicura Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale e delle cure primarie (Simg).  «Dopo aver curato circa 19 milioni di persone possiamo serenamente concludere che il paracetamolo o l’ibuprofene non servono a nulla, se non ad alleviare in minima parte i sintomi», aggiunge.

Paracetamolo per febbre e dolori, ibuprofene contro i fastidi in gola

«Come una qualsiasi influenza, quindi, la soluzione migliore è quella di stare a riposo finché non ci si sente meglio», dice Cricelli. «Ovviamente verificando periodicamente la saturazione e assicurandosi che le condizioni non peggiorino», aggiunge. Nessun farmaco può «cancellare» i sintomi dell’infezione. Ma in specifiche situazioni possiamo fare in modo di stare un pochino meglio. «In caso di febbre alta e dolori possiamo prendere del paracetamolo, che è appunto un antifebbrile e un antidolorifico», sottolinea Cricelli. «L’ibuprofene, invece, può essere assunto in caso si abbia un mal di gola fastidioso», aggiunge, sottolineando però che «si tratta di palliativi che non hanno alcun effetto sul decorso della malattia». Del resto anche l’Agenzia italiana del farmaco parla di terapia sintomatica.

Nessun farmaco «preventivo», l’infezione lieve passa da sola

Né paracetamolo e né ibuprofene andrebbero assunti in forma preventiva. «Se non si sta male e se i sintomi sono molto leggeri, non c’è alcuna indicazione di assumere uno dei due farmaci», sottolinea Cricelli, invitando a non lasciarsi ingannare da messaggi sbagliati che circolano sul web. «Ormai sono più di due anni che stiamo curando le persone con il Covid e sappiamo perfettamente che paracetamolo e ibuprofene non accelerano e non modificano il decorso della malattia», dice il medico. «Bisogna avere pazienza e aspettare che passi», conclude.

Articoli correlati
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Covid, leggero calo dei ricoveri (-3,3%). In ospedale l’83% dei vaccinati non ha la quarta dose
Migliore (Fiaso): «Meno pressione sugli ospedali ma allerta massima. Da sorvegliare il leggero aumento di ricoveri con Covid in età scolare»
Cosa succede se ho il Long Covid e mi reinfetto?
Le reinfezioni mentre si è alle prese con il Long Covid saranno sempre più comuni. E questo può portare a un peggioramento dei sintomi
Covid, calano ancora i ricoveri (-23,1%). È il dato migliore delle ultime 6 settimane
Migliore (Fiaso): «L’arrivo dei vaccini bivalenti potrà dare ora un ulteriore contributo nella lotta al virus: ripartire con vigore con la campagna vaccinale per immunocompromessi e anziani»
Cina: milioni di persone in lockdown senza cibo e medicine
Decine di milioni di persone sono bloccate in Cina a causa di lockdown estesi. I residenti denunciano carenze di beni di prima necessità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi