Salute 27 giugno 2017

Carrie Fisher morta per un’apnea del sonno? Parla lo specialista

Secondo il Coroner di Los Angeles, la principessa Leila di Star Wars sarebbe morta anche per insufficienza respiratoria causata da OSAS. La patologia si conferma un allarme sociale. Braghiroli (Istituto Maugeri): «La diagnosi può salvare»

Immagine articolo

Carrie Fisher morta per un’apnea notturna? L’indimenticabile principessa Leila di Star Wars sarebbe scomparsa a causa di un’insufficienza respiratoria durante il sonno. A riferirlo, a sei mesi dalla morte dell’attrice, il Los Angeles County Department of Medical Examiner che, ad un’analisi più approfondita dell’autopsia, rende noto che il decesso dell’attrice americana sia dipeso da una combinazione di diversi fattori, tra cui la sindrome delle apnee notturne, una arteriosclerosi avanzata e l’uso incontrollato di medicinali.

La sindrome delle apnee ostruttive del sonno è una vera e propria emergenza sociale e a denunciarne la gravità sono gli specialisti pneumologi di tutto il mondo. In Italia a soffrire di Osas sono più di un milione e mezzo di pazienti e di recente l’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri si è riunita in Congresso Nazionale a Bologna proprio per fare il punto della situazione. In questa occasione, Sanità Informazione ha intervistato Alberto Braghiroli, direttore del Centro di Medicina del sonno presso la Fondazione Maugeri.

Quanti sono i pazienti che soffrono di apnee notturne e come individuarne i sintomi?

«Il numero di pazienti affetti da Osas è piuttosto elevato. Oggi circa 2 milioni di persone soffrono di apnee notturne. Negli ultimi anni, la comunità scientifica ha evidenziato il rischio che la sindrome Osas possa aggravare nel paziente patologie preesistenti (soprattutto di tipo cardiovascolare e metabolico) e dunque peggiorarne notevolmente lo stato di salute. Dalle ultime stime effettuate nell’ambito di studi fatti di recente a livello europeo, si riscontra una presenza di difficoltà respiratorie notturne molto alta: almeno il 25% della popolazione maschile e oltre il 15% di quella femminile che hanno avuto, nel corso della vita, episodi di apnee».

La polisonnografia può rappresentare una soluzione diagnostica?

«Sì, la diagnosi è fondamentale. Oggi disponiamo di sistemi portatili che consentono di effettuare diagnosi accurate fatte a domicilio e anche rimborsabili dal Sistema Sanitario Nazionale. Dunque senza affrontare il lungo iter diagnostico che in passato i pazienti erano costretti ad affrontare, oggi è tutto molto più pratico e veloce».

Il medico di base rappresenta la prima sentinella per individuare la patologia? In quest’ottica ritiene necessaria una maggiore formazione?

«Sicuramente sì, anche perché i sintomi spesso sono fuorvianti e non sempre risultano correlati al problema del russamento. I sintomi più caratteristici sono stanchezza cronica che si manifesta in sonnolenza diurna e necessità durante la notte di alzarsi più volte per andare in bagno. Inoltre, la sudorazione profusa, sia di notte che di giorno, è un altro segnale».

LEGGI ANCHE: 

DISTURBI DEL SONNO: NEL REGNO UNITO BOOM DI DIAGNOSI

OSAS, PROFESSOR CALÒ (POLICLINICO CASILINO): «SERVE DIAGNOSI, OCCORRONO STRUMENTI PER SCREENING DI MASSA»

Articoli correlati
Congresso ESC: c’è un legame tra disturbi del sonno e cardiopatie e ictus
E se dormire male fosse non solo causa di occhiaie poco estetiche e stanchezza trascinata per tutta la giornata, ma fosse legato a problemi decisamente più gravi quali ictus e cardiopatie ischemiche? È quanto dimostrato da uno degli studi presentati in occasione del Congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC), che quest’anno si è tenuto […]
Osas e colpi di sonno: alla guida attenti ai “microsleeps”. Ecco come il medico individua i soggetti a rischio
La prevenzione sui rischi, per chi guida, dovuti a sonnolenza, stanchezza e scarsa concentrazione è fondamentale, a spiegarlo il professor Francesco Peverini Direttore Scientifico della Fondazione per la Ricerca e la Cura dei Disturbi del Sonno Onlus
Disturbi del sonno: nel Regno Unito boom di diagnosi
Nel Regno Unito sono raddoppiate le richieste di diagnosi per disturbi del sonno: se nel 2007 erano poco meno di 70mila, l’anno scorso hanno sfiorato la cifra di 150mila. E il disturbo più frequente è senz’altro l’apnea ostruttiva nel sonno (OSAS), una condizione che porta le persone a smettere di respirare mentre dormono, «anche per […]
Osas, Professor Calò (Policlinico Casilino): «Serve diagnosi, occorrono strumenti per screening di massa»
Il primario di cardiologia, tra i maggiori esperti del tema, punta sulla polisonnografia portatile per affrontare i casi sempre più numerosi e annuncia: «Presto un ambulatorio dedicato prettamente alla sindrome delle Apnee notturne per lavorare in team con tutti professionisti». Appello ai colleghi: «Serve maggiore formazione»
Osas può provocare problemi psichiatrici. Familiari (odontoiatra): «Depressione frequente fra pazienti»
Le Apnee Ostruttive del Sonno possono essere la miccia di molte patologie, una fra tutte sbalzi d’umore frequenti e alterazioni psico-fisiche. Sonia Familiari, odontoiatra esperta di Gnatologia e disturbi respiratori collegati al sonno: «C’è una solido legame fra Osas e sbalzi d’umore»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...