Sanità internazionale 27 Giugno 2017 09:22

Disturbi del sonno: nel Regno Unito boom di diagnosi

Nel Regno Unito sono raddoppiate le richieste di diagnosi per disturbi del sonno: se nel 2007 erano poco meno di 70mila, l’anno scorso hanno sfiorato la cifra di 150mila. E il disturbo più frequente è senz’altro l’apnea ostruttiva nel sonno (OSAS), una condizione che porta le persone a smettere di respirare mentre dormono, «anche per […]

Nel Regno Unito sono raddoppiate le richieste di diagnosi per disturbi del sonno: se nel 2007 erano poco meno di 70mila, l’anno scorso hanno sfiorato la cifra di 150mila. E il disturbo più frequente è senz’altro l’apnea ostruttiva nel sonno (OSAS), una condizione che porta le persone a smettere di respirare mentre dormono, «anche per 27 volte in un’ora», rivela un paziente.

I risultati delle diagnosi mostrano che 1 milione e mezzo di persone nel Regno Unito soffrono di questa sindrome, anche se i medici sottolineano come siano molti i casi non ancora diagnosticati: si stima che il 2% delle donne e il 4% degli uomini nel Regno Unito soffrano in maniera significativa di apnee notturne; tuttavia, si sospetta che l’80% di questi non ne siano a conoscenza. L’aumento delle richieste di diagnosi è però senz’altro un segnale della maggiore consapevolezza dei rischi per la salute legati al dormire poco: «l’apnea notturna mi ha trasformato in un recluso. Ero sempre così stanco che non avevo voglia di socializzare, e visto che russavo molto forte mi vergognavo troppo per andare a dormire a casa di qualcun altro», dichiara un paziente alla BBC.

Ma da cosa sono causate queste apnee? Di fatto, le vie aeree vengono bloccate dal rilassamento di muscoli e tessuti molli della gola. La mancanza di ossigeno nel cervello porta a svegliarsi e a interrompere continuamente il sonno. Inoltre, spesso la condizione è associata a russamento, grugniti e rantoli e può portare ad altri problemi come l’aumento della pressione sanguigna, che a sua volta può causare ictus o infarti.

Per rimediarvi, i medici in genere suggeriscono di indossare durante la notte una maschera d’ossigeno o altri apparecchi che permettono di mantenere le vie aeree libere. Ad alcuni viene poi richiesto di perdere peso o di sottoporsi ad un intervento chirurgico per rimuovere il tessuto in eccesso nelle vie aeree.

Se vuoi approfondire la notizia, leggi la BBC.

Articoli correlati
Regina Elisabetta morta a 96 anni: «Esempio di longevità sana»
Ben 96 anni di vita attiva e 70 anni di regno: la Regina Elisabetta II lascia in eredità un esempio di longevità, lucidità e resilienza
GB: paura polio, a Londra vaccini a tutti i bambini under 10
Dopo aver rilevato il virus della polio nelle acque reflue di Londra, le autorità sanitarie hanno deciso di offrire la vaccinazione antipolio a tutti i bambini sotto i dieci anni d'età
Ricompare la poliomielite in Europa, in Gb massima allerta
Nel Regno Unito è stato segnalato un potenziale focolaio di poliomielite, in seguito al ritrovamento di tracce del virus nelle acque reflue. Secondo l'Oms, ci sono oltre 100 paesi che non raggiungono la copertura vaccinale raccomandata
Gb: meno visite faccia a faccia fanno bene all’ambiente e al portafogli
Nel Regno Unito c'è un acceso dibattito sull'opportunità di aumentare le visite a distanza dei pazienti per i suo effetti benefici contro l'inquinamento e per il risparmio economico
GB: i medici chiedono multe ai pazienti che saltano gli appuntamenti
Nel Regno Unito i medici chiedono di multare fino a 5 sterline i pazienti che saltano gli appuntamenti senza motivo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi