Sanità internazionale 27 Giugno 2017

Disturbi del sonno: nel Regno Unito boom di diagnosi

Nel Regno Unito sono raddoppiate le richieste di diagnosi per disturbi del sonno: se nel 2007 erano poco meno di 70mila, l’anno scorso hanno sfiorato la cifra di 150mila. E il disturbo più frequente è senz’altro l’apnea ostruttiva nel sonno (OSAS), una condizione che porta le persone a smettere di respirare mentre dormono, «anche per […]

Nel Regno Unito sono raddoppiate le richieste di diagnosi per disturbi del sonno: se nel 2007 erano poco meno di 70mila, l’anno scorso hanno sfiorato la cifra di 150mila. E il disturbo più frequente è senz’altro l’apnea ostruttiva nel sonno (OSAS), una condizione che porta le persone a smettere di respirare mentre dormono, «anche per 27 volte in un’ora», rivela un paziente.

I risultati delle diagnosi mostrano che 1 milione e mezzo di persone nel Regno Unito soffrono di questa sindrome, anche se i medici sottolineano come siano molti i casi non ancora diagnosticati: si stima che il 2% delle donne e il 4% degli uomini nel Regno Unito soffrano in maniera significativa di apnee notturne; tuttavia, si sospetta che l’80% di questi non ne siano a conoscenza. L’aumento delle richieste di diagnosi è però senz’altro un segnale della maggiore consapevolezza dei rischi per la salute legati al dormire poco: «l’apnea notturna mi ha trasformato in un recluso. Ero sempre così stanco che non avevo voglia di socializzare, e visto che russavo molto forte mi vergognavo troppo per andare a dormire a casa di qualcun altro», dichiara un paziente alla BBC.

Ma da cosa sono causate queste apnee? Di fatto, le vie aeree vengono bloccate dal rilassamento di muscoli e tessuti molli della gola. La mancanza di ossigeno nel cervello porta a svegliarsi e a interrompere continuamente il sonno. Inoltre, spesso la condizione è associata a russamento, grugniti e rantoli e può portare ad altri problemi come l’aumento della pressione sanguigna, che a sua volta può causare ictus o infarti.

Per rimediarvi, i medici in genere suggeriscono di indossare durante la notte una maschera d’ossigeno o altri apparecchi che permettono di mantenere le vie aeree libere. Ad alcuni viene poi richiesto di perdere peso o di sottoporsi ad un intervento chirurgico per rimuovere il tessuto in eccesso nelle vie aeree.

Se vuoi approfondire la notizia, leggi la BBC.

Articoli correlati
A Londra i numeri del Covid-19 non spaventano. Un cardiologo italiano racconta come viene gestita la pandemia
Francesco Logiudice: «Ospedali pronti per tempo, buoni margini in terapia intensiva. 70% dei pazienti curato a casa con paracetamolo, 30% in ospedale con ossigeno, tra 5 e 10% in terapia intensiva». E si inizia a pensare alla riapertura
di Federica Bosco
È Brexit. Ecco cosa ne pensano i nostri giovani medici nel Regno Unito
Chi è in Uk da pochissimo, chi ci ha portato la famiglia, chi ha deciso di tornare. In un clima di ‘vigile attesa’, abbiamo raccolto testimonianze, preoccupazioni, previsioni
Pronto soccorso, nel Regno Unito l’Nhs utilizza le farmacie per decongestionarli
In base al nuovo servizio Cpcs (Community pharmacy consultation service), attivo in duemila città, chi chiama il numero di emergenza 111 può essere dirottato sul più vicine farmacie per problemi di salute minori
Regno Unito, l’annuncio di Boris Johnson: «1,8 miliardi di sterline alla sanità pubblica»
Il primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, ha annunciato uno stanziamento di 1,8 miliardi di sterline (circa 1.960 milioni di euro) per introdurre miglioramenti al Servizio sanitario nazionale (Nhs), in linea con una delle sue grandi promesse della campagna elettorale. Nel 2016, Johnson ha utilizzato l’Nhs come uno degli argomenti principali per spiegare gli […]
Sindrome apnee ostruttive, Rossana Boldi (Lega): «Osas sia riconosciuta come malattia cronica invalidante»  
Presentata alla Camera una risoluzione che impegna il Governo in questa direzione, attraverso anche una serie di iniziative tra cui l'avvio di una campagna informativa di prevenzione, diagnosi e cura dei pazienti rispetto a una patologia tanto diffusa quanto subdola
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...