Salute 12 Giugno 2017 12:37

Osas, Professor Calò (Policlinico Casilino): «Serve diagnosi, occorrono strumenti per screening di massa»

Il primario di cardiologia, tra i maggiori esperti del tema, punta sulla polisonnografia portatile per affrontare i casi sempre più numerosi e annuncia: «Presto un ambulatorio dedicato prettamente alla sindrome delle Apnee notturne per lavorare in team con tutti professionisti». Appello ai colleghi: «Serve maggiore formazione»

L’apnea ostruttiva del sonno è una malattia vera e propria. Sebbene in passato questa patologia sia stata sottovalutata, oggi l’attenzione è maggiore e la diagnosi si avvale di strumentazioni sofisticate che riescono a individuare il problema attraverso la polisonnografia e di conseguenza permettono di applicare una corretta terapia.  Dunque, la diagnosi è fondamentale nell’ottica di prevenire un aggravamento dei sintomi: a sostenerlo Leonardo Calò, Primario di Cardiologia presso il Policlinico Casilino di Roma che, ai microfoni di Sanità Informazione, mette in guardia gli stessi medici a prestare attenzione alle spie che possono rivelare l’Osas.

«Spesso il medico affronta il problema delle apnee ostruttive del sonno in maniera generica perché non ha conoscenze specifiche e perché suppone non ci siano rischi per questo tipo di patologia; in realtà ci sono dei rischi e sono rischi importanti che, nei casi più gravi, possono anche causare mortalità. In ogni caso, l’Osas non curata peggiora nettamente la qualità di vita, per cui i consigli devono essere meno generici, meno legati banalmente al fatto di dimagrire o perder peso, ma la questione fondamentale è trovare soluzioni corrette per ogni singolo malato, e anche saper capire quanto è importante e quanto è grave il disturbo».

Consigli pratici per i pazienti?

«Da un punto di vista pratico tutti quanti i pazienti che temono di soffrire di apnee notturne, è giusto facciano degli approfondimenti specifici in centri specializzati, così da fornire al medico degli strumenti che consentono di monitorare il problema, perché il punto centrale è questo: tutti possiamo avere delle apnee notturne, però capire quanto sono importanti è il nodo focale».

Quindi la diagnosi assume un ruolo importantissimo ma le strutture ospedaliere, quindi il Sistema Sanitario Nazionale, sopportano l’onda d’urto di tantissimi pazienti in Italia?

«Va cambiata assolutamente la modalità di gestione di questi pazienti: gli strumenti di diagnosi devono essere molto più semplici. Per esempio lo strumento che permette di effettuare la polisonnografia (l’andamento del sonno notturno) deve essere portatile e semplice da utilizzare, come si fa per gli Holter (strumenti per diagnosticare gli elettrocardiogrammi), ad esempio, possibilità di diffusione a 360° di uno strumento facile da gestire. Più screening di masse che permettono di focalizzare il problema e poi eventualmente approfondire con ulteriori indagini più specialistiche».

Presto ci sarà un’importante iniziativa, la prima in Italia, con un ambulatorio dedicato alle tematica OSAS

«Assolutamente sì, la nostra idea è quella di creare un laboratorio dedicato, che si occupi di questo tipo di problematiche dal punto di vista cardiologico. Il cardiologo certamente è una figura che può prendere in mano questo tipo di materia grazie alle sue competenze per poi rivolgersi e lavorare insieme ad altri specialisti che si occupano della parte pneumologica, neurologica, otorinolaringoiatrica, così da creare un team che lavora insieme per migliorare la diagnosi e curare la malattia».

Articoli correlati
Otorinolaringoiatria, i campanelli d’allarme per diagnosticare precocemente l’Osas
Casale (Campus Biomedico di Roma): «La sindrome delle apnee ostruttive del sonno è frequente e ancora troppo sottostimata. La diagnosi deve essere il più precoce possibile perché può comportare delle conseguenze a breve e lungo termine»
Osas, attivato al Campus Bio-Medico di Roma il servizio di polisonnografia domiciliare
Con la polisonnografia digitale il paziente può effettuare l’esame a casa e ricevere il referto entro tre giorni dal Policlinico Universitario Campus Bio-Medico
Sindrome apnee ostruttive, Rossana Boldi (Lega): «Osas sia riconosciuta come malattia cronica invalidante»  
Presentata alla Camera una risoluzione che impegna il Governo in questa direzione, attraverso anche una serie di iniziative tra cui l'avvio di una campagna informativa di prevenzione, diagnosi e cura dei pazienti rispetto a una patologia tanto diffusa quanto subdola
Roncopatia e apnee del sonno, ne soffre uno su due. Salamanca (otorinolaringoiatra): «Ecco le novità nella diagnosi e nei trattamenti»
Sono oltre 5 milioni le persone che in Italia soffrono di roncopatia. Studi recenti, realizzati in Svizzera, parlano addirittura di un disturbo che interessa una persona su due, con forme di apnea del sonno anche gravi. Al centro Humanitas San Pio X di Milano il dottor Salamanca con la sua équipe studia nuove tecniche per […]
di Federica Bosco
Che cosa succede al nostro cervello quando dormiamo? «Occorre far riposare le sinapsi», l’intervista alla neuroscienziata Chiara Cirelli
«La rinormalizazione sinaptica è quel processo operativo durante il sonno profondo e che ci permette di recuperare le energie» così la ricercatrice della University of Wisconsin-Madison
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 240.692.909 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.898.901 i decessi. Ad oggi, oltre 6,61 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?