Politica 12 gennaio 2017

«La figura del medico legale torna al centro. Finalmente un giusto riconoscimento per la categoria»

L’Articolo 15 del testo approvato dal Senato dà al giudice il compito di conferire ai medici legali e a specialisti nella disciplina «oggetto del procedimento» il compito di effettuare la consulenza in una causa per malpractice. Luisa Regimenti (SISMLA): «Svolta storica»; Vittorio Fineschi (Università “Sapienza”): «Finalmente il giusto riconoscimento per la categoria»; Giovanni Cannavò (“Melchiorre Gioia”): «Fondamentali le linee guida, ma chi le fa deve essere autorevole»

«Una svolta storica». Luisa Regimenti, Presidente SISMLA (Sindacato Italiano Medici Specialisti in Medicina Legale), definisce così una modifica che aspettava «da quando, 25 anni fa, ho cominciato a fare sindacato», e che dà ai medici legali un ruolo fondamentale nella valutazione dell’operato dei colleghi implicati in una causa per malpractice.

L’articolo 15 del Ddl n°2224, relativo alla «nomina dei consulenti tecnici d’ufficio, dei consulenti tecnici di parte e dei periti nei giudizi di responsabilità sanitaria», stabilisce infatti che: «Nei procedimenti civili e nei procedimenti penali aventi ad oggetto la responsabilità sanitaria implicanti la valutazione di problemi tecnici complessi, l’autorità giudiziaria affida l’espletamento della consulenza tecnica e della perizia a un medico specializzato in medicina legale e a uno o più specialisti nella disciplina che abbiano specifica e pratica conoscenza di quanto oggetto del procedimento, avendo cura che i soggetti nominati non siano in posizione di conflitto di interessi nello specifico procedimento o in altri connessi».

«Finalmente viene riconosciuto quel che noi definiamo il ruolo medico-legale – continua Regimenti –, cioè il disposto legislativo che sancisca per sempre che la disciplina medico legale è l’unica deputata a decidere e discriminare in ambito di responsabilità professionale medica. Nella proposta di legge è appunto stabilito che sarà il medico legale a valutare l’eventuale responsabilità professionale di un medico che abbia agito per malpractice».

Le fa eco Vittorio Fineschi, della Facoltà di “Medicina Legale” all’Università “Sapienza” di Roma: «Il momento è di grande fermento – dichiara ai nostri microfoni – e questa norma, che ritornerà alla Camera per la definitiva approvazione, per noi è un punto fermo di interpretazione anche operativa: l’articolo 15 della normativa prevede la formazione di un collegio che dovrà valutare i casi di responsabilità professionale dal punto di vista tecnico. È un punto molto importante perché credo che i medici, tutti i medici, non vogliono sottrarsi al giudizio ma vogliono essere valutati da colleghi che ne sanno quanto loro. Questi, conoscendo la materia in giudizio, potranno emettere giudizi più qualificati».

Lo scorso autunno lo stesso Fineschi e Giovanni Cannavò, Presidente della Società Scientifica “Melchiorre Gioia”, organizzarono un congresso per dare inizio ad un percorso di unità della medicina legale. L’idea nacque proprio dalla discussione del Ddl Gelli e aveva l’obiettivo di unire gli intenti delle varie parti in gioco per affrontare al meglio le nuove sfide della professione: «Il decreto Gelli – ha dichiarato il Presidente Cannavò ai nostri microfoni – sottolinea l’importanza delle linee guida, che nel testo di legge saranno determinanti per accertare l’eventuale responsabilità del medico. Ma chi valida le linee guida? Le società scientifiche. Ma le società scientifiche devono essere autorevoli. Abbiamo effettuato una semplice analisi e abbiamo verificato che il nostro settore è estremamente frammentato. È dunque necessario ritornare ad un’unità dell’intera categoria medico-legale».

 

Articoli correlati
Vaccini: OMCeO Milano ha radiato un medico
Dario Miedico, medico legale, uno dei firmatari di una lettera che esprimeva perplessita’ sulle vaccinazioni pediatriche, e’ stato appena radiato dall’Ordine dei medici di Milano. Lo si apprende da fonti interne all’Ordine dei medici. Tra i firmatari della stessa lettera c’era anche il dottor Roberto Gava gia’ radiato nei mesi scorsi dall’Ordine di Treviso. La decisione di […]
Responsabilità professionale, Biondi (OMCeO Catania): «Formazione requisito per assicurazioni»
Antonio Biondi, Vicepresidente dell'Ordine di Catania sulla Legge Gelli: «Allo stato attuale, un’assicurazione che riconosca che il medico non si è adeguatamente formato, potrebbe anche non riconoscere la sua assicurazione»
Legge Gelli, Silvestro (IPASVI): «Assicurazioni e formazione ECM: così migliora rapporto tra infermieri e pazienti»
La Senatrice del Partito Democratico spiega ai nostri microfoni il valore di una riforma «che, senza esagerare, definirei storica» perché «tutela, nello stesso momento, sia l’esercente la professione sanitaria che il cittadino». Centrale il tema della formazione continua: «Un segno di civiltà: i professionisti si impegnano non solo per motivazioni lavorative, ma anche etiche, a mantenere alte le competenze»
Amedeo Bianco: «Tutelati i diritti dei cittadini e resi più chiari i percorsi di risarcimento»
Il Senatore Amedeo Bianco (Pd) ai nostri microfoni: «Nel testo viene disegnato un profilo di azione da parte del cittadino verso la struttura nei termini e nelle forme più consone»
Ddl n°2224: ecco tutti gli emendamenti approvati al Senato
In totale sono 6 gli articoli modificati dagli emendamenti presentati nel corso della discussione di Palazzo Madama, tra cui la modifica del titolo del documento. Cambia anche il limite alla misura di rivalsa e la tutela del professionista che opera in una struttura in regime libero professionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...