Lavoro 2 Luglio 2021 15:19

Medici legali chiedono al Ministero del Lavoro equo compenso e minimi salariali

Il segretario nazionale di SISMLA: «Categoria e dignità professionali a rischio per oltre 2000 medici legali. Tariffe irrisorie mettono a rischio la qualità dei servizi»

di Federica Bosco
Medici legali chiedono al Ministero del Lavoro equo compenso e minimi salariali

Medici legali sul piede di guerra per compensi irrisori, clausole vessatorie, svilimento dell’attività professionale. A chiedere al governo di essere ascoltati è il SISMLA, sindacato italiano specialisti di medicina legale e delle assicurazioni che nelle parole del suo segretario nazionale Enrico Pedoja evidenzia una situazione non più sostenibile: «Siamo medici a partita Iva e come tali dovremmo essere equiparati ai professionisti che hanno diritto ad un equo compenso – dichiara il segretario -. Dalla legge Bersani gli onorari sono stati aboliti e oggi in media per una consulenza i professionisti percepiscono 25 euro lordi, che arrivano a 50, 55 euro quando si tratta di grandi compagnie. Cifre che comprendono non solo la visita, ma la stesura della relazione del danno riscontrato e la gestione amministrativa della consulenza che prevede la convocazione del periziato, una certa disponibilità oraria e la risposta telematica allo stesso».

2000 medici legali senza tutele

Uno svilimento per la categoria che chiede oggi di individuare un salario minimo per attività continuativa a partita Iva e l’inclusione dei propri associati tra i professionisti che possono esigere l’equo compenso, ma anche di vedere riconosciuta la propria professionalità in particolare nel campo delle assicurazioni private.

«Ormai il professionista non ha più potere decisionale – riprende il segretario SISMLA -, le compagnie assicurative decidono unilateralmente compensi, incarichi, impongono l’esclusività, ma non offrono garanzie».

Sono oltre 2000 i medici legali che chiedono di essere ascoltati e di vedere regolamentata la propria attività per la tutela della professione. «Noi riteniamo di essere soggetti per i quali è prevista l’applicazione dell’equo compenso – aggiunge Pedoja – e poter entrare poi nella definizione di orari minimi per questa specifica attività medica».

Sul tavolo del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Andrea Orlando sono arrivate le richieste del SISMLA in tema di equo compenso e minimi salariali per professionisti a partita Iva per attività continuativa non occasionale. «Attraverso un’indagine fatta con il sindacato e comunicata anche alla FNOMCeO abbiamo individuato i minimi che dovrebbero essere di almeno 110 euro lordi a prestazione. Se l’istanza non fosse accettata si potrebbero aprire scenari preoccupanti con conseguenze negative sulla qualità delle perizie a scapito dei cittadini», conclude Pedoja.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Assistenza ospedaliera, medici legali “dimenticati”. SISMLA non ci sta e scrive al Ministro Speranza
Pedoja (segretario SISMLA): «La revisione del decreto 70 del 2015 in merito alla definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici degli ospedali proposta dal Ministero della Salute non tiene conto del ruolo dell’area medico legale»
di Federica Bosco
Procedure, scudo penale e gestione integrata: come la medicina legale ha gestito il contenzioso in pandemia
Prima la gestione delle procedure sui pazienti, con il rischio di contagio, poi quella delle autopsie sui positivi, la medicina legale si è confrontata con la pandemia in maniera pronta. Di fronte al contenzioso ha reagito in aiuto dei professionisti sanitari
Covid-19 e autopsie, la battaglia del professor Pomara: «Sconsigliarle danno per ricerca scientifica. Eppure, rischio contagio è basso»
Il direttore di Medicina Legale dell’Università di Catania contesta le scelte del ministero della Salute: «La circolare era contraddittoria e comunque le norme non possono cambiare in relazione al quadro epidemiologico. Se si sono svolti esami autoptici per la 'mucca pazza', perché per il Covid-19 non si può?». Intanto si muove la politica
Sanità, Regimenti (Lega): «Ue riconosca multidisciplinarietà medicina legale»
Avviato tavolo permanente al Parlamento europeo. Obiettivo far nascere una scuola post-laurea in Medicina forense
Rischio clinico, contenzioso e fine vita. Dal 12 al 14 febbraio se ne parla alla Sapienza di Roma
Ritorna il convegno annuale sui principali temi di interesse per il settore medico. Previsti ospiti eccellenti e tavoli di confronto. Il professor Fineschi: «Centrale nel nostro dibattito l’applicazione della Legge Gelli». La professoressa Frati: «Approfondiremo anche la sentenza della Corte Costituzionale che rende possibile anche in Italia il suicidio assistito»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al primo dicembre, sono 262.857.019 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.216.780 i decessi. Ad oggi, oltre 7,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano