Diritto 26 maggio 2014

Direzioni U.O., al via la class action per risarcire i sostituti responsabili

L’avv. Rango: “I ricorsi collettivi strumento ideale per tutelare il medico senza esporlo a rischi professionali”

Immagine articolo

Nuove azioni collettive in partenza per il mondo dei camici bianchi. Questa volta nel mirino ci sono quelle Aziende sanitarie che, in barba a quanto sancito dall’articolo 18 del CCNL di categoria, prorogano, oltre il termine massimo, l’affidamento dell’incarico di sostituto responsabile di U.O.

Reiterare per un tempo eccessivo un incarico di questo tipo significa non solo bloccare i concorsi previsti per legge, ma anche riservare al sostituto un trattamento economico differente.

Sanità Informazione ha approfondito il tema con l’avvocato Flavio Valerio Rango che, tracciando un quadro della situazione, spiega: “Il profilo professionale interessato, e che può fare ricorso, è quello dei dirigenti medici che svolgono, o hanno svolto, un incarico di sostituto responsabile di Unità Operativa oltre il termine di un anno. Il contratto collettivo della dirigenza medica consente all’azienda di utilizzare la sostituzione di un medico dirigente, che abbia cessato il rapporto di lavoro, esclusivamente per un termine di sei mesi, prorogabili al massimo a un anno. In tutte quelle ipotesi in cui l’azienda proroghi l’affidamento di questo incarico oltre il termine massimo, incorre in una violazione della normativa suddetta. Tutto ciò –continua Rango – legittima la richiesta per ottenere le differenze retributive tra quanto previsto per il ruolo di responsabile di Unità Operativa e quanto effettivamente percepito dal facente funzioni per il maggior tempo in cui ha svolto questo incarico”.

Particolare attenzione va però data al termine di prescrizione dei crediti retributivi rivendicati, un punto su cui l’avvocato Rango fa chiarezza: “Le scadenze vanno analizzate singolarmente, nel senso che per ogni singola posizione è necessario individuare la decorrenza del termine di prescrizione, che in questi casi è di cinque anni; inoltre – continua l’avvocato –  la decorrenza andrà valutata considerando che questa matura nel corso del rapporto di lavoro. Un medico che agisce in giudizio potrà quindi richiedere esclusivamente gli ultimi cinque anni di facente funzioni, a meno che – specifica Rango – nel periodo precedente non abbia presentato un’apposita diffida: in quel caso sarà possibile estendere l’ambito di applicazione dell’azione seriale”.

E per far fronte al comprensibile timore, da parte dei medici, di avere problemi con le proprie strutture a causa di azioni di questo tipo, il legale rassicura: “Azionare un ricorso collettivo è l’ideale: così facendo si evita un’esposizione personale da parte del dirigente medico, e si solleva collettivamente la problematica nei confronti dell’azienda di appartenenza”.

Per ulteriori informazioni, un team di consulenti legali è disponibile gratuitamente al numero verde 800.122.777.

Articoli correlati
«Diseguaglianze, formazione ed ex specializzandi, le prime sfide del Ministro Grillo». Intervista al Presidente FNOMCeO Filippo Anelli
Tutti i nodi da sciogliere sul tavolo del nuovo Governo: «Un’Italia divisa in due, la fuga di cervelli e una programmazione da riorganizzare: la partita è aperta»
Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»
Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»
Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»
L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai stata attuata. Ora puntiamo al riconoscimento delle differenze retributive»
Ex specializzandi ’93-2006, Stato condannato a pagare aumento triennale
La nuova sentenza consolida la giurisprudenza in materia: come già stabilito nei mesi scorsi dallo stesso Tribunale di Roma con la pronuncia 4240/17, riconosciuto un nuovo diritto negato ai tempi della formazione post-laurea
Ex specializzandi 1993-2006, ecco come le ultime sentenze hanno cambiato la giurisprudenza
La vicenda dei camici bianchi che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico per gli anni di scuola post-laurea è costata finora centinaia di milioni alle casse dello Stato. I Tribunali continuano ad emanare sentenze di condanna nei confronti della Presidenza del Consiglio. Ecco qual è la situazione alla luce delle pronunce più recenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma deg...