Diritto 3 marzo 2015

Assicurazioni: i ginecologi sfidano il Governo

Nella diffida dell’Aogoi la richiesta di eliminare le clausole “claims made” emanando il nuovo regolamento

Immagine articolo

Ginecologi contro il Governo. L’Aogoi (l’associazione che tutela gli interessi dei ginecologi ospedalieri italiani) ha presentato una diffida formale al Governo a provvedere “all’emanazione del Regolamento governativo previsto dall’art.3 del D.L. 158/2012” entro 60 giorni dalla notificazione della diffida stessa.

In caso contrario si ricorrerà al Tar del Lazio. Insomma, secondo Aogoi il Governo è sostanzialmente obbligato a provvedere all’emanazione (inizialmente prevista per il 30 giugno 2013) di un regolamento governativo che avrebbe dovuto “agevolare l’accesso alla copertura assicurativa agli esercenti le professioni sanitarie”. Tutto questo in un’ottica di solidarietà sociale e con “l’introduzione di disposizioni settoriali anche integrative del Codice Civile”.

Aogoi chiede espressamente all’esecutivo che vengano previste condizioni generali di contratto che vietino in toto, in ambito assicurativo, le clausole “claims made”. Si tratta di un tipo di clausola non contemplata dall’articolo 1979 del Codice Civile e che, secondo Aogoi, la giurisprudenza civile considera “vessatoria se non addirittura nulla”.

Il problema è che negli ultimi anni si sarebbe assistito “al passaggio generalizzato dei contratti assicurativi italiani e stranieri da un’operatività sottoposta alla clausola c.d. di “loss occurrence” ad un sistema c.d. di “claims made”. Con tutto ciò che questo comporta.

In sostanza, con la clausola “claims made”, in assenza di altra copertura supplementare (come copertura retroattiva o copertura postuma), gli incidenti devono accadere ed essere denunciati mentre la polizza è in vigore; la retroattività della copertura e la copertura postuma devono essere acquistate separatamente. Inizialmente il costo è relativamente basso – specialmente se paragonato a quello della clausola “loss occurrence” – perché la polizza copre il medico soltanto degli atti che avvengono e sono denunciati nell’anno, ma con il passare del tempo i premi aumentano in rapporto alla stima crescente delle potenziali denunce (per un tempo medio di 4-7 anni).

In definitiva, il cambiamento da una polizza “claims made” ad una “loss occurrence” può richiedere, secondo Aogoi, “l’acquisto, ad un costo che può essere proibitivo, di una estensione di copertura per i reclami di incidenti avvenuti durante la validità della polizza “claims made”. Questa prassi assicurativa si porrebbe quindi “in contrasto con l’obbligo di garantire idonea ed effettiva copertura assicurativa”.

Articoli correlati
Nella scelta di un trattamento terapeutico può configurarsi il caso di colpa grave?
Il medico, innanzi a un paziente che deve esser sottoposto a cure, ha libertà di scelta sulla terapia, fermo restando che il paziente deve essere informato e concordare sulla stessa. La scelta, inoltre, deve essere fatta sui metodi e sulle terapie approvate dal mondo scientifico. Qualora il medico scegliesse, in alternativa, un rimedio che non […]
La polizza di responsabilità civile sanitaria garantisce soltanto nei casi di danno fisico?
Sono il direttore di un laboratorio di analisi e ricerca di un Istituto Pubblico. Alcuni giorni orsono ho ricevuto una citazione da un paziente che mi imputa, nella mia qualità di responsabile del laboratorio, la perdita di documentazione sanitaria non ripetibile chiedendomi un risarcimento per il danno subito, valutato di forti dimensioni in quanto l’indisponibilità […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
La clausola dei fatti noti rischia di neutralizzare l’efficacia della garanzia retroattiva?
Sono un medico libero professionista assicurato fino ad un paio di anni fa con una polizza per la responsabilità professionale stipulata tramite il mio agente di fiducia con il quale ho in corso anche altri contratti assicurativi. Proprio un paio di anni fa ho disdetto questa polizza per aderire ad un’offerta pervenutami da un altro […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
Quali sono le specializzazioni più a rischio per errori e/o incidenti?
Nei reparti di Ortopedia si registra il maggior numero di incidenti (13,3%), seguito da quelli di Pronto Soccorso (12,6%), Chirurgia Generale (10,4%), Ostetricia e Ginecologia (7,5%), Medicina Generale (3%) e Anestesia (2,6%). Il campione si riferisce ai reparti e non ai singoli specialisti. La malpractice è spesso infatti l’effetto combinato di errori o disattenzioni attribuibili, […]
Andare in pensione continuando a lavorare? Ecco cosa fare dell’assicurazione
Sono un medico chirurgo del SSN ormai prossimo alla pensione. Il mio progetto è quello di tornare al mio paese di origine, nel Friuli, e continuare comunque la professione collaborando in una Residenza socio sanitaria per anziani alla cui costituzione ho contribuito tanti anni fa. Il mio intendimento è quello di cogliere una serie di […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...