Lavoro 11 maggio 2016

«Scommettiamo sui giovani medici». La ricerca Ois: «Ecco chi ci curerà nel 2020»

Presentata al Ministero l’indagine dell’Osservatorio Internazionale della Salute sui camici bianchi italiani under 40. L’85% svolge attività retribuite, la maggior parte trova lavoro prima dei 28 anni. Cresce l’impegno sociale, cala la conflittualità coi pazienti

Fare il medico paga, ma soprattutto… appaga. È un quadro interessante e, per molti versi, sorprendente quello tracciato dall’indagine sui camici bianchi under 40 intitolata “Chi ci curerà nel 2020?”realizzata da Ois (Osservatorio Internazionale della Salute) in collaborazione con OMCeO Roma insieme a FIMMG Roma,Cimo e Consulcesi.

 

Il giovane medico di oggi sceglie l’impegno sociale (il 37,7% fa volontariato) e i valori (l’89% chiede più formazione su etica e deontologia), trova lavoro nel settore medico (l’85,1% svolge attività retribuite) e prima di altre professioni (il 58,4% lavora entro i 28 anni). In attesa che l’impiego diventi stabile (il 32,1% ha svolto almeno due occupazioni diverse), ha esperienze ricche e diversificate e questo lo porta a dialogare meglio con i pazienti riducendo la conflittualità (solo il 4,5% ricorre alle assicurazioni per il risarcimento di un danno). E ancora, il camice bianco di domani è donna, non vuole lasciare l’Italia (solo il 4,7% sceglie l’estero), predilige il lavoro in ospedale per dedizione e spirito di servizio (il 77,1%), ma è ben disposto a sperimentare nuove modalità professionali se adeguatamente sostenuto.
Sanità Informazione ha approfondito questi dati con il presidente di Cimo, il sindacato dei medici ospedalieri, Riccardo Cassi, presente al tavolo dei relatori.«Abbiamo collaborato molto volentieri a questo sondaggio sulle aspirazioni dei giovani medici, lo riteniamo molto importante in un momento in cui si stanno ripensando le norme che regolano l’accesso e la formazione, è fondamentale capire a cosa loro stessi aspirano, quali sono le loro ambizioni professionali. La formazione è indispensabile. L’aggiornamento delle competenze, in una professione in continua evoluzione, dovrà trovare un corrispettivo nel contratto di lavoro, dove i più meritevoli e quelli che vogliono sempre più aggiornare le loro competenze, devono essere premiati. Il fatto che i giovani aspirino a questo è molto confortante».

L’obiettivo è anche ridurre il fenomeno dell’imbuto formativo che continua a rappresentare una problematica per i futuri medici…
«Proprio il problema dell’accesso alla formazione e al mondo del lavoro – continua Cassi – è oggetto di attenzione congiunta tra noi sindacati e il Ministero. E’ un problema complesso, a monte del quale occorre definire il reale fabbisogno di medici in questo Paese per intervenire sugli accessi a Medicina. E’ inutile far iscrivere a Medicina giovani che poi non avranno la possibilità di specializzarsi. Il TAR anche quest’anno ha fatto entrare un migliaio di medici in sovrannumero. Bisognerebbe far bene le leggi – conclude – per evitare poi di doverle stravolgere».

Ne sa qualcosa Alessandro Di Russo, giovane medico di famiglia, che ha portato la suatestimonianza: «Conosco la storia di molti colleghi che anche a 30 – 35 anni non riescono ad arrivare a fine mese. Questa indagine ha sollevato il velo, ora bisogna trovare soluzioni concrete». E riguardo al forte impegno nel volontariato commenta: «Una scelta di vita che è una vocazione prima ancora che una professione. I giovani medici sono molto sensibili alla tematica, pronti a rimboccarsi le maniche e a partecipare a qualunque tipo di iniziative, anche se il loro punto di vista è quello di giovani professionisti magari in difficoltà a causa del poco lavoro, e a sacrificare anche la loro vita professionale per aiutare il prossimo»

Articoli correlati
Congresso CIMO a Firenze, il sondaggio tra i medici: «Basta burocrazia, #Liberalaprofessione»
Tra scienza medica e medicina amministrata, una sanità in costante evoluzione tecnologica ma in crisi di valori e di risorse. Questo lo spunto per l’assise del sindacato degli ospedalieri dal 21 al 24 settembre che eleggerà al Gran Hotel Mediterraneo a Firenze anche il nuovo Presidente
Migranti e salvaguardia salute: OIS lancia il suo piano per formazione e supporto medici
Parte la nuova iniziativa del progetto Sanità di Frontiera, promosso dall’Osservatorio Internazionale per la Salute, dedicato alla medicina delle migrazioni. I più autorevoli esperti del settore dal 19 al 22 settembre nella sede nazionale Centro Astalli a Roma per formare medici e operatori sanitari: oltre 600 richieste in appena 20 giorni nel solo mese di agosto, aumentato a 40 il numero dei posti. In arrivo anche un corso di Formazione a Distanza (FAD) per consentire a tutti gli operatori di avere le competenze e le conoscenze per gestire le patologie fisiche e psico-emozionali del fenomeno migratorio
La malattia del futuro? La paura di rimanere disconnessi. Si chiama Nomofobia
Terrore di rimanere disconnessi. Si chiama ‘Nomofobia’ (no-mobile-phone-phobia, termine di recente introduzione nel vocabolario della lingua italiana Zingarelli) ed è la malattia da iperconnessione del 21° secolo....
Ricerca OIS: «Ecco chi ci curerà nel 2020». È “social” il profilo dei giovani medici
L’Osservatorio Nazionale della Salute presenta in esclusiva al Ministero i risultati della sua indagine con OMCeO Roma, FIMMG Roma e CIMO
Numero chiuso medicina, parla il ministro: «La “rivoluzione francese” può aspettare»
Il titolare dell'Istruzione Stefania Giannini sgombera il campo: «Per il prossimo anno accademico il test resta così com'è, ma guardiamo sempre alla Francia dove c’è l’unico sistema formativo per i medici migliore del nostro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...