Lavoro 11 maggio 2016

«Scommettiamo sui giovani medici». La ricerca Ois: «Ecco chi ci curerà nel 2020»

Presentata al Ministero l’indagine dell’Osservatorio Internazionale della Salute sui camici bianchi italiani under 40. L’85% svolge attività retribuite, la maggior parte trova lavoro prima dei 28 anni. Cresce l’impegno sociale, cala la conflittualità coi pazienti

Fare il medico paga, ma soprattutto… appaga. È un quadro interessante e, per molti versi, sorprendente quello tracciato dall’indagine sui camici bianchi under 40 intitolata “Chi ci curerà nel 2020?”realizzata da Ois (Osservatorio Internazionale della Salute) in collaborazione con OMCeO Roma insieme a FIMMG Roma,Cimo e Consulcesi.

 

Il giovane medico di oggi sceglie l’impegno sociale (il 37,7% fa volontariato) e i valori (l’89% chiede più formazione su etica e deontologia), trova lavoro nel settore medico (l’85,1% svolge attività retribuite) e prima di altre professioni (il 58,4% lavora entro i 28 anni). In attesa che l’impiego diventi stabile (il 32,1% ha svolto almeno due occupazioni diverse), ha esperienze ricche e diversificate e questo lo porta a dialogare meglio con i pazienti riducendo la conflittualità (solo il 4,5% ricorre alle assicurazioni per il risarcimento di un danno). E ancora, il camice bianco di domani è donna, non vuole lasciare l’Italia (solo il 4,7% sceglie l’estero), predilige il lavoro in ospedale per dedizione e spirito di servizio (il 77,1%), ma è ben disposto a sperimentare nuove modalità professionali se adeguatamente sostenuto.
Sanità Informazione ha approfondito questi dati con il presidente di Cimo, il sindacato dei medici ospedalieri, Riccardo Cassi, presente al tavolo dei relatori.«Abbiamo collaborato molto volentieri a questo sondaggio sulle aspirazioni dei giovani medici, lo riteniamo molto importante in un momento in cui si stanno ripensando le norme che regolano l’accesso e la formazione, è fondamentale capire a cosa loro stessi aspirano, quali sono le loro ambizioni professionali. La formazione è indispensabile. L’aggiornamento delle competenze, in una professione in continua evoluzione, dovrà trovare un corrispettivo nel contratto di lavoro, dove i più meritevoli e quelli che vogliono sempre più aggiornare le loro competenze, devono essere premiati. Il fatto che i giovani aspirino a questo è molto confortante».

L’obiettivo è anche ridurre il fenomeno dell’imbuto formativo che continua a rappresentare una problematica per i futuri medici…
«Proprio il problema dell’accesso alla formazione e al mondo del lavoro – continua Cassi – è oggetto di attenzione congiunta tra noi sindacati e il Ministero. E’ un problema complesso, a monte del quale occorre definire il reale fabbisogno di medici in questo Paese per intervenire sugli accessi a Medicina. E’ inutile far iscrivere a Medicina giovani che poi non avranno la possibilità di specializzarsi. Il TAR anche quest’anno ha fatto entrare un migliaio di medici in sovrannumero. Bisognerebbe far bene le leggi – conclude – per evitare poi di doverle stravolgere».

Ne sa qualcosa Alessandro Di Russo, giovane medico di famiglia, che ha portato la suatestimonianza: «Conosco la storia di molti colleghi che anche a 30 – 35 anni non riescono ad arrivare a fine mese. Questa indagine ha sollevato il velo, ora bisogna trovare soluzioni concrete». E riguardo al forte impegno nel volontariato commenta: «Una scelta di vita che è una vocazione prima ancora che una professione. I giovani medici sono molto sensibili alla tematica, pronti a rimboccarsi le maniche e a partecipare a qualunque tipo di iniziative, anche se il loro punto di vista è quello di giovani professionisti magari in difficoltà a causa del poco lavoro, e a sacrificare anche la loro vita professionale per aiutare il prossimo»

Articoli correlati
Gastroenterologia, ecco la videocapsula ingeribile. Diagnosi più accurata a costi ridotti
La capsula endoscopica è oggi la soluzione diagnostica più moderna, sicura e tecnologicamente avanzata disponibile per la visualizzazione dell’apparato digerente e in particolare del piccolo intestino (composto da duodeno, digiuno e ileo). Ciononostante, a sedici anni dal suo ingresso in Italia e dopo un’importante evoluzione tecnologica, risulta ancora sottoutilizzata: circa 7.500 casi l’anno contro i […]
Safer Internet Day: l’evento nazionale al Brancaccio con la ministra Fedeli
Domani 6 febbraio si svolgerà la XV edizione del Safer Internet Day (#SID2018), la Giornata mondiale per la sicurezza in Rete, promossa dalla Commissione Europea in contemporanea in oltre 100 nazioni di tutto il mondo. Obiettivo della giornata: far riflettere le ragazze e i ragazzi non solo sull’uso consapevole della Rete, ma anche sul ruolo attivo e […]
Casa Internazionale delle donne a rischio chiusura: «Attacco al valore che rappresenta». L’intervista alla Presidente di “Essere Donna”
«Le donne lanciano segnali di disagio: “urla silenziose” che abbiamo il dovere di riconoscere. La tutela della salute femminile richiede un potenziamento dei servizi, non una sottrazione». Il punto di vista della dottoressa Elisabetta Maturi, psicoterapeuta della Casa di via della Lungara
“Un internet migliore inizia da te”: ragazzi, istituzioni e aziende protagonisti a Milano
 6 ragazzi su 10, tra i 12 e i 18 anni, dicono di aver vissuto un’esperienza spiacevole nello streaming live. Per questo motivo, in occasione della XV edizione internazionale della Giornata Mondiale della sicurezza digitale, istituita e promossa dalla Commissione Europea, SOS Il Telefono Azzurro organizza una due giorni di dibattito e confronto nelle città di Milano e […]
Il diabete e la regola del 7
Cosa lega il diabete al numero 7? L’obiettivo da raggiungere per chi convive con questa malattia è avere l’emoglobina glicata sotto il 7%. Ma sette sono anche le regole della prevenzione e le cose insopportabili che decideranno le persone con diabete attraverso un sondaggio. C’è il numero 7 al centro della campagna di Lilly “Hai il […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...