Salute 6 Giugno 2022 12:33

Giovani e sesso, non più “fuoco e fiamme”: è boom di impotenza tra gli under 25

L’allarme dell’andrologo Iacono (Federico II): «Fermiamo lo shopping online di sostanze a rischio»

Giovani e sesso, non più “fuoco e fiamme”: è boom di impotenza tra gli under 25

Sono sempre di più i giovani maschi tra i 18 e i 24 anni che non riescono a vivere serenamente i primi approcci sessuali. La pandemia e i rapporti sociali limitati avrebbero contribuito a ridurre in cenere i tipici ardori che contraddistinguono la tarda adolescenza e l’inizio dell’età adulta. Ma che succede quando la proverbiale “tempesta ormonale” si scontra con un muro di insicurezze e fragilità? Nella maggior parte dei casi, il corpo non risponde più ai comandi della mente, con il risultato di generare un circolo vizioso da cui è difficile uscire. Ne abbiamo parlato con il professor Fabrizio Iacono (Università Federico II di Napoli), specialista in Urologia e Andrologia.

Professore, come mai questo aumento di disfunzioni erettili tra i giovani?

«Già da parecchi anni ci troviamo di fronte ad un incremento di problematiche a livello sessuale che interessano i giovani, un fenomeno che la pandemia, a causa del relativo isolamento imposto, ha sicuramente contribuito ad esacerbare. Moltissimi ragazzi lamentano una disfunzione erettile che, nella stragrande maggioranza dei casi è ascrivibile a motivazioni psicologiche. C’è innanzitutto una maggiore insicurezza nei confronti dell’universo femminile, dovuta a una sorta di rovesciamento di ruoli che apparivano consolidati: oggi la donna presenta, nella relazione sessuale, molti fattori ritenuti atavicamente appannaggio maschile, come una maggiore intraprendenza, e aggressività in senso lato, e un ragazzo che si approccia alla sessualità può essere intimidito o intimorito da questi fattori, talvolta sentendosi inadeguato».

In che modo ha influito la pandemia sul fenomeno?

«L’isolamento imposto dalla pandemia ha impedito ai ragazzi di approcciarsi in modo autentico, ma ha piuttosto favorito l’instaurarsi di una sessualità mediata, dai social, da internet, con un grande assente: il contatto fisico. I più colpiti risultano essere i ragazzi dai 18 ai 24 anni, che sono agli esordi della loro vita sessuale di relazione. Questa difficoltà fa sì che spesso i giovani prima di rivolgersi a uno specialista cerchino non solo informazioni online sul loro problema, raccogliendone quasi sempre di non veritiere, ma anche prodotti online per risolvere il problema».

Con che risultati?

«Inesistenti o deleteri. È assolutamente da evitare l’acquisto online di questi prodotti: esistono infatti moltissimi siti, soprattutto stranieri che vendono prodotti simili ai farmaci a base di sildenafil e tadalafil (le molecole rispettivamente del Viagra e del Cialis per intenderci) ma che nella maggior parte dei casi non contengono affatto questi principi attivi, ma altre sostanze che possono essere molto pericolose, inutili nella migliore delle ipotesi. Ricordiamo inoltre che i farmaci per il trattamento della disfunzione erettile vanno acquistati solo ed esclusivamente dietro ricetta medica, in quanto possono presentare degli effetti collaterali e controindicazioni».

Qual è l’iter che dovrebbero seguire ragazzi alle prese con queste problematiche?

«Sicuramente il primo step, qualora insorgano queste difficoltà, consiste nel sottoporsi ad una visita andrologica per escludere effettive alterazioni anatomiche e funzionali. Se la problematica persiste il consiglio è di rivolgersi ad uno psicoterapeuta con, eventualmente, un supporto farmaceutico temporaneo per facilitare lo sblocco della situazione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il sesso (e i relativi problemi) nell’epoca del metaverso
Intervista alla dottoressa Annalisa Baldi, psicoterapeuta breve strategica: «A volte la realizzazione del piacere diventa una vera e propria dipendenza»
La fuga dai social della gen Z
Pagliariccio (psicologo): «Tra le nuove generazioni c’è chi ritiene che l’utilizzo dei social sia faticoso, che generi un sovraccarico cognitivo, che non risponda ai propri bisogni personali. I giovani d’oggi abbandonano senza remore ciò che non li rende felici»
Per 3 adolescenti su 4 la fertilità è una grande sconosciuta, via a Progetto Scuola della SIRU
In occasione del quinto congresso nazionale della Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU), che si apre oggi a Rimini fino al 28 maggio, gli studenti delle scuole sono stati invitati a prendere parte all'evento per imparare e sciogliere ogni dubbio sulla fertilità
Effetti della pandemia, AIP: «Aumentano tentativi di suicidio tra i giovani. Per anziani rischio solitudine»
A Firenze sino al 25 maggio il 22° Congresso dell’Associazione Italiana Psicogeriatria “Dopo la pandemia: la sfida per una medicina a misura della terza età”. Previsti oltre 800 specialisti
La sessualità dopo il cancro si può, via all’iniziativa «Ballata Sensuale»
Abbattere i tabù sulla sessualità e il cancro. Questo è l’obiettivo dell’evento pop-up «Sexandthecancer– Ballata Sensuale», una tre giorni dedicata alla divulgazione scientifica attraverso l'arte
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali