Stop Ingiustizie Bancarie 1 Marzo 2016 16:35

Usura bancaria, linea dura della Cassazione: «Per i mutui il vero Taeg è quello della stipula» 

Tassi usurari sui mutui? La Cassazione torna a farsi sentire sull’usura bancaria, sanzionando il comportamento delle banche. I giudici della Suprema Corte – con la sentenza n.801 dello scorso 19 gennaio – hanno  messo in guardia gli istituti bancari, aprendo un nuovo fronte di ricorsi. Chiamata in causa, la prima sezione civile della Cassazione ha […]

di Anatocismo

Tassi usurari sui mutui? La Cassazione torna a farsi sentire sull’usura bancaria, sanzionando il comportamento delle banche.

I giudici della Suprema Corte – con la sentenza n.801 dello scorso 19 gennaio – hanno  messo in guardia gli istituti bancari, aprendo un nuovo fronte di ricorsi. Chiamata in causa, la prima sezione civile della Cassazione ha ulteriormente chiarito che il valore di riferimento per il Taeg è quello del momento in cui avviene la stipula del finanziamento e non quello del pagamento: questo vale sia per i mutui a tasso fisso che per quelli variabili.

Insieme all’anatocismo bancario, quella dei mutui usurari si conferma, dunque, una delle maggiori irregolarità che i cittadini subiscono da parte delle banche, con le quali continua l’acceso braccio di ferro anche per altre vicende: in primis i rimborsi per le vittime del decreto Salvabanche. «Penso che verranno rimborsati – afferma il presidente del Codacons Carlo Rienzi – perché il governo, su questa vicenda, si gioca la faccia e poi queste persone hanno subito un’autentica truffa. In sede civile o penale riavranno quei soldi. Di sicuro si passerà dai tribunali».

Tornando alla recente sentenza della Cassazione sui mutui usurari, da segnalare che la norma interpretativa presa in esame comporta l’inapplicabilità del meccanismo dei tassi soglia alle pattuizioni di interessi stipulate in data precedente all’entrata in vigore della legge n. 108 del 1996 sull’usura bancaria. Questo significa che per i mutui a tasso variabile ci si potrebbe trovare di fronte a situazioni di “usura legale”.

Articoli correlati
Consenso informato, Cassazione: «È un atto medico»
Secondo la Corte di Cassazione, l’ottenimento del consenso informato è considerato atto medico. Un’informazione non corretta o carente è responsabilità professionale, con dovere di risarcire un doppio danno: alla salute e all’autodeterminazione
Scaduto termine per comunicazione all’Ordine della Pec: professionisti a rischio sospensione
Con l’entrata in vigore del Decreto Semplificazioni è stato introdotto l’obbligo per tutte le imprese costituite in forma societaria e per le ditte individuali di comunicare la Posta elettronica certificata al registro delle imprese entro il primo ottobre 2020, con rischio di sanzioni in caso di omissione
La Suprema Corte riconosce il ristoro economico del medico per le ferie non godute
di Avv. Marco Croce - Consulcesi & Partners
di Avv. Marco Croce - Consulcesi & Partners
Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno
Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Responsabilità medica, stabilita con quattro “leggi scientifiche”: la sentenza della Cassazione
Sono “leggi scientifiche” quelle che accertano il nesso di casualità tra la condotta di un medico e il danno lamentato dal paziente. A stabilirlo una sentenza della Cassazione (sentenza 26568/2919) che ha individuato quattro requisiti fondamentali: la generalità, la controllabilità, il grado di conferma, l’accettazione da parte della comunità scientifica internazionale. La sentenza, pubblicata da […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...