Contributi e Opinioni 2 Settembre 2021 11:10

Colpa grave, novità dalla Cassazione penale

Quando si può parlare di colpa grave? Novità e precisazioni emergono da una recente sentenza della Corte di Cassazione

di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Colpa grave, novità dalla Cassazione penale

Con una recente sentenza, la n.18347 del 29 aprile – 12 maggio scorsi, la Suprema Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, chiarisce alcuni fondamentali aspetti in relazione al come stabilire correttamente la responsabilità penale del medico. Ciò porta, in primo luogo, ad un chiarimento sulla natura della colpa grave, la quale deve caratterizzarsi, testualmente, come “[…] una deviazione ragguardevole rispetto all’agire appropriato, rispetto al parametro dato dal complesso delle raccomandazioni contenute nelle linee guida di riferimento, quando cioè il gesto tecnico risulti marcatamente distante dalle necessità di adeguamento alle peculiarità della malattia ed alle condizioni del paziente […]”.

I fatti all’origine del ricorso

I giudici di merito, sia in primo grado sia in appello, avevano condannato qualche anno fa due medici, per gravi lesioni personali colpose compiute in cooperazione, nei confronti di una paziente da questi operata ed assistita nella fase post-operatoria. Si attribuì agli esercenti la professione sanitaria una colpa generica, data da imprudenza, negligenza ed imperizia.

In estrema sintesi: il primo medico, dopo aver eseguito un intervento chirurgico alle ovaie, avrebbe tardato nel valutare correttamente alcune complicanze post-operatorie, intervenendo di nuovo chirurgicamente per risolverle con un eccessivo ritardo; il secondo medico avrebbe anch’esso mal valutato ulteriori complicanze, emerse in seguito a quest’ultimo intervento, non procedendo tempestivamente ad una adeguata terapia. Tali comportamenti tardivi ed omissivi avrebbero determinato l’indebolimento permanente della funzione contenitiva della parete addominale e della funzione di assorbimento del colon della paziente.

Il motivo del ricorso

Tra i motivi di ricorso presentati dai due medici uno è comune ad entrambi. Esso riguarda il nesso eziologico, ossia – nello specifico – il legame causale tra l’azione dei medici e il danno subito dalla paziente. La difesa, già in appello, aveva evidenziato come non vi fosse alcuna certezza che il ritardo dell’intervento chirurgico riparatore potesse esser causa delle lesioni gravi e permanenti nella paziente. In altri termini, anticipare l’intervento non avrebbe cagionato alla paziente alcun beneficio in più. Come riporta la Corte suprema, non risultava alcuna possibilità “[…] di formulare un positivo giudizio controfattuale tra la prospettata omissione e l’evento […]”. Ed proprio sugli aspetti di analisi controfattuale che si concentra la decisione della Suprema Corte.

La sentenza

La Sezione IV Penale annulla la sentenza impugnata per prescrizione. Tuttavia – essendo ancora pendente l’azione civile – la corte entra nel merito, riconoscendo la fondatezza dei ricorsi presentati in relazione al nesso eziologico. In particolare, la Suprema Corte evidenzia come il giudice di merito, quando è chiamato a pronunciarsi sulla responsabilità di un medico, abbia il dovere di articolare le sue motivazioni seguendo un ben preciso protocollo, che possiamo delineare come segue. Egli deve:

  1. verificare se il caso concreto sia regolato da linee guida o buone pratiche clinico-assistenziali;
  2. specificare la natura della colpa (generica o specifica; per imperizia, negligenza o imprudenza);
  3. determinare il grado della colpa, in base al discostamento del comportamento del medico da quanto previsto dalle linee guida e/o dalle buone pratiche clinico-assistenziali.

In relazione al primo punto, è opportuno che il giudice evidenzi quello che avrebbe dovuto essere il comportamento corretto del medico, seguendo le linee guida e/o le buone pratiche: è questa l’analisi controfattuale da eseguire.

Colpa grave: novità e precisazioni

Risulta evidente come il ragionamento compiuto dalla Corte di Cassazione porti ad un chiarimento sulla questione della colpa grave, che viene pertanto definita – come detto – una “deviazione ragguardevole rispetto all’agire appropriato”, stabilito – quest’ultimo – dalle linee guida e dalle buone pratiche clinico-assistenziali. Pertanto, più la vicenda risulta oscura, problematica ed equivoca rispetto a tali norme, più il giudice deve propendere a considerare lieve la colpa del medico.

Conclusione

Indubbiamente la sentenza n.18347/2021 pone alcune precise limitazioni all’operato dei giudici di merito. Costoro – al fine di determinare il grado della colpa – hanno l’obbligo di definire con elevata precisione il comportamento appropriato dell’esercente la professione sanitaria, fondato su chiare linee guida e consuetudinarie buone pratiche clinico-assistenziali, così come definite dal decreto Balduzzi e dalla successiva legge Gelli-Bianco. Dal discostamento da tale comportamento atteso può essere quindi stabilito il grado della colpa. Rimane certamente però necessario provvedere a tutelarsi assicurativamente nel miglior modo possibile sulla colpa grave, così come risulta opportuno attrezzarsi con una adeguata difesa legale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Malpractice, quando rischia di pagare il sanitario e come evitarlo. Soluzioni pratiche dagli esperti C&P
Nel webinar organizzato da Consulcesi & Partners analizzate le principali casistiche della responsabilità civile sanitaria
Nella scelta di un trattamento terapeutico può configurarsi il caso di colpa grave?
Il medico, innanzi a un paziente che deve esser sottoposto a cure, ha libertà di scelta sulla terapia, fermo restando che il paziente deve essere informato e concordare sulla stessa. La scelta, inoltre, deve essere fatta sui metodi e sulle terapie approvate dal mondo scientifico. Qualora il medico scegliesse, in alternativa, un rimedio che non […]
Ritardo del medico nell’attivazione, il punto della Cassazione
Una sentenza della Cassazione fa il punto sul nesso eziologico tra il ritardo del medico e il danno subito dal paziente
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Dalle Case di Comunità 4.0 all’indagine su italiani e professionisti sanitari, le attività della Fondazione Italia in Salute
La Fondazione presieduta da Federico Gelli sta lavorando all’aggiornamento del manuale sulla legge 24/17 sulla responsabilità professionale. Il terzo “Quaderno” della collana sarà dedicato al tema dell’innovazione digitale in sanità
L’assicurazione si sfila e quella dell’Azienda è in liquidazione. Medico deve pagare oltre 100mila euro
La storia surreale di un professionista sanitario a cui ogni mese vengono sottratti 730 euro dalla busta paga. «Non sapevo che l’Azienda non avesse copertura assicurativa, mentre la mia ha trovato un cavillo e non ha pagato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...