Contributi e Opinioni 10 Giugno 2022 10:27

L’errore diagnostico e la responsabilità medica

L’errore diagnostico può essere causa di responsabilità medica e portare a risarcire il paziente. Un caso recente

di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
L’errore diagnostico e la responsabilità medica

Una recente ordinanza della Sesta Sezione Civile della Cassazione, la n.16874/2022, mette in relazione causale l’errore diagnostico del medico con il decesso di una paziente, confermando così le condanne pronunciate dai giudici di primo e secondo grado. Ma vediamo nel dettaglio la questione affrontata dalla Suprema Corte.

I fatti di causa

Una paziente di una ginecologa in servizio presso una struttura ospedaliera, si era recata tempo addietro dalla professionista per una visita di controllo. Nonostante si potesse presumere – da recenti ecografie – la presenza di una patologia tumorale, la ginecologa avrebbe omesso, in tale occasione, di prescrivere ulteriori accertamenti al fine di acclarare definitivamente la cosa. Essendosi effettivamente poi manifestato un tumore al secondo stadio, la donna decise di convenire in giudizio, chiedendo la condanna del medico e della struttura ospedaliera, una volta appurato l’errore diagnostico da parte della ginecologa.

Le vicende processuali

Venuta a mancare la danneggiata, gli eredi intesero proseguire le vie legali. Poiché l’Ospedale nel frattempo era stato posto in procedura concorsuale di amministrazione straordinaria, la causa venne portata avanti nei confronti della sola ginecologa. La professionista venne così condannata al pagamento di euro 65.874, oltre alla rivalutazione e agli interessi, più le spese legali. La condanna fu poi confermata in appello.

Il ricorso in Cassazione

Il professionista sanitario decide quindi di ricorrere in Cassazione. Il motivo del ricorso si fonda sostanzialmente sulla mancata ripetizione della consulenza tecnica d’ufficio (c.t.u.). La ricorrente infatti, in sede d’appello, aveva richiesto il ripetersi della c.t.u., istanza però non accolta dai giudici. La motivazione addotta dalla ricorrente per il rinnovo della consulenza tecnica sarebbe stato dovuto, poiché – secondo la ginecologa – non c’era alcuna evidenza ecografica di un tumore in stato avanzato nella paziente. Ciò in contrasto con quanto invece sostenuto sia dalla danneggiata sia dalla c.t.u. svolta. Altra contestazione della ricorrente è rivolta invece all’accusa di aver eseguito un erroneo intervento sulla signora: per la precisione, in laparoscopia anziché in laparotomia.

La conferma dell’errore diagnostico

La Corte giudica però la motivazione del ricorso inammissibile. A giudizio dei giudici di Cassazione, non pare esservi stato alcun appiattimento pregiudiziale dei togati d’appello sulle conclusioni della c.t.u. svoltasi. Anzi, a riprova della bontà delle conclusioni a cui la consulenza era giunta, i giudici riportano una considerazione della c.t.u. piuttosto persuasiva. La laparoscopia, eseguita dalla ginecologa a distanza di quattro mesi dalla visita di controllo, evidenziava un tumore già allo stadio IIIC, ossia ad un livello decisamente avanzato. Ciò fa evidentemente presupporre che al tempo della visita la massa tumorale dovesse essere già allo stadio II, «[p]er cui un tempestivo intervento diagnostico della ginecologa avrebbe potuto garantire alla paziente una vita più lunga e in condizioni migliori».

I compiti della Suprema Corte

Ricorda inoltre la Corte che, per ovvii motivi, essa non può entrare nel merito del giudizio d’appello, e quindi neanche nella valutazione della bontà o meno delle valutazioni della c.t.u. Quindi, non evidenziandosi alcun vizio procedurale, il ricorso viene respinto.

Errore diagnostico e tutela assicurativa

L’errore, si sa, è umano. E’ sempre possibile commettere sbagli, anche pesanti, durante lo svolgimento del proprio lavoro. Per questo motivo risulta opportuno controbilanciare la possibilità dell’errore attraverso una congrua tutela assicurativa. Di polizze di responsabilità civile sanitaria sul mercato se ne trovano tante. E allora, perché non scegliere la copertura giusta tramite consulenti qualificati e professionali? Lo staff di SanitAssicura – da questo punto di vista – offre tutte le garanzie.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Responsabilità medica: lui ha l’amante, alla vedova non spetta il risarcimento
La sentenza 9010/2022 della Cassazione esclude il danno parentale dopo aver accertato che tra i due coniugi fosse venuta meno l’intensità del legame. La Corte d’Appello ora dovrà riesaminare il caso che aveva portato ad un risarcimento di oltre 260mila euro
Diagnosi tardiva, medico rischia condanna dopo 30 anni
Con la sentenza n. 34813/2021 la Cassazione stabilisce che il medico è tenuto al risarcimento per l’omessa diagnosi di una patologia terminale, anche se questa è ininfluente sul decorso della malattia. Il motivo? Violato il diritto del paziente terminale di scegliere come affrontare la prospettiva della morte ormai prossima
Colpa grave, novità dalla Cassazione penale
Quando si può parlare di colpa grave? Novità e precisazioni emergono da una recente sentenza della Corte di Cassazione
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Consenso informato, Cassazione: «È un atto medico»
Secondo la Corte di Cassazione, l’ottenimento del consenso informato è considerato atto medico. Un’informazione non corretta o carente è responsabilità professionale, con dovere di risarcire un doppio danno: alla salute e all’autodeterminazione
Responsabilità sanitaria, pubblicato il secondo ‘Quaderno’ della Fondazione Italia in Salute
Online il secondo numero della collana 'I Quaderni' della Fondazione Italia in Salute. "Il ruolo delle Linee Guida: dalla pratica clinica alle Aule Giudiziarie",
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali