Stop Ingiustizie Bancarie 23 Febbraio 2016 11:43

Mutui usurari e anatocismo: maxi-risarcimenti per la truffa dell’Euribor?

di Anatocismo

Anatocismo, mutui usurari, bail in, pubblicità ingannevole, sofferenze bancarie. La lista è già lunga, ma non si chiude qui. A far tremare le banche europee, e di riflesso anche quelle italiane, ora arriva la truffa sull’Euribor, ovvero il tasso di riferimento a cui sono agganciate le rate dei finanziamenti a tasso variabile. Una bomba ad orologeria per gli istituti di credito, ma anche un altro schiaffo ai risparmiatori.

La vicenda. Nel dicembre 2013 l’Antistrust europea multa per 1,7 miliardi di euro quattro grandi banche (Barclays, Deutsche Bank, Royal Bank of Scotland e Société Générale) per un accordo di cartello finalizzato, appunto, a manipolare l’Euribor nel periodo compreso tra il 2005 ed il 2008. Quella sentenza, però, resta segretata. E lo è a tutt’oggi – come rivela “il Fatto Quotidiano” – nonostante le richieste giunte a Bruxelles da studi legali di tutta Europa.

Perché Bruxelles fa muro? Oltre all’imbarazzo, il problema è che si generebbe una richiesta di risarcimenti di proporzioni gigantesche con effetti catastrofici sul sistema creditizio e sull’economia dell’Ue. Secondo “Il Sole 24 Ore” la manipolazione dell’Euribor riguarda una massa di prodotti finanziari  – dai derivati ai mutui usurari sulla casa –  superiore ai 400mila miliardi di euro, vale a dire circa 200 volte il debito pubblico italiano. Se le banche europee dovessero restituire anche solo l’1% di quella cifra, si troverebbero di fronte un esorbitante conto da 4mila miliardi di euro. Sempre in Italia tra il 2005 ed il 2008 si è stimato che le famiglie fossero indebitate di una cifra di circa 220 miliardi di euro con le banche e che avessero pagato 30 miliardi di interesse sui loro mutui in relazione all’Euribor.

Le ipotesi in campo sono due: la restituzione di quanto pagato in più oppure l’annullamento dei mutui usurari. Questo potrà avvenire solo attraverso i ricorsi, che potranno essere avviati solo quando le motivazioni della sentenza sarà pubblica.

Articoli correlati
Deutsche Bank: no a tassi negativi, ma sì a nuovi costi
In un verso o nell’altro sembra che tocchi sempre al correntista rimetterci. Questa volta è il turno di Deutsche Bank che in una recente intervista al quotidiano Bild, da una parte rassicura i suoi clienti spiegando che non applicherà tassi negativi sui depositi, ma dall’altra anticipa l’aumento dei costi di gestione dei conti corrente, ipotizzandolo anche per altri istituti. La motivazione dell’aumento? I costi derivanti dalla politica espansiva della Banca Centrale Europea, che negli ultimi mesi hanno portato i tassi di interesse in territorio negativo.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 gennaio, sono 95.077.677 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.031.599 i decessi. Ad oggi, oltre 39,47 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...