Stop Ingiustizie Bancarie 28 Giugno 2016 14:46

Mutui: invece di pagare, maturi interessi. Succede in Danimarca, e in Italia?

Pagare il mutuo e ricevere un accredito da parte della banca. Possibile? Certo, se lo spread del mutuo a tasso variabile è inferiore al tasso di indicizzazione. Ed è accaduto veramente. In Danimarca una coppia di coniugi ha ricevuto, al termine del primo trimestre di pagamento di un mutuo contratto con una banca locale, l’equivalente di 33 euro, ovvero 249 corone danesi. Certo, non una cifra che cambia la vita, ma ciò che colpisce è il concetto: la banca, per una volta, paga invece di ricevere soldi. Certo, negli ultimi tempi in particolare, di banche che pagano se ne sono viste a dozzine. Ma mentre in questi casi si è trattato di istituti condannati per irregolarità come anatocismo, mutui usurari o pubblicità ingannevole, in questo caso è un effetto fisiologico del momento storico ed economico che stanno vivendo l’Europa e, in generale, il mondo intero.

Nel caso specifico, nel momento in cui la coppia ha ricevuto il “rimborso”, il tasso della Danmarks Nationalbank (la Banca Centrale Danese) si trovava al – 0,65%. A fronte di uno spread inferiore, il tasso del mutuo è sceso al – 0,05%. Ma per capire bene ciò che sta succedendo bisogna mettere un po’ di fatti in ordine: i tassi usati più comunemente per i mutui a tasso variabile (e solo questi, motivo per cui non vanno presi in considerazione i mutui a tasso fisso) sono gli Euribor a 1, 3 e 6 anni. Ad inizio anno (precisamente, a febbraio 2016) la Banca d’Italia ha spiegato che, a partire dalla metà del 2015, i tassi Euribor hanno assunto valori di segno negativo. In caso di tassi negativi, lo spread per il cliente deve essere considerato a partire dal valore negativo (e dunque non da zero). La conseguenza è che la banca è costretta a restituire al soggetto che ha acceso il mutuo la somma pagata in più. Tutto ciò non accade se nel contratto è prevista una “Floor Clause”, ovvero una clausola di tasso minimo. Questa, per essere applicabile, deve essere pubblicizzata adeguatamente e deve essere inclusa nella documentazione di trasparenza che viene consegnata al cliente, oltre che nel contratto di mutuo. Insomma, al cliente di una banca dovrà essere restituito quanto pagato in più (relativamente al periodo in cui i tassi sono stati negativi) se il mutuo che ha acceso è a tasso variabile, se si tratta di Euribor a 1, 3 o 6 mesi negativo e se nel contratto non è presente la “Floor Clause”.

Articoli correlati
Cellule staminali promettenti contro Covid-19. Futura: «Italia non perda l’occasione di cogliere questa opportunità»
L'appello lanciato da Pierangela Totta, direttore scientifico di Futura Stem Cells: «Per essere competitivi è fondamentale ripensare all'intero sistema di conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale»
Staminali cordonali, le novità della ricerca. Kurtzberg: «Risultati incoraggianti su bambini con paralisi celebrale»
Tra i temi che accendono il dibattito sulle staminali cordonali c’è anche la loro conservazione. La proposta di Pierangela Totta (Futura Stem Cells): «Avviare collaborazione banche pubbliche e private»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 gennaio, sono 95.077.677 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.031.599 i decessi. Ad oggi, oltre 39,47 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...