Stop Ingiustizie Bancarie 5 Gennaio 2016

«Irregolarità bancarie, si muovono Governo e Parlamento»

Intervista all’onorevole Giovanni Paglia: «Con questa incertezza normativa, ovvio che fioriscano i ricorsi e la giurisprudenza è ormai consolidata. Se le banche collaborassero sarebbe un grande segno di civiltà»
 

«Irregolarità bancarie, si muovono Governo e Parlamento»

Alla Camera, la Commissione Finanze è in prima linea nell’affrontare i fenomeni delle irregolarità bancarie, tra cui la pubblicità ingannevole e l’anatocismo. Una situazione di confusione normativa cui è fondamentale porre un argine.


E se i ricorsi in tribunale aumentano sempre più, l’ultimo baluardo in difesa dei cittadini deve essere alzato dal Governo, con una legge ad hoc. Sanità informazione ha affrontato la questione con l’on. Giovanni Paglia, deputato SEL, membro della V Commissione Finanze.

«Il Parlamento due anni fa aveva legiferato – spiega Paglia – imponendo una volta per tutte che l’anatocismo dovesse sparire. Nei mesi scorsi Banca Italia ha lanciato una consultazione pubblica rispetto ad una sua proposta molto criticata, in quanto prevedeva il ripristino dell’anatocismo, seppur limitatamente ad alcune tipologie. Questo – continua – mi ha portato ad attuare una risoluzione in Commissione Finanze per indirizzare il Governo affinché si opponesse a far “rientrare dalla finestra” ciò che era uscito dalla porta. Credo che abbiamo trovato un buon compromesso – prosegue l’onorevole – approvato in Commissione, con cui si esclude qualsiasi possibilità di ricapitalizzazione».

In attesa di provvedimenti che possano definire la situazione, è comunque aperta per i cittadini la strada dei ricorsi. E, stando al consolidato orientamento giurisprudenziale, favorevole ai risparmiatori, sembra essere anche la più opportuna…
«Sì – concorda Paglia – dal momento che, ad oggi, le previsioni normative non sono ancora abbastanza chiare. Sono contento che la giurisprudenza abbia questo orientamento, tuttavia l’ideale sarebbe arrivare ad una situazione in cui non sarà più necessario ricorrere».

Interessante il dato divulgato dal Ministero della Giustizia secondo cui, in oltre il 50% dei casi, le banche, non appena il cittadino ricorre, diventano immediatamente disponibili ad una transazione e a chiudere la partita nel giro di pochi mesi.
«Questo dimostra che le banche hanno capito dove sta tirando il vento, sia dal punto di vista giurisprudenziale che normativo. Potrebbero tuttavia – conclude l’onorevole – fare un ulteriore sforzo: senza aspettare i ricorsi dei cittadini, adeguarsi spontaneamente ad una buona prassi, contribuendo a deflazionare il carico giudiziario e a renderci un paese più civile».

Articoli correlati
Deutsche Bank: no a tassi negativi, ma sì a nuovi costi
In un verso o nell’altro sembra che tocchi sempre al correntista rimetterci. Questa volta è il turno di Deutsche Bank che in una recente intervista al quotidiano Bild, da una parte rassicura i suoi clienti spiegando che non applicherà tassi negativi sui depositi, ma dall’altra anticipa l’aumento dei costi di gestione dei conti corrente, ipotizzandolo anche per altri istituti. La motivazione dell’aumento? I costi derivanti dalla politica espansiva della Banca Centrale Europea, che negli ultimi mesi hanno portato i tassi di interesse in territorio negativo.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli