Stop Ingiustizie Bancarie 6 Settembre 2016 14:49

Il cliente chiede alla banca i documenti sul suo mutuo? Ecco come gli istituti (illegittimamente) aumentano i costi

10, 20, addirittura 30 euro per ogni foglio. Secondo un recente articolo di approfondimento pubblicato da Plus24 – Il Sole 24 Ore – sono questi i costi che le banche applicano ai documenti, spesso voluminosi, richiesti dai clienti per fare luce sulla loro situazione. I noti casi di anatocismo, usura bancaria e pubblicità ingannevole, infatti, […]

10, 20, addirittura 30 euro per ogni foglio. Secondo un recente articolo di approfondimento pubblicato da Plus24 – Il Sole 24 Ore – sono questi i costi che le banche applicano ai documenti, spesso voluminosi, richiesti dai clienti per fare luce sulla loro situazione. I noti casi di anatocismo, usura bancaria e pubblicità ingannevole, infatti, non fanno dormire sonni tranquilli ai correntisti italiani che chiedono con sempre maggiore frequenza alle loro banche dei documenti che consentano di chiarire la propria posizione ed eventualmente fare valere i propri diritti nelle sedi appropriate. L’aumento dei costi di produzione della documentazione richiesta è uno stratagemma cui le banche fanno ricorso per dissuadere i clienti ed evitare, o quantomeno ridurre, il rischio di ricorsi e azioni giudiziarie.

Anche se molto praticato, questo comportamento è illegittimo. Il testo dell’articolo 119 del Testo Unico Bancario, che disciplina la fattispecie, è molto chiaro in proposito: al cliente che ne faccia richiesta è dovuta “copia della documentazione inerente a singole operazioni poste in essere negli ultimi dieci anni, e questo entro un congruo termine e comunque non oltre 90 giorni dalla domanda, con addebito al cliente dei costi di produzione della documentazione”. Secondo quest’ultimo passaggio, e come ribadito da numerose decisioni dell’Arbitro Bancario, al cliente può essere addebitato unicamente il rimborso delle spese vive di stampa e non anche i costi forfettari associati al dispiego di tempo ed energie necessari all’estrazione dei documenti richiesti. Il costo di produzione, dunque, soprattutto nel caso in cui il documento venga fornito al cliente tramite posta elettronica, si approssima allo zero, mentre i rimborsi forfettari, non dovuti dai clienti, spesso vengono conteggiati dalle banche e possono arrivare anche a centinaia di euro.

Articoli correlati
Il mutuo fa paura? Il bando per i giovani medici under 40
Tassi fissi e rate più basse, c'è tempo fino al 9 settembre
Prima casa e studio professionale, ecco i mutui agevolati di Enpam per gli under 40
Semaforo verde al bando 2022, tasso di interesse inferiore al 2%. C’è tempo fino a settembre
Necessità di mutui o prestiti? Niente paura, con il credito agevolato di Enpam
Soluzioni per acquisto prima casa e studio professionale, e tante opzioni per prestiti e mutui in convenzione
Enpam: via al bando 2021 per i mutui della prima casa
Ecco i requisiti del nuovo bando Enpam 2021 per la concessione di mutui ipotecari ai propri iscritti
Cellule staminali promettenti contro Covid-19. Futura: «Italia non perda l’occasione di cogliere questa opportunità»
L'appello lanciato da Pierangela Totta, direttore scientifico di Futura Stem Cells: «Per essere competitivi è fondamentale ripensare all'intero sistema di conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni