Lavoro 2 Agosto 2022 16:41

Il mutuo fa paura? Il bando per i giovani medici under 40

Tassi fissi e rate più basse, c’è tempo fino al 9 settembre

Il mutuo fa paura? Il bando per i giovani medici under 40

Comprare casa? Per i giovani resta il vero sogno nel cassetto, sebbene negli ultimi anni sia diventato sempre più difficile realizzarlo. L’ultima stoccata arriva proprio dalla Banca centrale europea che, di recente, ha aumentato i tassi di interesse rendendo ancora più ostico l’accesso a un mutuo. Una difficoltà che però, grazie all’intervento di Enpam, per i medici e dentisti iscritti alla fondazione diventa decisamente più sostenibile. Vediamo come.

Il bando Enpam per i mutui under 40

Enpam, come si legge sul sito della Fondazione, ha emanato un bando dedicato ai giovani medici under 40, per i quali è possibile chiedere fino a 300mila euro di finanziamento al tasso fisso del 2,45%, per l’acquisto della prima casa o dello studio professionale. Il bando è riservato a coloro che per motivi di reddito o per mancanza di garanzie, non sarebbero altrimenti in condizione di accedere ad un mutuo da parte di una banca.

Rate più basse

In generale, oltre alle finalità di solidarietà e supporto, il mutuo garantito da Enpam risulta più conveniente rispetto all’offerta commerciale esistente, grazie a rate sensibilmente più basse. Enpam, inoltre, a differenza delle banche, non fa pagare i costi di istruttoria, che altrimenti graverebbero per svariate centinaia di euro sulla spesa totale degli acquirenti.

Tasso fisso al 2,45%

Per quanto riguarda invece il tasso di interesse fisso applicato sui mutui finanziati dall’Enpam, questo è pari al tasso di riferimento della Banca centrale europea vigente alla data di stipula del mutuo, maggiorato di 1,95 punti percentuali. Ad ora, il tasso di riferimento della Bce è stato recentemente aumentato allo 0,50%, quindi chi in questo momento stipula un mutuo con Enpam avrà un tasso del 2,45%.

I criteri e i termini per accedere

Ricapitolando, al bando in questione possono partecipare i medici e gli odontoiatri con età non superiore a 40 anni ed in base a criteri minimi di reddito. Con il bando è possibile richiedere un mutuo finanziato dall’Enpam per l’acquisto della prima casa o di uno studio professionale (per quest’ultimo la domanda può essere presentata anche da camici bianchi riuniti in associazione o in società di professionisti) per l’esecuzione di lavori di manutenzione dell’abitazione di proprietà o dell’immobile utilizzato per l’attività lavorativa, oppure la sostituzione di un mutuo ipotecario esistente contratto in precedenza. C’è tempo fino al 9 settembre per fare domanda e la richiesta deve essere presentata esclusivamente attraverso l’area riservata del sito della Fondazione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medici ex specializzandi, tribunali, politica ed Europa: cosa cambia dopo la sentenza della Corte Ue
La senatrice Daniela Sbrollini e l’avvocato Marco Tortorella hanno approfondito i risvolti della storica pronuncia su prescrizione, rivalutazione monetaria e adeguatezza delle borse in un webinar in esclusiva per i medici tutelati da Consulcesi
Oncologia, Cavanna (Cipomo): «Limitare gli spostamenti dei malati, siano i medici a farlo»
Per il presidente del Collegio Italiano Primari Oncologi Ospedalieri Luigi Cavanna la sfida del futuro è quella di una oncologia del territorio efficace. «Ora è essenziale che i malati di Covid vengano curati a casa il più possibile e che si trovino dei percorsi riparati per i malati oncologici perché possano fare i loro esami» spiega Cavanna
di Francesco Torre
Decreto Aiuti, da Enpam erogati già 16mila bonus 200 euro ai pensionati
Si attende decreto attuativo per erogarlo anche ai liberi professionisti
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale