Stop Ingiustizie Bancarie 5 Gennaio 2016 12:17

«Ci siamo fidati delle banche e siamo stati ingannati. Ora la parola passa alle azioni legali per avere giustizia»

Ai microfoni di Sanità informazione la portavoce del “Comitato Vittime del Salvabanche”: «Invitiamo tutti i cittadini a mobilitarsi per non trovarsi nella nostra stessa situazione»

«Ci siamo fidati delle banche e siamo stati ingannati. Ora la parola passa alle azioni legali per avere giustizia»

Siamo qui oggi a manifestare perché vogliamo delle risposte dalla Banca d’Italia. Vogliamo sapere perché non abbiamo potuto contare sulla sua vigilanza, e perché ci sono state false informazioni sul mercato». I cittadini sono scesi in piazza per urlare la loro voglia di giustizia nei confronti di un sistema che non ha risparmiato nessuno.


Dal caso “Salvabanche” a tutte le altre irregolarità emerse: anatocismo, pubblicità ingannevole, mutui “capestro”. È Silvia Battistelli, portavoce del “Comitato Vittime del Salvabanche”, a prendere la parola e a raccontare ai microfoni di Sanità informazione la sua storia, che è quella di migliaia di italiani: «Sono qui per mia nonna – attacca – a cui, a 78 anni, è stato consigliato di investire in queste obbligazioni. Le avevano garantito il patrimonio, e il tasso di interesse non lasciava intendere nessun rischio: era un lordo del 3,5% e all’epoca era comunque in linea con i prodotti finanziari statali».

Silvia Battistelli non avrebbe mai potuto immaginare le manovre spregiudicate intraprese dalla “sua” banca: «Gli istituti come Banca Etruria sono lì da 30 anni: è la banca della città, quella fidata, la stessa di sempre, con visi noti da generazioni. Se ti dicono che il patrimonio è garantito e il tasso d’interesse non lascia presagire rischi, ti fidi. Siamo infuriati per tutto il fumo che ci stanno mandando negli occhi».

Ora che il caso è emerso, oltre a chiedere chiarimenti alla Banca d’Italia e agli organi competenti, quale strada tenterete per ottenere giustizia?
«Innanzitutto speriamo che le istituzioni si passino una mano sulla coscienza e la smettano di darci risposte di sistema. Noi, dal canto nostro, formeremo un comitato per intraprendere un’azione comune, ma le azioni legali dovranno essere personali, visto che abbiamo tutti casi diversi e contratti diversi. Ci costituiremo parte civile in tutti i processi penali, e agiremo con iniziative in massa nei comuni di tutta Italia. Speriamo ci sia un procuratore che prenda in pugno la situazione e faccia giustizia».

Questa vicenda ha fatto luce anche su altre attività irregolari delle banche, che nascondono mille cavilli, conti correnti con tassi al limite dell’usura, mutui irregolari in cui il TAEG non è mai davvero allineato. È il momento di attivarsi anche contro tutto questo?
«Direi di sì. Il sistema bancario italiano è già stato danneggiato: in ogni banca c’è la fila di persone che stanno togliendo i soldi e non sanno dove metterli. Sì, credo che dovremmo assolutamente dividere intanto le banche commerciali da quelle finanziarie: il conflitto d’interessi è lampante. Io inviterei tutti i cittadini a mobilitarsi. Nessuno è al sicuro, tantomeno i propri risparmi».

Articoli correlati
Cellule staminali promettenti contro Covid-19. Futura: «Italia non perda l’occasione di cogliere questa opportunità»
L'appello lanciato da Pierangela Totta, direttore scientifico di Futura Stem Cells: «Per essere competitivi è fondamentale ripensare all'intero sistema di conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale»
Staminali cordonali, le novità della ricerca. Kurtzberg: «Risultati incoraggianti su bambini con paralisi celebrale»
Tra i temi che accendono il dibattito sulle staminali cordonali c’è anche la loro conservazione. La proposta di Pierangela Totta (Futura Stem Cells): «Avviare collaborazione banche pubbliche e private»
Azioni legali contro i medici, Marini (ACOI): «Campagna sms contro chirurghi inaccettabile»
«Eticamente e moralmente rappresenta una vera e propria aggressione nei nostri confronti» commenta Pierluigi Marini, presidente dell’Associazione chirurghi ospedalieri italiani (ACOI)
Tassi Usurari, Corte d’Appello di Roma condanna banca. Clienti potranno chiedere risarcimento
Nuova sentenza di condanna verso una banca per tassi usurari. I giudici della Corte d’Appello di Roma hanno bocciato l’istanza presentata dalla difesa di un noto Istituto di Credito, confermando in sostanza la sentenza emessa in primo grado dal Tribunale Civile di Terracina. Il problema tra banca e i correntisti che hanno intentato la causa […]
Decreto “Salvabanche”, un anno dopo: “Le nostre richieste non sono state ascoltate”
È passato un anno ma la situazione non è ancora stata risolta. Lo ricorda il Comitato Vittime del “Salvabanche”, l’associazione che si è fatta portavoce delle richieste di tutti quegli obbligazionisti che, in seguito all’approvazione del Decreto (firmato nel novembre dello scorso anno) che ha salvato dal fallimento Banca Etruria, Banca Marche, CariFe e CariChieti, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM