Stop Ingiustizie Bancarie 29 Novembre 2016 13:30

Decreto “Salvabanche”, un anno dopo: “Le nostre richieste non sono state ascoltate”

È passato un anno ma la situazione non è ancora stata risolta. Lo ricorda il Comitato Vittime del “Salvabanche”, l’associazione che si è fatta portavoce delle richieste di tutti quegli obbligazionisti che, in seguito all’approvazione del Decreto (firmato nel novembre dello scorso anno) che ha salvato dal fallimento Banca Etruria, Banca Marche, CariFe e CariChieti, […]

È passato un anno ma la situazione non è ancora stata risolta. Lo ricorda il Comitato Vittime del “Salvabanche”, l’associazione che si è fatta portavoce delle richieste di tutti quegli obbligazionisti che, in seguito all’approvazione del Decreto (firmato nel novembre dello scorso anno) che ha salvato dal fallimento Banca Etruria, Banca Marche, CariFe e CariChieti, hanno perso tutti i loro risparmi. Certo, in mesi di battaglie qualcosa è stato ottenuto, così come sta avvenendo in altre situazioni che riguardano le banche da altri punti di vista (anatocismo, pubblicità ingannevole, mutui con tassi usurari, ecc.), ma i diretti interessati non hanno intenzione di accontentarsi e sono tornati a protestare a Roma, davanti alla sede di Banca d’Italia: la richiesta è rimborsi totali a tutte le persone toccate dal decreto. Abbiamo intervistato Mirko Tarroni, Coordinatore Gruppo Risparmiatori Azzerati della Cassa dei Risparmi di Ferrara.

Cosa è cambiato ad un anno dal Decreto “Salvabanche”?

«Pochissimo è stato risolto. Solo una parte degli obbligazionisti subordinati che sono stati coinvolti dall’azzeramento riceverà un ristoro che, secondo il Decreto, non supererà l’80%. Una parte enorme rimane esclusa così come rimangono esclusi tutti gli azionisti che si sono visti azzerare le loro quote».

In un anno avete portato avanti tante istanze e fatto tante richieste. Sono state accettate, almeno in parte, oppure la vostra voce è rimasta totalmente inascoltata?

«La nostra richiesta era che venissero rimborsati completamente tutti gli obbligazionisti, in quanto parliamo di titoli che non erano assolutamente speculativi, e dunque non doveva esserci alcuna discriminazione tra chi poteva ottenere un rimborso e chi no. Questa richiesta non è stata accettata, in quanto solo una parte degli obbligazionisti verrà rimborsata. Abbiamo anche chiesto una soluzione che potesse ristorare anche solo parzialmente le perdite degli azionisti, ma anche questa non è stata ascoltata».

Articoli correlati
Cellule staminali promettenti contro Covid-19. Futura: «Italia non perda l’occasione di cogliere questa opportunità»
L'appello lanciato da Pierangela Totta, direttore scientifico di Futura Stem Cells: «Per essere competitivi è fondamentale ripensare all'intero sistema di conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale»
Staminali cordonali, le novità della ricerca. Kurtzberg: «Risultati incoraggianti su bambini con paralisi celebrale»
Tra i temi che accendono il dibattito sulle staminali cordonali c’è anche la loro conservazione. La proposta di Pierangela Totta (Futura Stem Cells): «Avviare collaborazione banche pubbliche e private»
Tassi Usurari, Corte d’Appello di Roma condanna banca. Clienti potranno chiedere risarcimento
Nuova sentenza di condanna verso una banca per tassi usurari. I giudici della Corte d’Appello di Roma hanno bocciato l’istanza presentata dalla difesa di un noto Istituto di Credito, confermando in sostanza la sentenza emessa in primo grado dal Tribunale Civile di Terracina. Il problema tra banca e i correntisti che hanno intentato la causa […]
Fallimento Banca Etruria, presentato nuovo esposto. Il Procuratore: “Darà ulteriore forza all’indagine”
Nuovo esposto contro gli ex vertici di Banca Etruria. Le associazioni “Amici di Banca Etruria” e “Vittime del Salva-Banche” hanno evidenziato un «ipotetico dolo nella modalità di emissione di obbligazioni subordinate Banca Etruria del 2013, finalizzato a vendere in maniera capillare tali rischiosi prodotti finanziari ai piccoli risparmiatori». Per il procuratore Rossi questo esposto darà «ulteriore […]
Veneto Banca, offrivano ai clienti prestiti “baciati”: sedici indagati tra funzionari e manager
Sono accusati di aver contribuito a svuotare le casse di Veneto Banca con operazioni senza garanzia. Sono sedici le persone indagate, tra alti funzionari e manager dell’istituto e di diverse società collegate, per ipotesi di reato che vanno dall’ostacolo alla vigilanza alle false comunicazioni sociali. Per loro la Procura di Roma ha disposto nuovi accertamenti. […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 luglio, sono 194.729.113 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.167.758 i decessi. Ad oggi, oltre 3,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Cause

Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione

Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea