Sanità internazionale 6 Novembre 2018 12:27

Mistero in Francia: troppi bambini sono nati senza braccia nella stessa regione

Tra il 2009 ed il 2014, nella regione francese di Ain sono nati sette bambini con arti superiori non formati. Senza mani, senza braccia, senza dita. Si tratta di una forma di agenesia, che impedisce al feto di formare correttamente parti del corpo. Le autorità francesi hanno aperto un’indagine, conclusa qualche settimana fa senza trovare […]

Mistero in Francia: troppi bambini sono nati senza braccia nella stessa regione

Tra il 2009 ed il 2014, nella regione francese di Ain sono nati sette bambini con arti superiori non formati. Senza mani, senza braccia, senza dita. Si tratta di una forma di agenesia, che impedisce al feto di formare correttamente parti del corpo. Le autorità francesi hanno aperto un’indagine, conclusa qualche settimana fa senza trovare una causa che accomuni tutti i casi, se non la residenza all’interno del raggio di 17 chilometri intorno al paese di Druillat. Sono stati esaminati anche tre casi nella Loira Atlantica e quattro in Bretagna: di nuovo, l’indagine ha evidenziato numeri superiori alla media, ma non è stata in grado di riscontrare una causa comune. Adesso, sempre nella regione di Ain, sono emersi altri 11 casi di bimbi con malformazione alle braccia ed è stato deciso di aprire una seconda indagine.

I primi risultati degli studi verranno pubblicati a gennaio, ma in Francia iniziano a circolare ipotesi sulle possibili cause, dall’influenza di acqua e cibo a particolari pesticidi utilizzati nella regione rurale, istigate anche dall’ampia copertura che i media stanno riservando al caso.

È allora intervenuta il ministro della Salute Agnès Buzyn che, annunciando l’avvio della seconda inchiesta, ha dichiarato di «non voler escludere nessuna possibilità. Forse sono casi dovuti all’ambiente, al cibo, all’acqua. O forse all’aria che respirano. Ancora non lo sappiamo, ma tutta la Francia vuole saperlo».

La dottoressa Elizabeth Gnansia, direttrice del comitato scientifico del dipartimento per la salute della regione, ha evidenziato il numero significativo di casi riscontrati: «I primi sette bambini sono tutti nati tra il 2009 ed il 2014, quindi frequentano la stessa scuola. Non è difficile immaginare quanto sia strano avere in una piccola scuola di un paesino di campagna sette bambini con malformazioni alle braccia. Non c’è bisogna di dati o statistiche, sono 50 volte più del normale».

LEGGI ANCHE: IL 93% DEI BAMBINI RESPIRA ARIA TOSSICA. I DATI OMS

Articoli correlati
Francia, medico italiano racconta: «Crescono i contagi ma gli ospedali reggono»
«Contagi a macchia di leopardo con zone più e meno colpite. Gli ospedali sono preparati, hanno più esperienza e la sanità del territorio sta contenendo la seconda ondata. Terapie intensive al 20% in alcune grandi città»
di Federica Bosco
Oms: «10% del mondo già contagiato. Metà dei nuovi casi in soli 5 Paesi, tra cui la Francia»
Per la prima volta un paese europeo torna tra i territori con più contagi. Oms avverte il mondo, ancora tanti sono esposti al virus
Quarantena a 7 giorni, gli infettivologi: «Aggraverà la situazione. Eliminare doppio tampone»
Dalla Simit arriva il no alla mini-quarantena francese. Per gli esperti non garantisce sicurezza nel tornare alle attività quotidiane. Prof. Nicastri: «Eliminare il doppio tampone per alleggerire i laboratori»
Covid-19, Oms segnala l’aumento di casi più grande da inizio epidemia. Preoccupano Francia e Spagna
Quasi due milioni di nuovi contagi in una settimana nel mondo. In cima restano Americhe e India, ma in Europa si teme la seconda ondata
Speranza annuncia: «Obbligo di tampone per chi arriva da Parigi e zone rosse in Francia»
Lo ha comunicato su Facebook il ministro Speranza: tampone o test se si arriva dalla Francia. Da giorni oltre 10 mila contagi al giorno. «Italia sta meglio di altri Paesi ma serve prudenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...