Sanità internazionale 6 Novembre 2018

Mistero in Francia: troppi bambini sono nati senza braccia nella stessa regione

Tra il 2009 ed il 2014, nella regione francese di Ain sono nati sette bambini con arti superiori non formati. Senza mani, senza braccia, senza dita. Si tratta di una forma di agenesia, che impedisce al feto di formare correttamente parti del corpo. Le autorità francesi hanno aperto un’indagine, conclusa qualche settimana fa senza trovare […]

Immagine articolo

Tra il 2009 ed il 2014, nella regione francese di Ain sono nati sette bambini con arti superiori non formati. Senza mani, senza braccia, senza dita. Si tratta di una forma di agenesia, che impedisce al feto di formare correttamente parti del corpo. Le autorità francesi hanno aperto un’indagine, conclusa qualche settimana fa senza trovare una causa che accomuni tutti i casi, se non la residenza all’interno del raggio di 17 chilometri intorno al paese di Druillat. Sono stati esaminati anche tre casi nella Loira Atlantica e quattro in Bretagna: di nuovo, l’indagine ha evidenziato numeri superiori alla media, ma non è stata in grado di riscontrare una causa comune. Adesso, sempre nella regione di Ain, sono emersi altri 11 casi di bimbi con malformazione alle braccia ed è stato deciso di aprire una seconda indagine.

I primi risultati degli studi verranno pubblicati a gennaio, ma in Francia iniziano a circolare ipotesi sulle possibili cause, dall’influenza di acqua e cibo a particolari pesticidi utilizzati nella regione rurale, istigate anche dall’ampia copertura che i media stanno riservando al caso.

È allora intervenuta il ministro della Salute Agnès Buzyn che, annunciando l’avvio della seconda inchiesta, ha dichiarato di «non voler escludere nessuna possibilità. Forse sono casi dovuti all’ambiente, al cibo, all’acqua. O forse all’aria che respirano. Ancora non lo sappiamo, ma tutta la Francia vuole saperlo».

La dottoressa Elizabeth Gnansia, direttrice del comitato scientifico del dipartimento per la salute della regione, ha evidenziato il numero significativo di casi riscontrati: «I primi sette bambini sono tutti nati tra il 2009 ed il 2014, quindi frequentano la stessa scuola. Non è difficile immaginare quanto sia strano avere in una piccola scuola di un paesino di campagna sette bambini con malformazioni alle braccia. Non c’è bisogna di dati o statistiche, sono 50 volte più del normale».

LEGGI ANCHE: IL 93% DEI BAMBINI RESPIRA ARIA TOSSICA. I DATI OMS

Articoli correlati
In Europa c’è un ospedale transfrontaliero, condiviso da Francia e Spagna
In Spagna c’è un ospedale che è anche un po’ francese. È l’unica struttura ospedaliera transfrontaliera d’Europa, a due ore di auto da Barcellona e due e mezza da Tolosa, in cui coesistono due sistemi sanitari e convivono medici e pazienti di due Paesi diversi. Le difficoltà non mancano, ma su una cosa si dicono […]
In Francia c’è una clinica dedicata alla salute mentale di medici e professionisti sanitari
ESCLUSIVA | Intervista allo psichiatra Thierry Javelot della clinica Le Gouz, che lavora con camici bianchi che combattono sempre più con stress e burnout: «Chi opera in sanità tende a non ammettere di essere malato e a non prendersi cura della propria salute. Finora abbiamo accolto soprattutto infermieri, ma i più esposti sono medici di famiglia e di Pronto soccorso»
In Francia si vogliono affidare attività mediche a farmacisti
Per combattere la carenza di medici in quelli che vengono chiamati “les déserts médicaux”, in Francia alcune attività riservate ai camici bianchi potrebbero essere affidate ai farmacisti. È una delle proposte finite ieri sulla scrivania del ministro della Salute Agnès Buzyn ed elaborate dai delegati nazionali che si sono occupati di studiare possibili miglioramenti all’accesso […]
In Francia non ci sono mai stati così tanti medici. Ecco tutti i numeri
Altro che carenza di medici. In Francia i camici bianchi in attività non sono mai stati così tanti. Al 1 gennaio 2018 erano 226mila. 10mila in più rispetto al 2012. Eppure, molti francesi hanno difficoltà a trovare un medico di base. Anche Oltralpe, sono infatti sempre meno i giovani che scelgono la medicina generale, che […]
Morbillo, impennata di casi a marzo. Ricciardi (Iss): «Non è una sorpresa, colpiti i non vaccinati»
Il totale del mese come la somma di gennaio e febbraio. La Sicilia la regione più colpita, poi Lazio e Calabria. Dati in calo rispetto al 2017 quando nei primi tre mesi i colpiti erano stati 1755. Record in Francia, con 1900 infetti da inizio anno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...