Formazione 17 Maggio 2021 15:33

Formazione, al vaglio un percorso universitario per transfrontalieri di Italia e Francia

Il coordinatore Ceruti: «Con il progetto Prosanté possibili percorsi con professionisti bilingue per integrare ospedale e territorio»

di Federica Bosco

Arriva dai medici italiani che lavorano presso l’ospedale di Briançon, comune francese di 12 mila abitanti collocato nelle alpi della Provenza, a 110 chilometri sia da Torino che da Grenoble, la proposta per professionisti sanitari, medici e infermieri, di poter usufruire di una formazione universitaria transfrontaliera con il progetto “Prosanté”.

Ne parliamo con il coordinatore Michele Ceruti, 42 anni, torinese, medico di direzione sanitaria che in Francia ricopre il ruolo di responsabile dell’informazione sanitaria: «Ci sono percorsi già presenti in Francia, soprattutto in ambito anestesiologico e di sala operatoria, che permetterebbero al personale italiano di beneficare con professionisti bilingue di un’esperienza più avanzata rispetto al percorso italiano. Al contempo, trasferire l’esperienza della sanità italiana in Francia permetterebbe di integrare le relazioni tra ospedale e territorio. Un’esigenza che in Francia nasce dal fatto che  oggi la sanità sta facendo il percorso intrapreso in Italia 10 anni fa, ovvero si cerca di accorpare servizi verso hub centrali a discapito di zone più periferiche. Una scelta per la quale, tra l’altro, in Italia si sta tornando indietro. Se oggi non fosse per la quota di transfrontalieri presenti nel nostro ospedale, che è a 15 km dal confine, ci sarebbero le condizioni per ridurlo a struttura di prossimità. Con questo progetto ci battiamo per mantenerlo come struttura ospedaliera». La deadline è fissata per il 30 giugno, mentre l’operatività dovrebbe partire con il prossimo mese di settembre.

Percorsi di cura condivisi per pazienti italiani e francesi

«I presupposti ci sono tutti – ammette Ceruti – anche perché questo progetto è stato fatto sulla scia di un altro nato per superare il gap esistente tra Italia e Francia relativo al passaggio di pazienti e la tutela medico legale da un Paese all’altro, situazione ampiamente superata con Germania e Spagna».

Tutto è nato con le Olimpiadi invernali del 2006 a Torino. In quella circostanza per l’utilizzo di alcune piste francesi durante le gare venne reso possibile lo scambio delle attività ospedaliere tra i due Paesi, perché le ambulanze, così come gli elicotteri, potessero passare dall’Italia alla Francia e viceversa senza problemi. Ciò che accadde durante le Olimpiadi però non venne in seguito ufficializzato. Solo nel 2017 i 20 medici italiani dell’ospedale di Briançon guidati da Ceruti hanno creato dei percorsi condivisi tra due ospedali, uno italiano e uno francese, grazie al personale e ad una piattaforma tecnica, con l’obiettivo di mantenere in vita i servizi ospedalieri della zona alpina, altrimenti riconducibili a Torino sul versante italiano e a Marsiglia su quello francese.

«Abbiamo fatto diversi percorsi di anestesia e chirurgia, di cardiologia, dermologia, ginecologia e materno infantile – spiega Ceruti -. Molte delle attività sono state poi bloccate durante la crisi sanitaria del 2020 a causa del Covid, ma non ci siamo fermati ed abbiamo ovviato con la telemedicina».

Con la telemedicina possibile curare a distanza

Ha preso vita in questo modo un progetto innovativo che ha catturato l’attenzione in Italia del CNR, ricorda il coordinatore: «Abbiamo cercato di usare tecnologie innovative, come la telemedicina, per creare percorsi di cura che consentano al paziente di iniziare una terapia in Italia e proseguire in Francia e viceversa. In questo modo si compensano due sistemi: il versante francese funziona bene grazie agli ospedali, quello italiano ha una rete territoriale migliore, non eccellente, ma buona».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
Università e Metaverso: un avatar aiuta a scegliere il corso di laurea
È online il primo servizio di orientamento universitario del Metaverso: un avatar a cura di AteneiOnline assisterà gratuitamente i più giovani nella scelta del percorso di studio.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa