Formazione 17 Maggio 2021 15:33

Formazione, al vaglio un percorso universitario per transfrontalieri di Italia e Francia

Il coordinatore Ceruti: «Con il progetto Prosanté possibili percorsi con professionisti bilingue per integrare ospedale e territorio»

di Federica Bosco

Arriva dai medici italiani che lavorano presso l’ospedale di Briançon, comune francese di 12 mila abitanti collocato nelle alpi della Provenza, a 110 chilometri sia da Torino che da Grenoble, la proposta per professionisti sanitari, medici e infermieri, di poter usufruire di una formazione universitaria transfrontaliera con il progetto “Prosanté”.

Ne parliamo con il coordinatore Michele Ceruti, 42 anni, torinese, medico di direzione sanitaria che in Francia ricopre il ruolo di responsabile dell’informazione sanitaria: «Ci sono percorsi già presenti in Francia, soprattutto in ambito anestesiologico e di sala operatoria, che permetterebbero al personale italiano di beneficare con professionisti bilingue di un’esperienza più avanzata rispetto al percorso italiano. Al contempo, trasferire l’esperienza della sanità italiana in Francia permetterebbe di integrare le relazioni tra ospedale e territorio. Un’esigenza che in Francia nasce dal fatto che  oggi la sanità sta facendo il percorso intrapreso in Italia 10 anni fa, ovvero si cerca di accorpare servizi verso hub centrali a discapito di zone più periferiche. Una scelta per la quale, tra l’altro, in Italia si sta tornando indietro. Se oggi non fosse per la quota di transfrontalieri presenti nel nostro ospedale, che è a 15 km dal confine, ci sarebbero le condizioni per ridurlo a struttura di prossimità. Con questo progetto ci battiamo per mantenerlo come struttura ospedaliera». La deadline è fissata per il 30 giugno, mentre l’operatività dovrebbe partire con il prossimo mese di settembre.

Percorsi di cura condivisi per pazienti italiani e francesi

«I presupposti ci sono tutti – ammette Ceruti – anche perché questo progetto è stato fatto sulla scia di un altro nato per superare il gap esistente tra Italia e Francia relativo al passaggio di pazienti e la tutela medico legale da un Paese all’altro, situazione ampiamente superata con Germania e Spagna».

Tutto è nato con le Olimpiadi invernali del 2006 a Torino. In quella circostanza per l’utilizzo di alcune piste francesi durante le gare venne reso possibile lo scambio delle attività ospedaliere tra i due Paesi, perché le ambulanze, così come gli elicotteri, potessero passare dall’Italia alla Francia e viceversa senza problemi. Ciò che accadde durante le Olimpiadi però non venne in seguito ufficializzato. Solo nel 2017 i 20 medici italiani dell’ospedale di Briançon guidati da Ceruti hanno creato dei percorsi condivisi tra due ospedali, uno italiano e uno francese, grazie al personale e ad una piattaforma tecnica, con l’obiettivo di mantenere in vita i servizi ospedalieri della zona alpina, altrimenti riconducibili a Torino sul versante italiano e a Marsiglia su quello francese.

«Abbiamo fatto diversi percorsi di anestesia e chirurgia, di cardiologia, dermologia, ginecologia e materno infantile – spiega Ceruti -. Molte delle attività sono state poi bloccate durante la crisi sanitaria del 2020 a causa del Covid, ma non ci siamo fermati ed abbiamo ovviato con la telemedicina».

Con la telemedicina possibile curare a distanza

Ha preso vita in questo modo un progetto innovativo che ha catturato l’attenzione in Italia del CNR, ricorda il coordinatore: «Abbiamo cercato di usare tecnologie innovative, come la telemedicina, per creare percorsi di cura che consentano al paziente di iniziare una terapia in Italia e proseguire in Francia e viceversa. In questo modo si compensano due sistemi: il versante francese funziona bene grazie agli ospedali, quello italiano ha una rete territoriale migliore, non eccellente, ma buona».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Legge Gelli: i requisiti minimi di garanzia delle polizze assicurative
Nella bozza del decreto attuativo è previsto il diritto di rivalsa nei confronti del professionista sanitario che non ha regolarmente assolto l’obbligo formativo
Università Bicocca di Milano: nasce la scuola di alta formazione professionale per manager della sanità
Sono 26 gli atenei coinvolti nella SPES, Alta Scuola di Sanità Pubblica a vocazione internazionale. Destinata a studenti con curriculum di eccellenza e in regola con gli esami, la scuola ha due obiettivi innovare e fare rete. Si comincia a settembre con il corso sull’emergenza sanitaria
Specializzazione in Medicina, Consulcesi: «Bando in scadenza ma ancora dubbi su posti disponibili»
Da Consulcesi consigli a specializzandi: «Attenzione a regole del bando, seguite bene le istruzioni»
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM