Sanità internazionale 13 Luglio 2021 12:40

La stretta francese. Obbligo vaccinale per i sanitari e Green pass per trasporti, bar e ristoranti

In Francia arriva una svolta per scongiurare la variante Delta: dopo l’annuncio, quasi un milione di prenotazioni in una notte

La stretta francese. Obbligo vaccinale per i sanitari e Green pass per trasporti, bar e ristoranti

Quasi un milione di prenotazioni per il vaccino anti-Covid in una sola notte in Francia. Come? C’entra la decisione del presidente Emmanuel Macron di ampliare la platea di attività per cui sarà necessario il Green pass e di adottare l’obbligo di vaccinazione per il personale sanitario entro il 15 settembre.

«La Francia sull’obbligo della vaccinazione del personale sanitario ha seguito il nostro approccio – ha commentato il ministro della Salute italiano Roberto Speranza -. Il decreto è stato approvato in Italia già il 1 aprile. Siamo stati il primo paese europeo a introdurre questo obbligo. Altri ci stanno seguendo».

Macron ha annunciato di essersi mosso in questa direzione per scongiurare una nuova ondata dovuta alla variante Delta. I casi sono in aumento in tutta Europa e ogni 5 giorni, ha detto il presidente francese, raddoppiano. Da qui la decisione di aumentare le opportunità garantite dal Green pass per i vaccinati, con la speranza di convincere gli indecisi.

Da agosto, ha annunciato, il pass sanitario sarà obbligatorio nei caffé, nei ristoranti, cinema, centri commerciali e per tutti i trasporti e le strutture mediche. Aerei, treni e pullman a lunga percorrenza inclusi. L’intenzione è poi di farne la condizione essenziale per tutti i grandi eventi come concerti e spettacoli. «La vaccinazione di tutti i francesi è l’unica via per un ritorno alla normalità», ha detto Macron nel messaggio a reti unificate.

Su Doctolib, la principale piattaforma francese che permette di fare le prenotazioni, «ci sono state 7 milioni di connessioni in pochi minuti e più di 900 mila francesi hanno preso un appuntamento per farsi vaccinare. È il doppio rispetto al precedente record che era dell’11 maggio scorso», spiega ai microfoni della radio francese Rmc Stanislas Niox-Chateau, il direttore generale di Doctolib. Il numero esatto annunciato dalla piattaforma è di 926 mila appuntamenti prenotati ieri sera.

Dai sanitari le reazioni non sono state tutte positive, specie di fronte alla minaccia di sanzioni e perdita dello stipendio per chi entro il 15 settembre non adempirà all’obbligo. Alcuni hanno dichiarato che ricorreranno per vie legali, altri hanno criticato il metodo selezionato dalla politica per convincerli. Vincent Antier, uno dei portavoce dei sanitari no vax, ha ammesso che dai messaggi che ha ricevuto è probabile che molti si dimetteranno pur di non farlo. Inoltre ha ribadito il paradosso delle tante difficoltà a prenotare il vaccino: «Ho anche colleghi che vorrebbero farlo e non sono contrari, ma non sono ancora stati chiamati».

Articoli correlati
Dal 1 giugno stop al Green Pass per chi arriva in Italia
Dal 1 giugno coloro che vogliono entrare nel nostro paese non avranno l'obbligo di esibire il Green Pass. Scadrà invece a metà giugno l'obbligo di indossare la mascherina negli spettacoli al chiuso
Speranza: «Inverno senza chiusure grazie a vaccini e Green Pass. Questa è la verità senza propaganda»
«Green pass scaricato 262 mln di volte. Strumento fondamentale di contrasto e gestione lotta al Covid». Così il ministro ha risposto al Question time alla Camera sull’eliminazione dell’obbligo della certificazione verde in relazione alla fine dello stato di emergenza
Obbligo vaccinale, primo via libera alla Camera. Dalla validità del Green pass alla quarantena a scuola, tutte le novità del decreto
Il provvedimento ora atteso al Senato per il via libera definitivo. Spaccatura nella maggioranza, la Lega si è astenuta. Tra le novità l’estensione del Green pass rafforzato per accedere agli uffici postali, bancari e finanziari, alle attività commerciali. Test antigenici gratuiti nelle scuole fino al 28 febbraio
di Francesco Torre
Green Pass, via al totocalendario sull’abolizione. Scienziati divisi
Si iniziano a fare le prime ipotesi su se, quando e come verrà abolito l'obbligo di Green Pass. Gli scienziati si dividono tra chi lo ritiene oggi uno strumento inutile e chi invece è convinto che serva ancora
«Siamo a favore del Green Pass, ma alcuni servizi sociali vanno garantiti a tutti». L’appello di Gianmario Gazzi (CNOAS) al Governo
Il Presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali chiede al governo di inserire alcuni servizi sociali tra le attività essenziali per le quali non è necessario il Green Pass: «Una dimenticanza del genere non è accettabile, così ci dimentichiamo degli ultimi»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola