Lavoro 14 Aprile 2021 18:09

Obbligo vaccinale, vale per tutti gli operatori sanitari o solo per quelli “in prima linea”?

Intervista all’avvocato Andrea Marziale, partner di QUORUM Studio Legale e Tributario Associato e consulente di Consulcesi & Partners, specializzato in Diritto del Lavoro e Sanitario

Obbligo vaccinale, vale per tutti gli operatori sanitari o solo per quelli “in prima linea”?

L’obbligo vaccinale vale per tutti gli operatori sanitari, senza esclusioni, oppure vale solo per chi è “in prima linea”, ovvero a diretto contatto con i pazienti Covid? Il dubbio nasce dalla lettura di un passaggio dell’ultima ordinanza del Commissario Straordinario all’emergenza Francesco Paolo Figliuolo, la quale potrebbe contenere un elemento che andrebbe apparentemente in contrasto con l’obbligo vaccinale previsto dal D.L. 44/21. Ne abbiamo parlato con l’avvocato Andrea Marziale, partner di QUORUM Studio Legale e Tributario Associato e consulente di Consulcesi & Partners, specializzato in Diritto del Lavoro e Sanitario.

Avvocato, l’ordinanza del Commissario Figliuolo che pare inserire tra le categorie prioritarie della campagna vaccinale solo gli operatori sanitari “in prima linea” è in conflitto con l’obbligo vaccinale imposto a tutti i professionisti sanitari dal decreto legge del 31 marzo?

«Nel Decreto Legge n. 44/21 vengono previste alcune categorie che devono rispettare l’obbligo vaccinale e che sono espressamente indicate in esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgono attività in strutture sanitarie, socio-sanintarie, farmacie, ecc.. L’ordinanza del Commissario Figliuolo effettivamente, dal mio punto di vista, può essere interpretata in due modi diversi in quanto in un passaggio si dice che la campagna vaccinale continua nei confronti di “tutto il personale sanitario e socio-sanitario, in prima linea nella diagnosi, trattamento e cura del Covid-19”. Quell’inciso, quella virgola, potrebbe anche voler dire che vale la priorità di vaccinare, in quanto obbligo, tutti gli operatori sanitari indipendentemente dal fatto che siano o meno in prima linea. Se poi vogliamo dare del testo una interpretazione un po’ più restrittiva, ma comunque di buon senso, potremmo dire che devono essere vaccinati in via prioritaria i professionisti sanitari a diretto contatto con i pazienti Covid. Purtroppo, come succede spesso in questi casi, non c’è chiarezza assoluta. Credo che, probabilmente, sarà necessario introdurre qualche correttivo in sede di conversione in legge del decreto perché questo passaggio potrebbe creare qualche difficoltà interpretativa. Se poi vogliamo spostare il discorso sulla gerarchia delle fonti, in questo caso la “fonte primaria” resta il decreto legge. L’ordinanza del Commissario dà alcune indicazioni operative ma se vogliamo considerare la fonte più efficace e valida non può che essere il decreto legge. Dal mio punto di vista, dunque, l’obbligo rimane per tutti gli operatori sanitari individuati nel decreto legge e dalla circolare esplicativa del Ministero della Salute. Gli operatori sanitari sono quelli indicati in questi testi e che operano nelle strutture, come ospedali, farmacie e altre strutture similari».

Come deve comportarsi un sanitario che non è ancora stato vaccinato e che adesso dovrà aspettare il suo turno? Potrebbe subire le conseguenze previste dal decreto legge per chi non si è vaccinato?

«Anche qui, dal mio punto di vista, dipende dall’interpretazione del testo che si vuol dare e dalla gerarchia delle fonti. Nel senso che se crediamo che l’ordinanza Figliuolo abbia introdotto una qualche distinzione tra le categorie allora è ovvio che chi non rientra negli operatori sanitari “in prima linea” non può essere considerato obbligato e quindi non potrebbe esserci una situazione per cui il datore di lavoro, ovvero l’azienda sanitaria, gli dovesse intimare di fare il vaccino, lui dovesse rifiutarsi e quindi possa essere sospeso dal servizio e dalla retribuzione. Secondo me c’è anche un passaggio che probabilmente va considerato fondamentale, e che è previsto nello stesso decreto legge. Nel testo dell’articolo che ha previsto l’obbligo vaccinale vengono individuate le categorie che vanno vaccinate e subito dopo si ricorda che, a mio avviso correttamente, tutti questi operatori sanitari appartengono ad un ordine professionale. E dunque devono essere gli stessi ordini professionali, senza distinzione, a dover indicare alle Regioni e alle Asl competenti i nominativi da vaccinare. Se un operatore sanitario non viene chiamato per effettuare la vaccinazione obbligatoria, dunque, a mio avviso non può subire conseguenze di alcun tipo».

L’introduzione della differenziazione tra “operatori sanitari in prima linea” e non, potrà rendere più complessa, in sede di conversione del decreto legge, la giustificazione dell’obbligo per tutti i professionisti sanitari?

«Se da qui alla conversione del testo in legge permarranno queste difficoltà interpretative, penso si debba intervenire con qualche correttivo perché evidentemente potrebbero venire a crearsi delle discriminazioni. Le intenzioni sono, dal mio punto di vista, assolutamente buone e corrette. Va bene dunque prevedere delle distinzioni anche all’interno delle stesse categorie, ma c’è bisogno che in sede di conversione vengano chiarite definitivamente queste possibili distinzioni. In tal senso, infatti, potrebbero crearsi delle situazioni paradossali per cui magari alcune Aziende che decidono di aderire al Protocollo Nazionale per la realizzazione di punti di vaccinazione anti-Covid sui luoghi di lavoro, siglato il 6 aprile u.s., e che sappiamo basarsi esclusivamente sulla volontarietà, potrebbero individuare dei destinatari del vaccino che, per assurdo, potrebbero “soffiare” il posto a qualcun altro che invece, seppur compreso in una categoria ove è prevista l’obbligatorietà, ancora non è stato chiamato in base a quelle difficoltà interpretative di cui abbiamo parlato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terza dose di vaccino, chi deve farla e perché? È sicura? Le risposte dell’Aifa
Da lunedì 20 settembre la somministrazione della terza dose di vaccino è diventata realtà. L’Agenzia italiana del Farmaco risponde alle domande più comuni
Vaccino anti-Covid fascia 5-11 anni, Pfizer: «Forte risposta immunitaria»
I dati sulla fascia di età 5-11 anni con dose di vaccino inferiore rispetto agli adulti mostra un'immunità molto alta. Secondo Pfizer si potrebbe iniziare con le somministrazioni dall'inizio della stagione invernale
Terza dose da oggi in Italia, ma gli esperti sono divisi: «Dati ancora non chiari»
Per ora la platea interessata è formata da circa 3 milioni di immunocompromessi ma si discute sulla possibilità di estenderla a tutta la popolazione
Specialisti spostati in altri reparti a causa dell’emergenza Covid, il Consiglio di Stato rimette tutto in discussione
Una recente pronuncia sancisce un importante principio per il personale sanitario adibito, durante l’emergenza da Covid-19, a prestazioni che esulano dalla specializzazione conseguita. L’intervista all’esperto
Covid, Gimbe: «Tutti i numeri in calo, in ospedale quasi esclusivamente non vaccinati»
Nuovo Report di Fondazione Gimbe: scendono nuovi casi (-14,7%), ricoveri ordinari (-3,3%) e terapie intensive (-1,6%). Ancora oltre 3 milioni di over 50 senza alcuna copertura anti-Covid
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco