Lavoro 14 Aprile 2021 18:09

Obbligo vaccinale, vale per tutti gli operatori sanitari o solo per quelli “in prima linea”?

Intervista all’avvocato Andrea Marziale, partner di QUORUM Studio Legale e Tributario Associato e consulente di Consulcesi & Partners, specializzato in Diritto del Lavoro e Sanitario

Obbligo vaccinale, vale per tutti gli operatori sanitari o solo per quelli “in prima linea”?

L’obbligo vaccinale vale per tutti gli operatori sanitari, senza esclusioni, oppure vale solo per chi è “in prima linea”, ovvero a diretto contatto con i pazienti Covid? Il dubbio nasce dalla lettura di un passaggio dell’ultima ordinanza del Commissario Straordinario all’emergenza Francesco Paolo Figliuolo, la quale potrebbe contenere un elemento che andrebbe apparentemente in contrasto con l’obbligo vaccinale previsto dal D.L. 44/21. Ne abbiamo parlato con l’avvocato Andrea Marziale, partner di QUORUM Studio Legale e Tributario Associato e consulente di Consulcesi & Partners, specializzato in Diritto del Lavoro e Sanitario.

Avvocato, l’ordinanza del Commissario Figliuolo che pare inserire tra le categorie prioritarie della campagna vaccinale solo gli operatori sanitari “in prima linea” è in conflitto con l’obbligo vaccinale imposto a tutti i professionisti sanitari dal decreto legge del 31 marzo?

«Nel Decreto Legge n. 44/21 vengono previste alcune categorie che devono rispettare l’obbligo vaccinale e che sono espressamente indicate in esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgono attività in strutture sanitarie, socio-sanintarie, farmacie, ecc.. L’ordinanza del Commissario Figliuolo effettivamente, dal mio punto di vista, può essere interpretata in due modi diversi in quanto in un passaggio si dice che la campagna vaccinale continua nei confronti di “tutto il personale sanitario e socio-sanitario, in prima linea nella diagnosi, trattamento e cura del Covid-19”. Quell’inciso, quella virgola, potrebbe anche voler dire che vale la priorità di vaccinare, in quanto obbligo, tutti gli operatori sanitari indipendentemente dal fatto che siano o meno in prima linea. Se poi vogliamo dare del testo una interpretazione un po’ più restrittiva, ma comunque di buon senso, potremmo dire che devono essere vaccinati in via prioritaria i professionisti sanitari a diretto contatto con i pazienti Covid. Purtroppo, come succede spesso in questi casi, non c’è chiarezza assoluta. Credo che, probabilmente, sarà necessario introdurre qualche correttivo in sede di conversione in legge del decreto perché questo passaggio potrebbe creare qualche difficoltà interpretativa. Se poi vogliamo spostare il discorso sulla gerarchia delle fonti, in questo caso la “fonte primaria” resta il decreto legge. L’ordinanza del Commissario dà alcune indicazioni operative ma se vogliamo considerare la fonte più efficace e valida non può che essere il decreto legge. Dal mio punto di vista, dunque, l’obbligo rimane per tutti gli operatori sanitari individuati nel decreto legge e dalla circolare esplicativa del Ministero della Salute. Gli operatori sanitari sono quelli indicati in questi testi e che operano nelle strutture, come ospedali, farmacie e altre strutture similari».

Come deve comportarsi un sanitario che non è ancora stato vaccinato e che adesso dovrà aspettare il suo turno? Potrebbe subire le conseguenze previste dal decreto legge per chi non si è vaccinato?

«Anche qui, dal mio punto di vista, dipende dall’interpretazione del testo che si vuol dare e dalla gerarchia delle fonti. Nel senso che se crediamo che l’ordinanza Figliuolo abbia introdotto una qualche distinzione tra le categorie allora è ovvio che chi non rientra negli operatori sanitari “in prima linea” non può essere considerato obbligato e quindi non potrebbe esserci una situazione per cui il datore di lavoro, ovvero l’azienda sanitaria, gli dovesse intimare di fare il vaccino, lui dovesse rifiutarsi e quindi possa essere sospeso dal servizio e dalla retribuzione. Secondo me c’è anche un passaggio che probabilmente va considerato fondamentale, e che è previsto nello stesso decreto legge. Nel testo dell’articolo che ha previsto l’obbligo vaccinale vengono individuate le categorie che vanno vaccinate e subito dopo si ricorda che, a mio avviso correttamente, tutti questi operatori sanitari appartengono ad un ordine professionale. E dunque devono essere gli stessi ordini professionali, senza distinzione, a dover indicare alle Regioni e alle Asl competenti i nominativi da vaccinare. Se un operatore sanitario non viene chiamato per effettuare la vaccinazione obbligatoria, dunque, a mio avviso non può subire conseguenze di alcun tipo».

L’introduzione della differenziazione tra “operatori sanitari in prima linea” e non, potrà rendere più complessa, in sede di conversione del decreto legge, la giustificazione dell’obbligo per tutti i professionisti sanitari?

«Se da qui alla conversione del testo in legge permarranno queste difficoltà interpretative, penso si debba intervenire con qualche correttivo perché evidentemente potrebbero venire a crearsi delle discriminazioni. Le intenzioni sono, dal mio punto di vista, assolutamente buone e corrette. Va bene dunque prevedere delle distinzioni anche all’interno delle stesse categorie, ma c’è bisogno che in sede di conversione vengano chiarite definitivamente queste possibili distinzioni. In tal senso, infatti, potrebbero crearsi delle situazioni paradossali per cui magari alcune Aziende che decidono di aderire al Protocollo Nazionale per la realizzazione di punti di vaccinazione anti-Covid sui luoghi di lavoro, siglato il 6 aprile u.s., e che sappiamo basarsi esclusivamente sulla volontarietà, potrebbero individuare dei destinatari del vaccino che, per assurdo, potrebbero “soffiare” il posto a qualcun altro che invece, seppur compreso in una categoria ove è prevista l’obbligatorietà, ancora non è stato chiamato in base a quelle difficoltà interpretative di cui abbiamo parlato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid e gravidanza: l’infezione è più pericolosa nei nove mesi
I ginecologi Siru chiedono la vaccinazione per le future mamme
«Estendere a 42 giorni l’intervallo tra prima e seconda dose di Pfizer e Moderna»
Questa l'indicazione del Comitato tecnico scientifico per l'emergenza Covid contenuta nel parere allegato a una circolare del Ministero della Salute. Sì al richiamo AstraZeneca in assenza di eventi gravi con prima dose
Lazio, ridotta del 91% incidenza ricovero per over 80 vaccinati. Zingaretti: «Punto di svolta, avremo un’estate diversa»
Lazio prima Regione a studiare effetti vaccini su popolazione. L'assessore alla Sanità D’Amato: «Lavoro straordinario, risultati lusinghieri che dimostrano l’importanza di tutti i vaccini»
Passaporto e cocktail di vaccini. La posizione di Cisl medici Lazio
di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, oncologo, segretario Cisl Medici Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco