Salute 1 Luglio 2021 12:00

Entra in vigore il Green pass Ue. Dove si può viaggiare e quali sono i problemi da risolvere

Da oggi il Green pass Ue è necessario per viaggiare oltre i propri confini. Ma è valido per i guariti che hanno fatto una sola dose di vaccino? E come comportarsi se si viaggia con bambini piccoli?

Entra in vigore il Green pass Ue. Dove si può viaggiare e quali sono i problemi da risolvere

Entra ufficialmente in vigore il Green pass Ue in tutti i 27 Paesi dell’Unione europea. Parliamo del Qr Code che si può recuperare sul sito del Ministero a due settimane dalla vaccinazione o con tampone negativo nelle precedenti 48 ore. I governi Ue si augurano così di poter permettere ai propri cittadini di tornare a viaggiare oltre i confini, sebbene per ora si sia ancora lontani da un’applicazione omogenea delle regole del pass.

Una dose sì o no?

Per esempio: quante dosi sono necessarie per usarlo all’estero? In Italia attualmente il Green pass viene rilasciato anche dopo una dose sola, indifferentemente sia ai guariti che non devono fare la seconda sia a chi ne è semplicemente in attesa. Questo pass è valido per partecipare a concerti, entrare in discoteca, visitare parenti in Rsa e presenziare a cerimonie di nozze almeno nel nostro Paese. Con una sola dose si può andare anche in Croazia, Austria e Repubblica Ceca, per esempio. Altri stati richiedono invece la doppia somministrazione.

All’inizio si era prefigurata una differenza tra chi aveva fatto una sola dose di AstraZeneca e chi aveva una sola dose di vaccino ad mRna. Nel primo caso, infatti, il richiamo era lontano nel tempo per regola e sembrava che questo concedesse dei vantaggi in più a chi aveva avuto questo prodotto. Ad oggi però questa riflessione sembra scomparsa e le prime dosi sono state uniformate, almeno all’interno del territorio nazionale.

Guariti e vaccinati all’estero, restano i nodi

Qui però si delinea la problematica “guariti”. Se si è superato Covid-19 da meno di sei mesi infatti, per norma si deve fare una sola dose. La validità del Green pass di un guarito, finché non potrà fare la seconda, sarà nulla fuori dal nostro paese. Con le eccezioni già elencante (Austria, Repubblica Ceca e Croazia). È verosimile che anche questi paesi si adeguino ora che la variante Delta minaccia il continente europeo.

Anche chi si è vaccinato all’estero, per motivi di lavoro o studio, ma resta cittadino italiano è per ora in dubbio sul da farsi. La convalida del Green pass va richiesta in ambasciata o negli Uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera (Usmaf) ma le pratiche sono bloccate per ora.

Viaggiare con i minori

Senza dimenticare chi viaggia con figli. Per i minori la situazione vaccinale è ancora in via di definizione. Ad oggi l’Ema ha approvato l’uso dei vaccini mRna anti-Covid per tutta la popolazione sopra i 12 anni. Dai 6 ai 12 anni è obbligatorio un tampone negativo, sotto i 2 anni non serve nulla. Ma la popolazione che va dai 2 ai 6 anni come deve regolarsi? A questo non c’è ancora una risposta chiara.

I paesi dove il Green pass non è ancora attivo

Il Green pass inizia dunque a rilento e se alcuni paesi, come il nostro, hanno ancora degli elementi da chiarire, ce ne sono altri che hanno dovuto ritardare la partenza per sistemare dei problemi tecnologici. Per ora Cipro, Ungheria, Malta, Paesi Bassi, Irlanda, Svezia e Romania non sono “in pari”. I tempi rischiano di dilatarsi ulteriormente per l’Irlanda, il cui sistema sanitario elettronico è stato colpito da un attacco hacker. Ma l’Ue non aspetta, i vertici sono stati chiari. Il Green pass dovrebbe diventare obbligatorio per molte più attività: per andare «ai concerti, ai festival, a teatro, al ristorante».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Regimenti (eurodeputata): «Comitato scientifico tutto italiano a consulenza della Commissione Covid UE»
Un confronto con l'onorevole Luisa Regimenti, medico legale ed eurodeputata, sull'impronta della scienza italiana in Europa e su quanto ci aspetta in autunno con professionisti formati per quello che verrà
Dal 1 giugno stop al Green Pass per chi arriva in Italia
Dal 1 giugno coloro che vogliono entrare nel nostro paese non avranno l'obbligo di esibire il Green Pass. Scadrà invece a metà giugno l'obbligo di indossare la mascherina negli spettacoli al chiuso
Parlamento Ue vara commissione su pandemia. Regimenti (FI): «Ora realizzare UE della Salute»
L’eurodeputata è uno dei 38 membri della commissione speciale che dovrà esaminare cosa ha funzionato e cosa è andato storto nella gestione del Covid a livello europeo. Entro 12 mesi sarà elaborata una relazione
di Francesco Torre
Speranza su quarta dose: «Ue assuma posizione unitaria su tempi e fasce d’età»
Il ministro Speranza, intervenendo al Consiglio dei ministri europei della Salute, si rivolge all’UE: «Fare in tempi stretti una proposta su quarta dose basata esclusivamente sull'evidenza scientifica»
Speranza: «Inverno senza chiusure grazie a vaccini e Green Pass. Questa è la verità senza propaganda»
«Green pass scaricato 262 mln di volte. Strumento fondamentale di contrasto e gestione lotta al Covid». Così il ministro ha risposto al Question time alla Camera sull’eliminazione dell’obbligo della certificazione verde in relazione alla fine dello stato di emergenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi