Salute 22 Ottobre 2020 08:20

Francia, medico italiano racconta: «Crescono i contagi ma gli ospedali reggono»

«Contagi a macchia di leopardo con zone più e meno colpite. Gli ospedali sono preparati, hanno più esperienza e la sanità del territorio sta contenendo la seconda ondata. Terapie intensive al 20% in alcune grandi città»

di Federica Bosco

Settantaseimila nuovi casi nelle ultime 24 ore. Cresce in maniera preoccupante l’asticella dei contagi Oltralpe che supera le 950mila unità, eppure le parole di Marco Mafrici, oculista italiano da sette anni impiegato in un ospedale del sud della Francia, oggi sono rassicuranti seppur lo stato di allerta sia alto. Mafrici è stato anche autore, insieme ad altri 200 colleghi, di un appello lanciato alle istituzioni in una lettera inviata a Macron lo scorso mese di aprile in piena emergenza Covid-19.

Sei mesi fa, insieme ad altri colleghi, lei scrisse a Macron per invitarlo a fare tesoro dell’esperienza italiana e non finire travolti dal virus. Guardando i dati odierni sembra che qualcosa sia andato storto. La Francia oggi è il terzo paese più colpito dal virus come pazienti contagiati, cosa non ha funzionato?

«In realtà il messaggio che passa in Italia è fuorviante, il virus non ha mai smesso di esistere e di circolare come in ogni altro Paese, che ci sarebbe stata una seconda ondata si sapeva, i contagi sono a macchia di leopardo con zone più colpite ed altre molto meno. La cosa importante è non far sovraffollare gli ospedali ed è l’unico modo per sostenere il sistema sanitario. Oggi gli ospedali non sono nella stessa situazione di emergenza di marzo e aprile anche se i contagi aumentano. I medici di famiglia stanno facendo la loro parte sul territorio per evitare la congestione delle strutture ospedaliere».

Le indicazioni fornite a Macron sono state seguite?

«Non voglio entrare nel merito di scuola, attività commerciali e coprifuoco, mentre invece per quanto riguarda il sistema sanitario, alcuni ospedali hanno iniziato a rinviare gli interventi meno urgenti, un 20% in meno in media. Ad esempio, a Rouen in Normandia e a Sant’Etienne. Invece a Strasburgo o a Marsiglia hanno fatto scelte diverse e tutto è rimasto nella norma. Ogni dipartimento e all’interno ogni struttura ospedaliera ha agito secondo le proprie esigenze e il contesto territoriale. Alcuni non hanno mai ripreso l’attività al 100% dopo la prima ondata ed oggi sono al 60% della potenzialità delle sale operatorie. Il che significa che non hanno mai considerato finita l’emergenza».

I reparti di rianimazione e terapia intensiva si stanno riempiendo: secondo le stime ufficiali sono oltre 1900 i pazienti ricoverati…

«I numeri crescono, ma le ospedalizzazioni sono poche, rispetto al numero di contagi e alla diffusione del virus; gli asintomatici e i paucisintomatici sono la maggioranza assoluta e di fatto chi non ha complicanze viene curato a casa e seguito dai medici di famiglia. In ospedale ci sono rigidi protocolli da seguire: dalle mascherine alla temperatura e nelle sale operatorie si entra solo con un tampone negativo. Le rianimazioni sono al 50% e l’età media dei pazienti si è abbassata, oggi siamo intorno ai 50 anni. In Italia viene descritta una situazione catastrofica ma non è così, non siamo nella situazione di marzo aprile, gli ospedali sono preparati, hanno più esperienza e la sanità del territorio sta contenendo l’ondata. Il virus c’è, ma tutto viene gestito senza affanno almeno per ora, nei mesi successivi vedremo come evolverà il quadro epidemiologico e sanitario. Il livello di guardia però resta alto».

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Obbligo mascherina in ospedale via tra due settimane? Scienziati divisi, nuovo studio inglese: «Benefici modesti»
In vista della scadenza dell'obbligo di indossare la mascherina negli ospedali e nelle strutture sanitarie italiane, fissata per il 30 aprile, la scienza ragiona su vantaggi e benefici. Dal Regno Unito arriva una nuova ricerca: «Nessuna differenza significativa» sui tassi di trasmissione di Covid-19 negli ospedali
Iss: repentino aumento dei contagi, ora 5 Regioni a «rischio alto»
Alla vigilia della scadenza dell'obbligo delle mascherine anche sui trasporti, i nuovi dati del monitoraggio settimanale indicano un aumento repentino dei contagi
Due sintomi «rivelatori» del Covid, l’avvertimento dello scienziato britannico
Tim Spector, fondatore dell'app Covid Zoe, ha avvertito che la stanchezza al mattino, anche dopo una buona notte di sonno, e il mal di gola possono essere considerati segni «rivelatori» dell'infezione Covid-19
Quasi 80mila contagi Covid sul lavoro, più colpiti operatori sanitari e sociali
Con 80.994 contagi sul lavoro denunciati dall'Inail, i primi sei mesi di quest'anno pesano al momento per il 29,1% sul totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’istituto dall’inizio della pandemia alla data dello scorso 30 giugno. I più colpiti sul lavoro sono i professionisti del settore della sanità e dell'assistenza sociale. Questo è quanto emerge dal 28esimo report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell'Inail
Covid, raggiunto il plateau il 14 luglio con 98mila casi. Inizia la discesa?
Nell'ultima settimana si è registrato un lieve calo di nuovi positivi rispetto a quella precedente ma i ricoveri ordinari continuano a salire. Record nel Lazio per le somministrazioni della quarta dose del vaccino agli over 60. D'Amato: «Sono circa 12 mila al giorno, il 20% in più del target nazionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...