Sanità internazionale 29 ottobre 2018

Il 93% dei bambini respira aria tossica. I dati OMS

Ogni giorno, sulla Terra, 1,8 miliardi di bambini e ragazzi al di sotto dei 15 anni respira aria talmente inquinata da mettere seriamente a rischio la loro salute ed il loro sviluppo. Parliamo del 93% del totale. Una percentuale che raggiunge il 98%, se si considerano solo i bambini di meno di 5 anni che […]

Immagine articolo

Ogni giorno, sulla Terra, 1,8 miliardi di bambini e ragazzi al di sotto dei 15 anni respira aria talmente inquinata da mettere seriamente a rischio la loro salute ed il loro sviluppo. Parliamo del 93% del totale. Una percentuale che raggiunge il 98%, se si considerano solo i bambini di meno di 5 anni che vivono nei Paesi a basso e medio reddito.

Purtroppo, molti di questi muoiono: l’Organizzazione Mondiale della Sanità ritiene che nel 2016 siano stati 600mila i bambini deceduti per infezioni respiratorie causate dall’inquinamento. Sono i dati lanciati dall’OMS alla vigilia della prima Conferenza globale su salute ed inquinamento atmosferico.

Secondo il Rapporto, le donne incinta esposte ad aria inquinata corrono maggiori rischi di parto prematuro e di dare alla luce bimbi sottopeso. L’inquinamento atmosferico può avere un impatto anche sullo sviluppo neurologico e sulle capacità cognitive dei più piccoli, e può causare asma e cancro. Inoltre, i bambini esposti ad alti livelli di inquinamento sono più a rischio di malattie croniche, ad esempio cardiovascolari, da adulti.

«Uno dei motivi per cui i bambini sono particolarmente vulnerabili agli effetti dell’inquinamento – spiega l’OMS – è la maggiore velocità della loro respirazione rispetto agli adulti, che li porta quindi ad assorbire più agenti inquinanti. Inoltre, vivono più vicini al suolo, dove sono concentrate alcune sostanze inquinanti, in una fase della vita in cui i loro cervelli e i loro corpi sono ancora in via di sviluppo».

«L’inquinamento ambientale sta avvelenando milioni di bambini e rovinando le loro vite – ha commentato il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus -. Tutto ciò è inaccettabile. Ogni bambino dovrebbe avere la possibilità di respirare aria pulita e crescere nelle condizioni migliori possibili».

La Conferenza riunisce a Ginevra leader, ministri della salute e dell’ambiente, sindaci, organizzazioni intergovernative e scienziati di tutto il mondo per discutere di possibili piani d’azione per intervenire e cambiare la situazione. Secondo l’OMS, si dovrebbe iniziare da una maggiore formazione e informazione dei professionisti della sanità, passando dall’implementazione di politiche volte a ridurre l’inquinamento ambientale: «I governi dovrebbero ridurre la dipendenza da combustibili fossili, investire nell’efficientamento energetico e nelle fonti di energia rinnovabili. Le scuole ed i parchi giochi, inoltre, dovrebbero essere lontani dalle principali fonti di inquinamento, e quindi da strade trafficate, fabbriche e centrali elettriche».

LEGGI ANCHE: INQUINAMENTO, ALLARME DELL’OMS: CAUSA SETTE MILIONI DI MORTI ALL’ANNO. 90% POPOLAZIONE MONDIALE COINVOLTO

Articoli correlati
Tabagismo: una malattia contagiosa e mortale. Al via il congresso nazionale Sitab
L’epidemia da tabacco continua inesorabilmente a mietere vittime in Italia (80mila/anno), in Europa (600mila/anno) e nel mondo (>7 milioni/anno), senza contare l’incremento della cronicità che penalizza fortemente l’economia nazionale e mondiale. I decessi da fumo di tabacco avvengono soprattutto per tumori, malattie cardiovascolari e pneumologiche, con la malattia polmonare cronica ostruttiva (BPCO) in forte aumento, […]
Cure palliative, accesso solo per 5% bimbi italiani. L’appello della Fondazione Maruzza: «Applichiamo Legge contro dolore»
Presentate al Congresso internazionale sulle cure palliative pediatriche le nuove linee guida OMS, redatte dalla dottoressa Joan Marston: «Aiutano a creare una rete che possa mettersi a disposizione di ognuno dei 21 milioni di bambini che, nel mondo, ne hanno bisogno»
Alcol, il report OMS: uccide 3 milioni di persone l’anno. E il 44% degli adolescenti europei beve abitualmente
I tre quarti dei decessi dovuti a incidenti, violenze o malattie legati all’abuso di alcol colpisce gli uomini. Nel Vecchio Continente le percentuali più alte. Tutti i dati emersi dal “Global status report on alcohol and health 2018”
OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili
Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»
“Emergenza cancro”. Miani (Sima): «In Italia in aumento i tumori infantili. Inquinamento e stili di vita non corretti i maggiori fattori di rischio»
«Continuano a crescere i casi di leucemie, linfomi, cancro della mammella, dell’oro-faringe e dei polmoni. Nelle zone d’Italia più inquinate, in solo dieci anni, queste patologie sono aumentate fino al 90%». Alessandro Miani, presidente Sima, lancia l’allarme in occasione del convegno “Emergenza cancro-Fattori ambientali modificabili e stili di vita non corretti”
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...