Sanità internazionale 29 Ottobre 2018 17:16

Il 93% dei bambini respira aria tossica. I dati OMS

Ogni giorno, sulla Terra, 1,8 miliardi di bambini e ragazzi al di sotto dei 15 anni respira aria talmente inquinata da mettere seriamente a rischio la loro salute ed il loro sviluppo. Parliamo del 93% del totale. Una percentuale che raggiunge il 98%, se si considerano solo i bambini di meno di 5 anni che […]

Il 93% dei bambini respira aria tossica. I dati OMS

Ogni giorno, sulla Terra, 1,8 miliardi di bambini e ragazzi al di sotto dei 15 anni respira aria talmente inquinata da mettere seriamente a rischio la loro salute ed il loro sviluppo. Parliamo del 93% del totale. Una percentuale che raggiunge il 98%, se si considerano solo i bambini di meno di 5 anni che vivono nei Paesi a basso e medio reddito.

Purtroppo, molti di questi muoiono: l’Organizzazione Mondiale della Sanità ritiene che nel 2016 siano stati 600mila i bambini deceduti per infezioni respiratorie causate dall’inquinamento. Sono i dati lanciati dall’OMS alla vigilia della prima Conferenza globale su salute ed inquinamento atmosferico.

Secondo il Rapporto, le donne incinta esposte ad aria inquinata corrono maggiori rischi di parto prematuro e di dare alla luce bimbi sottopeso. L’inquinamento atmosferico può avere un impatto anche sullo sviluppo neurologico e sulle capacità cognitive dei più piccoli, e può causare asma e cancro. Inoltre, i bambini esposti ad alti livelli di inquinamento sono più a rischio di malattie croniche, ad esempio cardiovascolari, da adulti.

«Uno dei motivi per cui i bambini sono particolarmente vulnerabili agli effetti dell’inquinamento – spiega l’OMS – è la maggiore velocità della loro respirazione rispetto agli adulti, che li porta quindi ad assorbire più agenti inquinanti. Inoltre, vivono più vicini al suolo, dove sono concentrate alcune sostanze inquinanti, in una fase della vita in cui i loro cervelli e i loro corpi sono ancora in via di sviluppo».

«L’inquinamento ambientale sta avvelenando milioni di bambini e rovinando le loro vite – ha commentato il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus -. Tutto ciò è inaccettabile. Ogni bambino dovrebbe avere la possibilità di respirare aria pulita e crescere nelle condizioni migliori possibili».

La Conferenza riunisce a Ginevra leader, ministri della salute e dell’ambiente, sindaci, organizzazioni intergovernative e scienziati di tutto il mondo per discutere di possibili piani d’azione per intervenire e cambiare la situazione. Secondo l’OMS, si dovrebbe iniziare da una maggiore formazione e informazione dei professionisti della sanità, passando dall’implementazione di politiche volte a ridurre l’inquinamento ambientale: «I governi dovrebbero ridurre la dipendenza da combustibili fossili, investire nell’efficientamento energetico e nelle fonti di energia rinnovabili. Le scuole ed i parchi giochi, inoltre, dovrebbero essere lontani dalle principali fonti di inquinamento, e quindi da strade trafficate, fabbriche e centrali elettriche».

LEGGI ANCHE: INQUINAMENTO, ALLARME DELL’OMS: CAUSA SETTE MILIONI DI MORTI ALL’ANNO. 90% POPOLAZIONE MONDIALE COINVOLTO

Articoli correlati
Inquinamento, trovate pericolose nanoparticelle negli organi di feti
Per la prima volta gli scienziati hanno trovato nanoparticelle derivanti dall'inquinamento atmosferico nei tessuti e negli organi in via di sviluppo di feti già nei primi 3 mesi di gravidanza
La lunga battaglia contro la malaria, tra sfide vinte e ancora aperte
Da quando la sua eziologia è stata descritta per la prima volta più di 100 anni fa, la malaria è diventata una delle malattie infettive più conosciute al mondo. Tuttavia, nel 2019 ci sono stati ancora più di 620.000 decessi e circa 230 milioni di casi in tutto il mondo, quasi tutti nell'Africa subsahariana
di Stefano Piazza
Inquinamento atmosferico, il killer silenzioso che uccide più del Covid (ma fa meno rumore)
Miani (SIMA): «Ogni anno in Italia circa 80mila persone muoiono prematuramente per inquinamento atmosferico». E i tumori pediatrici aumentano a velocità doppia rispetto alla media UE
«Inquinamento e salute bambini, con cambiamento climatico rischi aumentati». L’allarme della pediatra Reali (ISDE Lazio)
«Un aumento di temperatura cui sono esposti i bambini durante la vita in utero può aumentare il rischio di esiti avversi della gravidanza»
di Francesco Torre
Le carni vegetali sono il miglior investimento per il futuro del clima?
Gli investimenti in proteine alternative, che comprendono anche prodotti derivati dalla fermentazione (microproteine, alghe, proteine del latte prodotte con i batteri) e carni coltivate, sono balzati da 1 miliardo di dollari nel 2019 a 5 miliardi di dollari nel 2021
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa