Sanità internazionale 25 Febbraio 2020 17:43

Ministri Salute europei e organizzazioni internazionali in Italia. Il confronto

Ieri è arrivata in Italia la delezione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e del Centro europeo per la prevenzione ed il controllo delle malattie. Oggi, a Lungotevere Ripa, si sono riuniti i ministri della Salute di Austria, Francia, Slovenia, Svizzera, Croazia e Germania. Il tema al centro del confronto, ovviamente, è stato l’esplosione dell’epidemia di coronavirus […]

Ieri è arrivata in Italia la delezione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e del Centro europeo per la prevenzione ed il controllo delle malattie. Oggi, a Lungotevere Ripa, si sono riuniti i ministri della Salute di Austria, Francia, Slovenia, Svizzera, Croazia e Germania. Il tema al centro del confronto, ovviamente, è stato l’esplosione dell’epidemia di coronavirus nel nostro Paese.

«Una riunione molto positiva – ha commentato al termine il ministro della Salute Roberto Speranza – conclusa con l’adozione di una dichiarazione formale sottoscritta da tutti i nostri vicini, che hanno espresso un convinto apprezzamento per il lavoro svolto dal governo italiano e assicurato pieno sostegno all’Italia per la gestione dell’emergenza».

La dichiarazione prevede il mantenimento delle frontiere aperte: «Chiudere i confini – si legge nel documento – sarebbe al momento una misura non proporzionata e inefficace». Inoltre, i Paesi riunitisi oggi condivideranno informazioni standardizzate con i viaggiatori provenienti da o diretti verso le aree a rischio, informazioni mediche ed epidemiologiche e le misure adottate per affrontare l’infezione. Inoltre, hanno concordato sulla necessità di riunioni regolari sia a livello ministeriale che tra esperti. Infine, hanno deciso di non annullare a priori i grandi eventi ma di valutare caso per caso le misure da adottare.

LEGGI ANCHE: MEDICI DI FAMIGLIA, PEDIATRI, FARMACISTI: DA CODOGNO LE STORIE DEGLI EROI SILENZIOSI IN PRIMA LINEA OGNI GIORNO

Intanto, l’OMS, in una nota, ha definito «preoccupante» il rapido aumento dei casi registrati in Italia negli ultimi giorni, «nonostante fosse prevedibile una limitata trasmissione locale del virus tra persone fuori la Cina». Tuttavia, l’Organizzazione ha anche evidenziato che in 4 casi su 5 l’infezione si manifesta con sintomi lievi o è asintomatica. Gli esperti dell’OMS stanno quindi supportando le autorità nostrane nella gestione clinica, nella prevenzione e controllo dell’infezione e nella comunicazione del rischio con l’obiettivo di limitare la diffusione del virus.

«COVID-19 è un nuovo virus che dobbiamo prendere molto seriamente – ha commentato Hans Kluge, direttore regionale dell’OMS Europa -. La missione in Italia è una delle strade da percorrere per supportare i Paesi europei e stiamo facendo in modo che siano pronti ad affrontare il COVID-19. È fondamentale trattare i pazienti con dignità e compassione, applicare le misure necessarie per la prevenzione della trasmissione del virus e proteggere gli operatori sanitari».

«L’OMS è al fianco del governo italiano nel suo sforzo e impegno volti a mitigare l’epidemia e a gestire i casi in modo efficace – ha aggiunto Kluge -. Le misure che sono state adottate sono in linea con le strategie messe in campo a livello globale per fermare la diffusione del coronavirus. Questo è il momento della solidarietà e della cooperazione – ha concluso -. È il momento di lavorare insieme per proteggere la salute di tutti».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 27 luglio, sono 194.729.113 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.167.758 i decessi. Ad oggi, oltre 3,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 luglio: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno […]
Conferenza sulla Salute Mentale, Speranza: «Pronti ad investire. Stop alla contenzione meccanica dei pazienti psichiatrici»
Presentato il Documento del tavolo tecnico che analizza lo stato di attuazione del “Piano di Azioni Nazionale per la Salute Mentale” ad otto anni dalla sua approvazione
di Isabella Faggiano
Ministero riapre a richiamo con AstraZeneca e per under 60 l’opzione J&J è ancora aperta in caso di “hard to reach”
La nuova circolare dà ragione al Lazio: chi vorrà potrà scegliere di non sottoporsi alla vaccinazione eterologa e procedere con il richiamo AstraZeneca. Per J&J le possibilità rimangono aperte in caso di campagne rivolte a under 60 non stanziali
OMS: «I morti per Covid potrebbero essere il triplo di quelli segnalati»
Presentato a Ginevra il Rapporto World Health Statistics 2021. Ecco gli effetti collaterali della pandemia sulla salute globale
Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»
«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Erich Grimaldi, Presidente del Comitato Cure Domiciliari Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 luglio, sono 194.729.113 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.167.758 i decessi. Ad oggi, oltre 3,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Cause

Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione

Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea