Lavoro 25 Febbraio 2020

Medici di famiglia, pediatri, farmacisti: da Codogno le storie degli eroi silenziosi in prima linea ogni giorno

Tre mascherine a testa, tanto coraggio e tanta pazienza. Tra psicosi da arginare e dotazioni quasi inesistenti. «Ma domani andrà meglio di oggi: non possiamo permetterci di non avere fiducia»

Medici di famiglia, pediatri, farmacisti: da Codogno le storie degli eroi silenziosi in prima linea ogni giorno

Sono i giorni più difficili, quelli in cui i numeri del contagio aumentano e in maniera esponenziale aumenta la paura. Siamo nei due comuni di Codogno e Vo’ Euganeo, rispettivamente nel Lodigiano e nel Padovano, due paesi che insieme non arrivano a contare ventimila anime, e che negli ultimi giorni sono passati tristemente alla ribalta per essere stati i primi focolai italiani di epidemia di Covid-19. Da qui, dal profondo Nord, il virus ha iniziato il suo viaggio verso il resto del Paese. Negli ospedali si lavora senza sosta, nei reparti e nelle terapie intensive. Ma i presidi sanitari territoriali, medici di base, pediatri di famiglia, farmacie, sono l’avamposto a difesa della comunità, posto di blocco delle paure ingiustificate, crocevia di domande, richieste di rassicurazioni, chiarimenti. Eroi silenziosi in prima linea, chiamati a difendere e a difendersi da un nemico invisibile, troppo spesso, senza le armi adatte. Le mascherine scarseggiano, il contatto umano è inevitabile: sono loro il bersaglio più facile del Coronavirus. Nessuno viene meno alla sua missione, ma le farmacie sono allo stremo. «Cosa posso dirle, è il delirio: lavoriamo a battenti chiusi, e abbiamo la fila fin dall’altro capo del marciapiede – ci rispondono da una farmacia Navilli di Codogno – ma andiamo avanti, siamo fiduciosi, e non perdiamo il controllo. Non possiamo permettercelo».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS E BAMBINI, LO PSICOTERAPEUTA: “HANNO PAURA SE VEDONO ADULTI SPAVENTATI SENZA CONOSCERNE IL MOTIVO. DICIAMO LORO LA VERITA'”

La dottoressa Maria Clelia Negri, medico di famiglia, direttamente dall’epicentro Codogno, ci racconta di giornate al limite del surreale. «C’è paura, tanta, e la gente purtroppo capisce quel che vuole capire e a modo suo. Il problema è anche che noi dovremmo essere disponibili solo per le urgenze, e invece le persone vengono anche per banalità non rendendosi conto che così facendo tolgono spazio a chi potrebbe avere più necessità. Le persone oscillano tra la psicosi e il tentativo di sdrammatizzare, ma per lo più regna il panico e l’incertezza. Devo dire, però, che va un po’ meglio ogni giorno, come se la gente si stesse quasi abituando a questa situazione. Per quanto riguarda noi medici di famiglia, che dire… ci avevano promesso scanfandri, camici e quant’altro. Sa qual è la mia dotazione di sicurezza al momento? Tre mascherine». Nonostante questo, la dottoressa di Codogno è ottimista e invita a mantenere la calma e la lucidità: «Io la penso così: questa è una influenza più tosta delle altre, che su alcuni soggetti debilitati per altri motivi può dare esito fatale. Ad oggi quasi nessuno sta sviluppando complicanze, e i decessi avvenuti riguardano persone con patologie pregresse per le quali è difficile dire con certezza che sia stato il virus a causarne la morte. La psicosi è assolutamente immotivata, e può fare molti danni. Il mio consiglio è di stare attenti, di essere prudenti, ma senza farsi prendere dal panico, assolutamente».

Interessante è il punto di vista del dottor Carlo Bargiggia, medico di base a San Colombano al Lambro, comune del milanese confinante col lodigiano. Il dottore ci racconta di una situazione incerta e difficile, dettata dal fatto di essere situati geograficamente vicinissimi alla “zona rossa”. Per ora nel Comune non ci sono contagiati ma si convive da giorni con una spada di Damocle sulla testa. «Ci atteniamo alle indicazioni del Comune per quanto riguarda i comportamenti da adottare in materia di igiene e prevenzione, soprattutto qualora si presentassero sintomi sospetti. A livello più ampio, a parte la chiusura delle scuole, e l’apertura dei negozi ad accesso contingentato, l’indicazione sempre valida è quella di evitare gli assembramenti e i locali affollati. Resta il fatto che siamo un enclave della provincia di Milano, incastonata tra le province di Lodi e Pavia. Io stesso, che risiedo in una zona collinare abbastanza isolata, cerco di limitare gli spostamenti allo stretto necessario. Gli abitanti di San Colombano si spostano per lavoro in tutte le direzioni, Lodi, Codogno, Pavia, Milano. Questo ci dice che dobbiamo stare all’erta e mettere più che mai in atto comportamenti responsabili».

Stesso paese, diverso atteggiamento dei pazienti: l’esperienza della dottoressa Laura Gruppi, pediatra di famiglia codognese, è diversa da quella della collega Mmg: «Stiamo continuando a lavorare secondo le indicazioni che abbiamo ricevuto: riceviamo solo su appuntamento per evitare il sovraffollamento negli ambulatori, dove appunto può entrare un paziente alla volta. La gente per fortuna ha capito la situazione e devo dire che negli ultimi giorni nessuno sta chiamando per banalità. Il problema è che sta diventando molto difficile fare i tamponi». Una cosa in comune rimane, tra medici di famiglia e pediatri: le dotazioni assolutamente inadeguate. Anche qui: «tre mascherine è tutto quello che ho al momento. Ora però devo lasciarla: non posso tenere il telefono occupato».

LEGGI ANCHE: «SIAMO COME SOLDATI CHE VANNO AL FRONTE A MANI NUDE». IL GRIDO D’ALLARME DEI SINDACATI: «MANCANO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE»

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, il direttore del Lancet: «Uk e Italia peggiori della classe in Europa. Stupisce il silenzio assoluto dell’OMS»
Richard Horton al Festival della Salute Globale: «Il Covid ha tirato fuori anche il meglio di noi medici»
di Tommaso Caldarelli
Sono un contatto stretto di un positivo, per quanto tempo devo stare in quarantena?
Sono un contatto stretto di un positivo, per quanto tempo devo stare in quarantena? Il Ministero della Salute lo specifica attraverso la circolare emanata lo scorso 12 ottobre
Sono un caso positivo a lungo termine, cosa devo fare?
Sono un caso positivo a lungo termine, cosa devo fare? Il Ministero della Salute lo specifica attraverso la circolare emanata lo scorso 12 ottobre
Tamponi negli studi MMG, sanzioni e precettazione per chi si rifiuta. Onotri (Smi): «40% medici contrari»
Fimmg: «Ci siamo fatti carico di una scelta difficile e impopolare. Ma la firma dell'ACN è stata strumentalizzata gettando benzina sul fuoco attraverso messaggi falsi e fuorvianti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 novembre, sono 59.787.369 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.409.639 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli