Sanità internazionale 23 Febbraio 2021 15:48

Immunità di gregge negli Usa entro aprile? Secondo alcuni esperti è possibile

Il prof. Makary della Johns Hopkins School of Medicine sostiene che entro aprile gli Usa saranno fuori dalla pandemia, con il raggiungimento dell’immunità di gregge. Ma è possibile o ci sono altre spiegazioni?

Immunità di gregge negli Usa entro aprile? Secondo alcuni esperti è possibile

Dopo mesi e mesi in cima alla classifica mondiale per numero di contagi giornalieri, finalmente negli Stati Uniti i numeri stanno subendo un’importante discesa. Solo nell’ultimo mese sono scesi del 65% e dai 312mila nuovi ammalati dell’8 gennaio si è arrivata a circa 73mila al giorno.

Questo primo calo evidente è bastato al dottor Martin Makary, professore alla Johns Hopkins School of Medicine, a suggerire in un editoriale sul Wall Street Journal che gli Usa si avvicinano all’immunità di gregge. Secondo l’esperto già ad aprile il Covid-19 sarà «per lo più sparito» grazie all’attività di vaccinazione e all’alto numero di guariti e persone che hanno già contratto il virus. In più, ha aggiunto, i numeri dei contagi sono probabilmente sempre stati sottostimati e molte persone hanno avuto la malattia da asintomatici.

Un declino troppo rapido

Tuttavia, secondo un esame portato avanti dall’Insider, potrebbero esserci anche altri motivi per il calo di casi improvviso. Per esempio il lockdown imposto in California – il secondo dall’inizio della pandemia – cominciato a dicembre. Al suo picco, lo stato rappresentava circa 40mila nuovi casi giornalieri. Nonché il corretto uso di mascherine, distanziamento e blocco degli spostamenti.

Non si esclude, inoltre, che seppure l’immunità di gregge non sia ancora raggiungibile, alcuni gruppi sociali possano essere ad un punto più avanzato verso il suo raggiungimento rispetto ad altri. Si parla di persone che vivono a stretto contatto e che trovano più difficile rispettare le misure di sicurezza previste. Per esempio i senzatetto, i lavoratori in prima linea o molto esposti al pubblico, le persone che vivono in case multigenerazionali.

Varianti, un’incognita per l’immunità

In più, non bisogna dimenticare l’influsso delle varianti nel modificare il discorso sulle immunità. La variante inglese, arrivata anche negli Usa, aumenta la riproduttività del virus da 0.4 a 0.9. In più, per questa forma forse la percentuale necessaria all’immunità supera il 75%. Su alcune varianti i vaccini potrebbero mostrare efficacia inferiore e sarebbe necessaria una reimpostazione dei prodotti, che ovviamente allungherebbe le tempistiche. Mentre il vaccino Pfizer ha mostrato di sconfiggere la variante indentificata in Uk, sembra avere più problemi con la sudafricana e la brasiliana che sono arrivate negli Usa da poco tempo.

In sostanza, gli studiosi hanno invitato il dottor Makary alla prudenza, ma l’evoluzione del Covid-19 nel mondo è per tutti ancora un mistero. Tutte le previsioni fatte finora sono servite a poco, perciò negli Usa c’è chi spera che abbia ragione.

Articoli correlati
Vaiolo scimmie, prima discesa. Oms: «-21% nuovi contagi negli ultimi 7 giorni»
Arriva il primo cenno di discesa dei casi di vaiolo delle scimmie in Europa. L’Italia registra più di 700 contagi, il maggior numero di nuove infezioni negli Stati Uniti, dove è emergenza nazionale
Usa: primo caso di «Covid cronico», uomo positivo da oltre 1 anno
Negli Stati Uniti è stato documentato quello che possiamo definire il primo caso di «Covid cronico». Un uomo del Connecticut, già malato di cancro, è positivo da più di 470 giorni. Oltre un anno. A descrivere il caso è stato un gruppo di ricercatori della Yale University in uno studio riportato su MedRxiv, in attesa di revisione. Dopo ulteriori indagini, gli scienziati hanno anche scoperto che nel sangue del paziente circolavano tre diversi varianti del virus, di cui una ritenuta estinta
Usa, in oltre la metà degli Stati sarà vietato abortire
Dopo la decisione della Corte Suprema di ribaltare Roe v Wade, in stati come Louisiana e Tennessee non si potrà abortire neanche per stupro
Se gli USA vieteranno l’aborto, quali saranno le conseguenze per le donne?
I giudici della Corte Suprema degli Stati Uniti d’America vogliono abrogare il diritto all'aborto nel Paese, secondo un documento interno pubblicato da Politico. Il mondo scientifico si ribella a fronte di una decisione dettata da ragioni di carattere politico-ideologico e tutto questo sulla pelle delle donne
di Stefano Piazza
La sindrome dell’Avana non è dovuta ad attacchi da parte di paesi stranieri. La Cia conferma, poi si corregge
Si tratta di una patologia neurologica riscontrata in alcuni diplomatici americani in servizio a Cuba tra il 2016 e il 2017 ed in seguito in molte altre città del mondo. Da cosa è causata? Tante teorie e nessuna certezza se non quella che i dati sono stati raccolti senza un metodo
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa