Sanità internazionale 23 Febbraio 2021 15:48

Immunità di gregge negli Usa entro aprile? Secondo alcuni esperti è possibile

Il prof. Makary della Johns Hopkins School of Medicine sostiene che entro aprile gli Usa saranno fuori dalla pandemia, con il raggiungimento dell’immunità di gregge. Ma è possibile o ci sono altre spiegazioni?

Immunità di gregge negli Usa entro aprile? Secondo alcuni esperti è possibile

Dopo mesi e mesi in cima alla classifica mondiale per numero di contagi giornalieri, finalmente negli Stati Uniti i numeri stanno subendo un’importante discesa. Solo nell’ultimo mese sono scesi del 65% e dai 312mila nuovi ammalati dell’8 gennaio si è arrivata a circa 73mila al giorno.

Questo primo calo evidente è bastato al dottor Martin Makary, professore alla Johns Hopkins School of Medicine, a suggerire in un editoriale sul Wall Street Journal che gli Usa si avvicinano all’immunità di gregge. Secondo l’esperto già ad aprile il Covid-19 sarà «per lo più sparito» grazie all’attività di vaccinazione e all’alto numero di guariti e persone che hanno già contratto il virus. In più, ha aggiunto, i numeri dei contagi sono probabilmente sempre stati sottostimati e molte persone hanno avuto la malattia da asintomatici.

Un declino troppo rapido

Tuttavia, secondo un esame portato avanti dall’Insider, potrebbero esserci anche altri motivi per il calo di casi improvviso. Per esempio il lockdown imposto in California – il secondo dall’inizio della pandemia – cominciato a dicembre. Al suo picco, lo stato rappresentava circa 40mila nuovi casi giornalieri. Nonché il corretto uso di mascherine, distanziamento e blocco degli spostamenti.

Non si esclude, inoltre, che seppure l’immunità di gregge non sia ancora raggiungibile, alcuni gruppi sociali possano essere ad un punto più avanzato verso il suo raggiungimento rispetto ad altri. Si parla di persone che vivono a stretto contatto e che trovano più difficile rispettare le misure di sicurezza previste. Per esempio i senzatetto, i lavoratori in prima linea o molto esposti al pubblico, le persone che vivono in case multigenerazionali.

Varianti, un’incognita per l’immunità

In più, non bisogna dimenticare l’influsso delle varianti nel modificare il discorso sulle immunità. La variante inglese, arrivata anche negli Usa, aumenta la riproduttività del virus da 0.4 a 0.9. In più, per questa forma forse la percentuale necessaria all’immunità supera il 75%. Su alcune varianti i vaccini potrebbero mostrare efficacia inferiore e sarebbe necessaria una reimpostazione dei prodotti, che ovviamente allungherebbe le tempistiche. Mentre il vaccino Pfizer ha mostrato di sconfiggere la variante indentificata in Uk, sembra avere più problemi con la sudafricana e la brasiliana che sono arrivate negli Usa da poco tempo.

In sostanza, gli studiosi hanno invitato il dottor Makary alla prudenza, ma l’evoluzione del Covid-19 nel mondo è per tutti ancora un mistero. Tutte le previsioni fatte finora sono servite a poco, perciò negli Usa c’è chi spera che abbia ragione.

Articoli correlati
Usa, ecco le nomine per la Sanità di Joe Biden
Sotto la supervisione di Anthony Fauci ecco chi guiderà il dipartimento della Salute e le task force anti-Covid. Atto esecutivo federale e 100 milioni di vaccini in 100 giorni fra gli impegni
di Tommaso Caldarelli
USA, il neo-eletto Joe Biden annuncia la sua task-force contro il coronavirus
Tre presidenti e dieci esperti nella task force contro Covid-19 annunciata da Joe Biden, vincitore delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti. Il candidato democratico punta a distanziarsi quanto possibile dalla gestione trumpiana e vuole farlo con la scienza
Viaggio nell’ospedale degli Apache della Montagna Bianca, tra modernità e comunità
La reazione al Covid-19 delle tribù degli indiani d'America, il sistema sanitario delle riserve indigene e la sintesi fra medicina tradizionale e le moderne strutture sanitarie: intervista al dottor Ryan Close
di Tommaso Caldarelli
Come si raggiunge l’immunità di gregge? L’ipotesi dei matematici parla di una forma imperfetta e forse più vicina
Il New York Times raccoglie alcune ricerche di immunologi e matematici. L'immunità di gregge potrebbe già sussistere all'interno di singole comunità e basterebbero numeri inferiori al 70% globale
«Così abbiamo fermato il coronavirus fra i nativi americani d’Arizona»
Il racconto dei medici sul New England Journal of Medicine: «Abbiamo scoperto che bussare alla porta e parlare ai pazienti può essere l'approccio migliore»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano