Sanità internazionale 23 Febbraio 2021 15:48

Immunità di gregge negli Usa entro aprile? Secondo alcuni esperti è possibile

Il prof. Makary della Johns Hopkins School of Medicine sostiene che entro aprile gli Usa saranno fuori dalla pandemia, con il raggiungimento dell’immunità di gregge. Ma è possibile o ci sono altre spiegazioni?

Immunità di gregge negli Usa entro aprile? Secondo alcuni esperti è possibile

Dopo mesi e mesi in cima alla classifica mondiale per numero di contagi giornalieri, finalmente negli Stati Uniti i numeri stanno subendo un’importante discesa. Solo nell’ultimo mese sono scesi del 65% e dai 312mila nuovi ammalati dell’8 gennaio si è arrivata a circa 73mila al giorno.

Questo primo calo evidente è bastato al dottor Martin Makary, professore alla Johns Hopkins School of Medicine, a suggerire in un editoriale sul Wall Street Journal che gli Usa si avvicinano all’immunità di gregge. Secondo l’esperto già ad aprile il Covid-19 sarà «per lo più sparito» grazie all’attività di vaccinazione e all’alto numero di guariti e persone che hanno già contratto il virus. In più, ha aggiunto, i numeri dei contagi sono probabilmente sempre stati sottostimati e molte persone hanno avuto la malattia da asintomatici.

Un declino troppo rapido

Tuttavia, secondo un esame portato avanti dall’Insider, potrebbero esserci anche altri motivi per il calo di casi improvviso. Per esempio il lockdown imposto in California – il secondo dall’inizio della pandemia – cominciato a dicembre. Al suo picco, lo stato rappresentava circa 40mila nuovi casi giornalieri. Nonché il corretto uso di mascherine, distanziamento e blocco degli spostamenti.

Non si esclude, inoltre, che seppure l’immunità di gregge non sia ancora raggiungibile, alcuni gruppi sociali possano essere ad un punto più avanzato verso il suo raggiungimento rispetto ad altri. Si parla di persone che vivono a stretto contatto e che trovano più difficile rispettare le misure di sicurezza previste. Per esempio i senzatetto, i lavoratori in prima linea o molto esposti al pubblico, le persone che vivono in case multigenerazionali.

Varianti, un’incognita per l’immunità

In più, non bisogna dimenticare l’influsso delle varianti nel modificare il discorso sulle immunità. La variante inglese, arrivata anche negli Usa, aumenta la riproduttività del virus da 0.4 a 0.9. In più, per questa forma forse la percentuale necessaria all’immunità supera il 75%. Su alcune varianti i vaccini potrebbero mostrare efficacia inferiore e sarebbe necessaria una reimpostazione dei prodotti, che ovviamente allungherebbe le tempistiche. Mentre il vaccino Pfizer ha mostrato di sconfiggere la variante indentificata in Uk, sembra avere più problemi con la sudafricana e la brasiliana che sono arrivate negli Usa da poco tempo.

In sostanza, gli studiosi hanno invitato il dottor Makary alla prudenza, ma l’evoluzione del Covid-19 nel mondo è per tutti ancora un mistero. Tutte le previsioni fatte finora sono servite a poco, perciò negli Usa c’è chi spera che abbia ragione.

Articoli correlati
USA, terza dose per tutti e frontiere riaperte ai vaccinati
Si potrà tornare a viaggiare negli Stati Uniti, la decisione della Casa Bianca annunciata per tutti i viaggiatori vaccinati e con prova di test negativo entro 72 ore. Intanto si procede sulla terza dose, FDA approva l'uso per over 65
Israele potrebbe raggiungere l’immunità di gregge entro due mesi
Il combinato disposto di nuovi positivi per la variante Delta e vaccinati con terza dose potrebbe condurre Israele per primo al risultato sperato: con il terzo boost secondo i primi dati la protezione torna al 96%
Regione Lombardia: immunità di gregge, mix di vaccini e piano famiglia gli obiettivi di Moratti e Bertolaso
Presentati questa mattina in conferenza stampa i risultati della campagna vaccinale della regione prima in Italia che punta al traguardo di 10 milioni di somministrazioni entro il 10 luglio
di Federica Bosco
Uk totalizza zero decessi, in India invece manca l’ossigeno. Usa dice sì a Pfizer per 12-15enni
Finalmente il numero zero è tornato nel Regno Unito, nessun morto per un giorno e Boris Johnson festeggia. In Usa vaccino anche ai più piccoli: Pfizer ok per i dodicenni. L'India vede numeri leggermente più bassi, ma è ancora emergenza ossigeno
Via mascherine e distanziamento per i vaccinati, un passo verso la normalità negli Usa
I Cdc, l'autorità sanitaria statunitense, hanno stabilito che tra soggetti vaccinati potranno esserci incontri a porte chiuse senza mascherina. Un primo passo verso la normalità, anche se l'obbligo nei luoghi pubblici resta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 ottobre, sono 243.662.107 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.948.516 i decessi. Ad oggi, oltre 6,8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?