Sanità internazionale 12 Luglio 2022 16:42

Usa: primo caso di «Covid cronico», uomo positivo da oltre 1 anno

Negli Stati Uniti è stato documentato quello che possiamo definire il primo caso di «Covid cronico». Un uomo del Connecticut, già malato di cancro, è positivo da più di 470 giorni. Oltre un anno. A descrivere il caso è stato un gruppo di ricercatori della Yale University in uno studio riportato su MedRxiv, in attesa di revisione. Dopo ulteriori indagini, gli scienziati hanno anche scoperto che nel sangue del paziente circolavano tre diversi varianti del virus, di cui una ritenuta estinta

Usa: primo caso di «Covid cronico», uomo positivo da oltre 1 anno

Negli Stati Uniti è stato documentato quello che possiamo definire il primo caso di «Covid cronico». Un uomo del Connecticut, già malato di cancro, è positivo da più di 470 giorni. Oltre un anno. A descrivere il caso è stato un gruppo di ricercatori della Yale University in uno studio riportato su MedRxiv, in attesa di revisione. Dopo ulteriori indagini, gli scienziati hanno anche scoperto che nel sangue del paziente circolavano tre diversi varianti del virus, di cui una ritenuta estinta.

Il virus del Covid muta rapidamente nelle persone immunocompromesse

Gli scienziati temono che il virus stia mutando rapidamente nell’organismo delle persone immunocompromesse in quanto può eludere alcune immunoprotezioni. Il caso dell’uomo del Connecticut è l’infezione da Covid più lunga mai scoperta e si aggiunge alla crescente evidenza che il virus sta mutando su individui immunocompromessi prima di continuare a diffondersi ad altri. Il monitoraggio delle varianti di Covid in Connecticut, dove ha sede Yale, ha permesso di rilevare che nell’area circolava un ceppo B.1.517 che non si vedeva dall’anno scorso.

Nel paziente con «Covid cronico» il virus stava mutando due volte più velocemente

Al momento della pubblicazione dell’articolo, due sabati fa, il paziente risultava ancora positivo al virus. I ricercatori parlano di «Covid cronico» e hanno anche scoperto che il virus stava mutando rapidamente all’interno del suo corpo a una velocità insolita per un’infezione. Più precisamente, stava mutando due volte più velocemente e di conseguenza si erano formati tre genotipi del virus completamente separati e distinti.

Il «Covid cronico» è diverso dal Long Covid

«Questa infezione cronica ha provocato un’evoluzione e una divergenza accelerate di Sars-CoV-2, un meccanismo che potenzialmente contribuisce all’emergere di varianti geneticamente diverse, tra cui Omicron, Delta e Alpha», hanno scritto i ricercatori. «Il caso – continuano – rappresenta una delle prime e più lunghe infezioni rilevate di ‘Covid cronico‘, diverso dal ‘Long Covid‘ che è quella condizione che si verifica quando una persona avverte ancora i sintomi del virus anche dopo la guarigione».

Impossibile quantificare le persone portatrice di un virus in rapida mutazione

Nel «Covid cronico», invece, l’individuo continua a risultare positivo al virus per lunghi periodi di tempo. Questo studio, secondo i ricercatori di Yale, si somma alla crescente letteratura che sostiene che il virus stia sfruttando le persone immunocompromesse per mutare. Ci sono state altre segnalazioni sparse di persone con una grave comorbilità, come il cancro, che hanno sperimentato rapide mutazioni del virus. Purtroppo, dicono gli esperti, è impossibile sapere quante persone sono portatrici di un virus in rapida mutazione e c’è poco da fare per impedire al Covid di mutare frequentemente una volta trovato un ospite adatto.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
L’antivirale Paxlovid riduce il rischio di Long Covid
L'antivirale Paxlovid sviluppato contro Covid-19, non solo riduce le probabilità di ospedalizzazione e morte, ma diminuisce anche il rischio di sviluppare il Long Covid. Almeno questo è quanto emerso da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori del Dipartimento Veterans Affairs degli Stati Uniti
La quarta dose è obbligatoria?
La quarta dose di vaccino anti-Covid è importante per rafforzare l'immunità in vista della stagione invernale. Tuttavia, viene solo raccomandata e non c'è alcun obbligo per nessuno, neanche per gli operatori sanitari
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...