Sanità internazionale 12 Luglio 2022 16:42

Usa: primo caso di «Covid cronico», uomo positivo da oltre 1 anno

Negli Stati Uniti è stato documentato quello che possiamo definire il primo caso di «Covid cronico». Un uomo del Connecticut, già malato di cancro, è positivo da più di 470 giorni. Oltre un anno. A descrivere il caso è stato un gruppo di ricercatori della Yale University in uno studio riportato su MedRxiv, in attesa di revisione. Dopo ulteriori indagini, gli scienziati hanno anche scoperto che nel sangue del paziente circolavano tre diversi varianti del virus, di cui una ritenuta estinta

Usa: primo caso di «Covid cronico», uomo positivo da oltre 1 anno

Negli Stati Uniti è stato documentato quello che possiamo definire il primo caso di «Covid cronico». Un uomo del Connecticut, già malato di cancro, è positivo da più di 470 giorni. Oltre un anno. A descrivere il caso è stato un gruppo di ricercatori della Yale University in uno studio riportato su MedRxiv, in attesa di revisione. Dopo ulteriori indagini, gli scienziati hanno anche scoperto che nel sangue del paziente circolavano tre diversi varianti del virus, di cui una ritenuta estinta.

Il virus del Covid muta rapidamente nelle persone immunocompromesse

Gli scienziati temono che il virus stia mutando rapidamente nell’organismo delle persone immunocompromesse in quanto può eludere alcune immunoprotezioni. Il caso dell’uomo del Connecticut è l’infezione da Covid più lunga mai scoperta e si aggiunge alla crescente evidenza che il virus sta mutando su individui immunocompromessi prima di continuare a diffondersi ad altri. Il monitoraggio delle varianti di Covid in Connecticut, dove ha sede Yale, ha permesso di rilevare che nell’area circolava un ceppo B.1.517 che non si vedeva dall’anno scorso.

Nel paziente con «Covid cronico» il virus stava mutando due volte più velocemente

Al momento della pubblicazione dell’articolo, due sabati fa, il paziente risultava ancora positivo al virus. I ricercatori parlano di «Covid cronico» e hanno anche scoperto che il virus stava mutando rapidamente all’interno del suo corpo a una velocità insolita per un’infezione. Più precisamente, stava mutando due volte più velocemente e di conseguenza si erano formati tre genotipi del virus completamente separati e distinti.

Il «Covid cronico» è diverso dal Long Covid

«Questa infezione cronica ha provocato un’evoluzione e una divergenza accelerate di Sars-CoV-2, un meccanismo che potenzialmente contribuisce all’emergere di varianti geneticamente diverse, tra cui Omicron, Delta e Alpha», hanno scritto i ricercatori. «Il caso – continuano – rappresenta una delle prime e più lunghe infezioni rilevate di ‘Covid cronico‘, diverso dal ‘Long Covid‘ che è quella condizione che si verifica quando una persona avverte ancora i sintomi del virus anche dopo la guarigione».

Impossibile quantificare le persone portatrice di un virus in rapida mutazione

Nel «Covid cronico», invece, l’individuo continua a risultare positivo al virus per lunghi periodi di tempo. Questo studio, secondo i ricercatori di Yale, si somma alla crescente letteratura che sostiene che il virus stia sfruttando le persone immunocompromesse per mutare. Ci sono state altre segnalazioni sparse di persone con una grave comorbilità, come il cancro, che hanno sperimentato rapide mutazioni del virus. Purtroppo, dicono gli esperti, è impossibile sapere quante persone sono portatrici di un virus in rapida mutazione e c’è poco da fare per impedire al Covid di mutare frequentemente una volta trovato un ospite adatto.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Stanchezza e mal di testa: studio rivela i sintomi principali del Long Covid
Uno studio del Medical College of Georgia ha rilevato quali sono i sintomi più segnalati dai pazienti a più di quattro mesi dal Covid-19. I principali sono stanchezza e mal di testa, seguono dolori muscolari, tosse, alterazioni dell'olfatto e del gusto, febbre, brividi e congestione nasale
Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati
I dati raccolti dall'App ZOE Health Study indicano stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022 tra i vaccinati. Il sintomo dura in media 2-3 giorni
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Covid-19, test salivare 2 in 1: in due ore individua il virus e conta gli anticorpi
I suoi ideatori lo hanno definito «economico, accurato, preciso e ultra sensibile». Il prototipo potrebbe migliorare notevolmente la risposta globale alle future pandemie e fornire indicazioni sul tipo di trattamento che il paziente dovrebbe ricevere
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale