Sanità internazionale 4 Luglio 2017 10:16

Anche l’età dell’uomo influisce sulla possibilità di gravidanza: lo studio USA

Uomini fertili per tutta la vita? Non sembra più così. Gli aspiranti papà più grandi hanno infatti meno possibilità di concepire un bambino rispetto a uomini più giovani. A suggerirlo uno studio statunitense condotto dall’università di Harvard su 19mila casi di fecondazione in vitro. È stato confermato che l’età della donna copra un ruolo maggiore […]

Uomini fertili per tutta la vita? Non sembra più così. Gli aspiranti papà più grandi hanno infatti meno possibilità di concepire un bambino rispetto a uomini più giovani. A suggerirlo uno studio statunitense condotto dall’università di Harvard su 19mila casi di fecondazione in vitro. È stato confermato che l’età della donna copra un ruolo maggiore nella possibilità di concepimento ma, ed è questa la novità, anche l’anzianità gli uomini è determinante per il successo della fecondazione. I risultati della ricerca, presentati allo European Society of Human Reproduction and Embryology, dimostrano che sia in caso di concepimento naturale che assistito, le mutazioni dello sperma e la diminuzione del numero degli spermatozoi legati all’aumento dell’età diminuiscono le possibilità di gravidanza: gli uomini tra i 40 e i 42 anni risultano avere il 46% di possibilità in meno di avere un bambino tramite la fecondazione in vitro rispetto a uomini di 30-35 anni. Allo stesso modo, le donne hanno maggiori possibilità di avere un bambino se concepito con un uomo con meno di 30 anni che con un uomo di oltre 35 anni. E non solo: se il papà è più grande, c’è anche una maggiore possibilità che il bambino nasca con problemi genetici e sviluppi malattie quali l’autismo e la schizofrenia.

I motivi che portano a una riduzione della fertilità maschile legata all’età ancora non sono chiari, come ha dichiarato la dottoressa Laura Dodge della Facoltà di Medicina di Harvard alla BBC: «Se nelle donne più anziane la diminuzione di chance di concepire un figlio è legata all’anormalità cromosomica, i motivi degli effetti dell’età dell’uomo su una gravidanza sono più complicati». Si può fare qualcosa per prevenire questi risultati? «La cosa migliore è mantenere uno stile di vita sano», risponde la dottoressa Dodge.

Per approfondire la notizia, leggi la BBC.

Articoli correlati
Sostanze chimiche e cancerogene nelle giovani donne della “Terra dei fuochi”, a rischio la fertilità
Al 38º Congresso annuale ESHRE 2022 presentate due nuove ricerche su Bisfenoli e Policlorobifenili contenuti in eccesso nei fluidi follicolari e nel sangue
Per 3 adolescenti su 4 la fertilità è una grande sconosciuta, via a Progetto Scuola della SIRU
In occasione del quinto congresso nazionale della Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU), che si apre oggi a Rimini fino al 28 maggio, gli studenti delle scuole sono stati invitati a prendere parte all'evento per imparare e sciogliere ogni dubbio sulla fertilità
Amenorrea e calo della libido, ecco i campanelli d’allarme dell’iperprolattinemia secondo AME
Renato Cozzi, presidente eletto AME: «La pandemia ha reso più difficile l’accesso agli ambulatori di endocrinologia e questo può avere ritardato anche le diagnosi»
PMA, da SIRU il binomio vincente per equità e sicurezza: linee guida certificate e accelerata sui LEA
Nella giornata inaugurale del 4° Congresso Nazionale presentate le prime linee guida nazionali ora all’approvazione del Ministero della Salute. Il punto su accesso alle cure, prevenzione, riforme legislative
Il vaccino anti-Covid può causare infertilità?
Una delle preoccupazioni alla base della resistenza di molte persone alla vaccinazione anti-Covid riguarda le presunte ricadute sulla fertilità maschile. Uno studio del dipartimento di Urologia della University of Miami Miller School of Medicine prova a dare una risposta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale