Salute 26 Maggio 2022 15:56

Per 3 adolescenti su 4 la fertilità è una grande sconosciuta, via a Progetto Scuola della SIRU

In occasione del quinto congresso nazionale della Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU), che si apre oggi a Rimini fino al 28 maggio, gli studenti delle scuole sono stati invitati a prendere parte all’evento per imparare e sciogliere ogni dubbio sulla fertilità

Per 3 adolescenti su 4 la fertilità è una grande sconosciuta, via a Progetto Scuola della SIRU

Gli adolescenti e i giovani italiani tendono a considerare la fertilità come un valore lontano anni luce dalla loro quotidianità. Convinti che la riproduzione sia solo una “faccenda da grandi”, conoscono ben poco il mondo della biologia della riproduzione. Tanto che alcune ricerche mostrano che meno di un adolescente su quattro conosce alcune delle informazioni basilari sulla fertilità e sulla riproduzione. «Eppure, la fertilità è un ‘tesoro’ da custodire fin da piccoli – sottolinea Antonio Guglielmino, presidente della Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU) –. La letteratura scientifica è ormai ricca di studi, i quali dimostrano che la capacità riproduttiva di una persona è influenzata da una serie di fattori, come abitudini e comportamenti, anche dei genitori, a cui si è esposti già da piccolissimi», aggiunge.

Per questo la SIRU ritiene fondamentale che i giovani comprendano appieno il valore della fertilità e i modi in cui possiamo preservarla. «Con questo obiettivo, in occasione del V Congresso Nazionale dal titolo ‘Come, quando e perché: la presa in carico della coppia infertile. Dalla Scienza alla Persona’, che si terrà a Rimini dal 26 al 28 maggio, abbiamo organizzato una serie pre-congress sul mondo della medicina, della biologia della riproduzione a cui potranno partecipare gli studenti delle scuole che aderiscono alla nostra iniziativa», dice Stefano Bernardi, psicologo e membro del direttivo SIRU. «I ragazzi avranno l’opportunità – continua – di confrontarsi con diverse figure professionali quali: ginecologi, andrologi, biologi, embriologi, psicologi, genetisti, ostetrici, infermieri, tecnici di laboratorio nonché giuristi e bioeticisti pronti a fornire alcune informazioni e a rispondere alle loro domande». Prima dell’evento la SIRU offrirà ai ragazzi un minicorso di preparazione, completamente gratuito, in modo che abbiano le basi per poter vivere l’esperienza formativa in tutta la sua pienezza.

A questa iniziativa partecipa anche la rete nazionale delle scuole del progetto EcoFoodFertility che mira a indagare l’impatto dell’inquinamento e gli stili di vita influenzano la fertilità maschile. «È ormai noto da tempo che la fertilità maschile è in calo – sottolinea Luigi Montano, UroAndrologo coordinatore del progetto di ricerca EcoFoodFertility, nonché presidente area andrologica in carica della SIRU –. Ci sono numerose evidenze scientifiche che mostrano un peggioramento della qualità del liquido seminale degli uomini, segno che ambiente e cattivi stili di vita possono influire negativamente sulla salute e sulla capacità riproduttiva maschile», aggiunge.

«Per questo è fondamentale promuovere la cultura della fertilità e della riproduzione fra i giovani, il nostro futuro – sottolinea Guglielmino –. Solo in questo modo possiamo pensare di poter uscire da questo periodo nero per la natalità, che va avanti ormai da troppo tempo», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
Anoressia giovanile, Castelnuovo (Cattolica): «Fenomeno peggiorato con pandemia. Si parte anche dai 10-11 anni»
Intervista a Gianluca Castelnuovo, professore ordinario di Psicologia clinica Università Cattolica Milano: «Risultati evidenti con psicoterapia breve strategica»
La fuga dai social della gen Z
Pagliariccio (psicologo): «Tra le nuove generazioni c’è chi ritiene che l’utilizzo dei social sia faticoso, che generi un sovraccarico cognitivo, che non risponda ai propri bisogni personali. I giovani d’oggi abbandonano senza remore ciò che non li rende felici»
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
Depressione e malattie organiche, il legame killer che abbassa l’aspettativa di vita
Numerosi studi internazionali dimostrano un aumento della mortalità legata a patologie non trasmissibili nei soggetti affetti da disturbo depressivo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali