Salute 5 Agosto 2019

Spiagge senza barriere, una giornata a La Girandola Beach. Tutti gli stabilimenti accessibili raccolti in una guida

Ad Anzio le volontarie dell’associazione La Grande Quercia hanno dato vita ad uno stabilimento balneare a misura di disabilità. Tuttavia, strutture così sono mosche bianche in molte regioni italiane: la guida Heyoka ha censito le spiagge attualmente accessibili

«Per noi questa è una famiglia» racconta Roberto, 20 anni e tetraplegico, che dopo tanto tempo può finalmente trascorrere serenamente una giornata al mare in compagnia della sua famiglia, senza incorrere in barriere architettoniche o ostacoli naturali. Un sogno per mamma e papà, anche se tutti i giorni devono mettersi in macchina e percorrere insieme al figlio 60 km per raggiungere La Girandola Beach, tra le poche strutture in Italia in grado di assicurare servizi indispensabili a chi ha problemi di mobilità.

La Girandola Beach è uno stabilimento balneare della città costiera di Anzio, vicino Roma, gestito dalle volontarie dell’associazione La Grande Quercia. «Questa spiaggia – spiega Alessandra Nilo, vicepresidente dell’associazione – ci è stata assegnata con un bando pubblicato dall’Asl RMH nel 2014. La spiaggia ha un’accessibilità al cento per cento, con passerelle che girano intorno agli ombrelloni, sedie job per poter andare in acqua, bagni attrezzati per chi non deambula. Per noi è importantissimo, e lo è per i nostri utenti, che quando scendono in spiaggia si sentano a casa».

LEGGI: DISABILITÀ, PARLA IL SOTTOSEGRETARIO ZOCCANO: «INVESTIRE SULLE ABILITÀ RESIDUE. RISORSE CI SONO, VANNO OTTIMIZZATE»

Un’isola felice, poiché di spiagge attrezzate per accogliere la disabilità ce ne sono poche non solo sul litorale laziale, ma in tutta Italia. Una guida, redatta da Heyoka, ha censito regione per regione gli stabilimenti balneari in grado di ospitare utenti diversamente abili. «Siamo partiti da guide che avevamo controllato già negli anni precedenti e abbiamo cercato di capire quali tra i nominativi presenti fossero ancora attivi – spiega Fabiola Spaziano, direttore artistico di Ability Channel, la realtà editoriale che cura il progetto Heyoka -, quali tipi di servizi offrissero e se avessero una pagina web o un social media. Dove non abbiamo avuto risposta o la possibilità di verificare che il servizio era effettivamente presente, l’abbiamo depennato».

«Nella nostra lista ci siamo resi conto che alcune Regioni seguono quelle che sono le indicazioni di legge per far sì che gli stabilimenti siano accessibili a chiunque e soprattutto a chi ha disabilità. Questo però solo in alcune Regioni; in altre non c’è questo tipo di attenzione», spiega ancora Fabiola Spaziano. Dalla guida Heyoka emerge infatti una maggiore attenzione al problema da parte delle regioni del Nord e Centro Italia, in particolar modo Toscana, Veneto ed Emilia-Romagna, regioni con il maggior numero di stabilimenti accessibili a chi ha difficoltà psico-motorie. Carente è invece il Sud, in particolare le coste della Calabria. Una tendenza che non coinvolge però tutto il Meridione, come dimostra l’esempio virtuoso della Basilicata. «Devo dire che rispetto agli anni scorsi c’è effettivamente una crescita, – conclude Spaziano – un’attenzione e una sensibilità maggiori. Non è ancora completo al cento per cento, infatti noi ci stiamo battendo non soltanto per le spiagge, ma per il concetto di disabilità a 360 gradi».

Articoli correlati
Tiroide, il mare non basta. Triggiani: «Lo iodio lo dobbiamo introdurre con gli alimenti»
«Si dice poco sale ma iodato, - spiega il segretario Associazione Medici Endocrinologi (Ame), Vincenzo Triggiani - perché è importante integrare questo micro-nutriente che è fondamentale per la produzione adeguata degli ormoni tiroidei, altrimenti la tiroide non funziona bene»
Trivelle, ecco tutti i rischi. Vinci (FNOMCeO) «Non solo danni ambientali, ma anche minacce per la salute: patologie neonatali, cardiocircolatorie e neurodegenerative»
«Carbone, petrolio e gas provocano milioni di morti ogni anno e hanno effetti devastanti su clima e atmosfera». L’intervista a tutto tondo al coordinatore FNOMCeO "Professione, Salute, Ambiente e Sviluppo Economico”: «In base agli impegni assunti alla Conferenza di Parigi del 2015, ogni Paese deve impegnarsi alla riduzione dell'uso dei combustibili fossili»
Sperlonga, attenzione all’alga tropicale: niente bagno se il mare è mosso
Scoperta a Sperlonga la Ostreoptis ovata, un’alga tropicale dannosa per la salute dei bagnanti. Come riporta Repubblica, i tecnici dell’Arpa Lazio, hanno prelevato un campione d’acqua e poi riscontrato una concentrazione di 88.000 cellule per litro di quest’alga tropicale. Il limite di sicurezza è di 10.000 cellule per litro. Nessun bagnante, fino ad ora, ha avuto problemi, ma l’amministrazione […]
Maxi simulazione in esterna a Lampedusa: 130 medici italiani si formano sull’emergenza sanitaria
È in corso la II edizione del SIAARTI Academy CREM (Critical Emergency Medicine), evento formativo innovativo della Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva rivolto ai medici in formazione provenienti dalle 39 scuole di specializzazione in Anestesia, Rianimazione, Terapia Intensiva e del Dolore. Fino al 26 maggio Lampedusa sarà teatro naturale dell’evento SIAARTI […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone