Salute 6 Luglio 2020

Cronaca di un weekend al mare ai tempi del Covid. Che non è mai sembrato così lontano

Due giorni a Sperlonga sono sufficienti per tornare alla normalità: poche mascherine, distanziamento non rispettato, assembramenti inevitabili. Ma basta un bambino con una maschera da snorkeling per ricordare cosa è accaduto 100 giorni fa

Cronaca di un weekend al mare ai tempi del Covid. Che non è mai sembrato così lontano

Ho trascorso il weekend al mare. A Sperlonga, la “perla del Tirreno”. Un paio d’ore di macchina da Roma. E sono tornata alla normalità. Se ogni tanto non ci fossero timidi cartelli a ricordare l’obbligo della mascherina, rispettato da pochissimi, nessuno direbbe che (forse) siamo appena usciti dall’uragano coronavirus.

In spiaggia il distanziamento tra gli ombrelloni è tale e quale allo scorso anno. Nessuno misura la temperatura all’ingresso. Non c’è l’igienizzante per le mani. Sdraio e lettini non vengono sanificati a fine giornata. Zero mascherine. Meno palloni e racchettoni, ma qualcuno a giocare a riva c’è. In mare gonfiabili di ogni tipo, colore e dimensione. Carretti di vestiti, costumi e “grattachecche”. Venditori di braccialetti con decine di cappelli impilati in testa. Coccobello coccofresco. Tutto normale, insomma. Una normale spiaggia italiana. Del Covid, nemmeno l’ombra.

È vero, devi prenotare l’ombrellone e ti senti anche fortunato quando trovi posto. Lo stabilimento in cui sono andata chiede di compilare un modulo in cui specificare il proprio stato di salute e lasciare i contatti personali. Dovesse mai risultare positivo qualcuno degli avventori, verrei contattata per fare il tampone. Qua e là qualche cartellino che ricorda che fino all’ombrellone e al bar si deve indossare la mascherina. Ignorato da tutti. Qualche X per terra disegnata con uno spray giallo evidenziatore a ricordare il metro di distanza da rispettare in caso di fila al bar. E basta.

La sera, al paese, la situazione non è molto diversa. Rispettare le distanze tra gli stretti e ripidi vicoli di Sperlonga è pressoché impossibile, quando è presa d’assalto come lo era sabato. Ed è tornato il senso di stupore, quando qualcuno passeggiava con la mascherina indosso. Non al braccio o sotto il mento, ma davanti naso e bocca. Pochi i responsabili, decisamente una minoranza. A Roma mi ero abituata a vedere persone mascherate in giro, ricordo e avvertimento costante di quello che è stato e di quello che potrebbe essere.

Poi, in spiaggia, mi supera correndo un bambino. Un sorriso stampato in faccia, si tuffa in mare urlando al papà. In mano, una di quelle maschere da snorkeling che coprono tutto il volto. Una di quelle maschere utilizzate come respiratore quando i caschi CPAP erano introvabili. Il bimbo la indossa orgoglioso, mette la faccia sotto acqua per vedere sabbia e sassi. Torna su, non per prendere fiato. Con quella maschera l’ossigeno non è un problema. Dice che ci sono anche pesci. Il papà gli urla un bravo.

Mi sono bloccata a fissarli. La mente corre ai giorni drammatici di marzo, quando l’Italia ha raggiunto il picco dei contagi. Quando dietro quelle maschere c’erano occhi disperati, in lotta per un po’ d’aria. Sono passati poco più di 100 giorni. Abbiamo la memoria così corta?

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Scudo penale, arriva Ddl con ‘clausola di salvaguardia’ per operatori sanitari. Russo (FI): «Ma non sarà colpo di spugna»
Il parlamentare ha annunciato che, oltre al disegno di legge, presenterà un emendamento alla legge di Bilancio: «Credo sia il tempo giusto per poter garantire questo ombrello di dignità. Ai familiari dei pazienti deceduti per Covid sarà garantito il diritto a chiedere l’eventuale possibile risarcimento»
Fondazione Don Gnocchi, la testimonianza controcorrente di un dipendente: «Esempio di buona sanità»
Antonio Spinelli, da 33 anni professionista nel sociale, racconta i momenti più difficili della pandemia
di Federica Bosco
Covid, il biofisico Bianconi: «Con le “leggi dello sviluppo dei sistemi viventi” abbiamo capito come si muove l’epidemia»
Il biofisico, attraverso studi quantitativi, si è concentrato sulla velocità di crescita o rallentamento dell’epidemia. E, dati alla mano, ha scoperto che il metodo applicato in Oriente, il “Case Finding and Mobile Tracing”, è molto più efficace nel contenimento dell’epidemia rispetto al “Lockdown Stop and Go”
Vacanze natalizie, cosa succederebbe in Europa se venissero eliminate le restrizioni? Lo scenario dell’ECDC
Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha stilato un report in cui mette in guardia i governi Ue dall’allentare la presa. Il Premier Conte: «Vacanze sulla neve impensabili ma sì allo scambio dei doni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 novembre, sono 59.787.369 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.409.639 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli