Salute 3 Ottobre 2019

«Convivere con la colite ulcerosa si può. Io ne sono la prova». La storia del campione di nuoto Simone Sabbioni

«Oltre alle medicine, la mia terapia più importante è stata lo sport». Il nuotatore è il volto della campagna di sensibilizzazione di IG-IBD per lanciare un messaggio di speranza ai 250mila italiani affetti da malattie infiammatorie croniche intestinali

di Viviana Franzellitti e Giulia Cavalcanti

«Devo dire grazie ai medici, al nuoto e alla mia famiglia se sono riuscito a venirne fuori». È Simone Sabbioni a parlare. 22 anni, romagnolo, primatista italiano dei 100 dorso. Un bronzo ai mondiali del 2014, due medaglie agli europei del 2016. Ai mondiali del 2016 non ha partecipato. Era impegnato «a venire fuori» dalla colite ulcerosa.

Nonostante la malattia infiammatoria dell’intestino sia cronica, in fondo ci è riuscito, ad uscirne: dopo due anni «brutti», è in remissione. Ha imparato a conviverci mantenendo uno stile di vita normale, per quanto possa essere normale quello di un atleta professionista. Ma Simone pensa che sia stato proprio quello stile di vita, che ritiene «al limite della perfezione a livello alimentare, mentale e sportivo», ad averlo aiutato ad uscirne.

LEGGI ANCHE: «INSIEME SI PUO’ FARE». PAOLO GENOVESE DIRIGE IL CORTO PER INFORMARE SULLE MALATTIE CRONICHE INTESTINALI

«La mia più grossa terapia, oltre alle medicine, è stata lo sport», ripete più volte. E oggi Simone Sabbioni ha deciso di prestare il suo volto e la sua storia alla campagna di sensibilizzazione sulle malattie infiammatorie croniche intestinali promossa da IG-IBD per lanciare un messaggio di speranza ai 250mila italiani, tra cui molti giovani, colpiti dal morbo di Crohn o da colite ulcerosa: convivere con queste malattie, senza rinunciare ai propri sogni, è possibile.

«È una cosa che mi sta molto a cuore. Essendoci passato, sento di non poter fare finta di niente. Vorrei che le persone conoscessero di più queste malattie, che purtroppo sono sempre più diffuse. Sono la prova che ci si può curare e venirne fuori. Basta affidarsi a professionisti, volersi bene e farsi voler bene dalle persone che si hanno accanto».

LEGGI ANCHE: «NON SIAMO MALATI, SIAMO IN CURA». IL MESSAGGIO DI SPERANZA NELLO SPOT DI PAOLO GENOVESE SULLE MALATTIE CRONICHE INTESTINALI

Articoli correlati
«Non siamo malati, siamo in cura». Il messaggio di speranza nello spot di Paolo Genovese sulle malattie croniche intestinali
Presentato nella Sala Isma del Senato della Repubblica il nuovo corto del regista Paolo Genovese per sensibilizzare la popolazione sulle malattie croniche intestinali, a cui hanno partecipato numerosi esperti. Sileri (Viceministro alla Salute): «Le priorità sono le stesse. Investire nella ricerca e nella formazione dei medici, lavorare sulla carenza degli specialisti e valorizzare il personale sanitario che ci protegge giorno e notte»
GastroReumatologia, al 5°Congresso SIGR presentato registro nazionale spondiloartriti enteropatiche
Tra le novità della 5° edizione del Congresso nazionale SIGR (Società italiana di GastroReumatologia) tenutosi dal 12 al 13 ottobre a Roma, c’è la presentazione dei dati raccolti dal progetto SIGR: Registro Nazionale Spondiloartriti Enteropatiche. «Le malattie gastro-reumatologiche colpiscono circa un milione di persone in Italia. Il Registro è un ambizioso e complesso progetto, validato […]
Malattie croniche intestinali, la testimonianza del campione di nuoto Sabbioni: «Non scoraggiatevi e affidatevi ai professionisti»
Simone Sabbioni, dorsista talentuoso della nazionale italiana di nuoto racconta a Sanità Informazione la sua esperienza: «Ho scoperto di soffrire di colite ulcerosa perché il mio corpo non rispondeva più agli stimoli. Affidarmi a medici preparati mi ha salvato»
Malattie Croniche Intestinali, parte campagna sensibilizzazione. Pisanti (Ministero Salute): «Serve integrazione tra specialisti»
In Italia circa 200mila persone colpite da Morbo di Chron e Colite ulcerosa. Gruppo di studio Ig-IBD calcola un miliardo l’anno il costo per il SSN. La Coordinatrice del Piano delle Cronicità: «Importante anche per operatori supporto psicologico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 luglio, sono 10.695.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 516.255 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli