Salute 19 Settembre 2019

«Non siamo malati, siamo in cura». Il messaggio di speranza nello spot di Paolo Genovese sulle malattie croniche intestinali

Presentato nella Sala Isma del Senato della Repubblica il nuovo corto del regista Paolo Genovese per sensibilizzare la popolazione sulle malattie croniche intestinali, a cui hanno partecipato numerosi esperti. Sileri (Viceministro alla Salute): «Le priorità sono le stesse. Investire nella ricerca e nella formazione dei medici, lavorare sulla carenza degli specialisti e valorizzare il personale sanitario che ci protegge giorno e notte»

Ha preso il via oggi una nuova campagna sociale e mediatica promossa dalla società scientifica IG-IBD per informare i cittadini sulle Mici (malattie infiammatorie croniche intestinali) alla presenza di tutti gli stakeholders del settore. L’obiettivo è informare l’opinione pubblica su queste patologie ancora poco conosciute di cui soffrono 250mila italiani, soprattutto giovani e adolescenti e che hanno un forte impatto nella vita dei pazienti.

Le Mici sono, infatti, malattie con danno intestinale progressivo tipiche dell’età giovanile e si distinguono in due tipi: la malattia di Crohn e la colite ulcerosa. Il picco d’esordio arriva, di solito, tra i 15 e i 30 anni; il 20% di tali patologie, addirittura in età pediatrica provocando sintomi che si cerca di nascondere e portando all’isolamento dei soggetti colpiti. Sono ancora poco conosciute dalla gente, anche se negli ultimi anni se ne parla di più. Si stima, infatti, che il ritardo diagnostico tra l’insorgenza dei sintomi e la diagnosi sia anche di due anni e questo peggiora le cose.

Al dibattito hanno partecipato, tra gli altri, Alessandro Armuzzi, Segretario Generale IG-IBD, Tiziana Balducci, Medico Nazionale Italiana di Nuoto, Monica Boirivant, Dirigente di ricerca Istituto Superiore di Sanità, Paolo Genovese, Regista, Paola Pisanti, Consulente Esperto Malattie Croniche del Ministero della Salute, Enrica Previtali, Presidente Amici Onlus, Simone Sabbioni, Atleta della Nazionale Italiana di nuoto e testimonial della campagna, Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria e Pierpaolo Sileri, chirurgo e Viceministro alla Salute.

Lo spot girato da Paolo Genovese, tra i registi italiani più conosciuti e apprezzati, racconta la storia di un paziente che è riuscito ad affrontare la malattia senza scoraggiarsi e tenendo bene a mente i suoi desideri e obiettivi. «Ho cercato di rassicurare le persone; avere punti di riferimento che ti fanno sentire non malato ma curato è fondamentale» ha spiegato Genovese. Il pensiero di Alessandro Armuzzi, Segretario Generale IG-IBD, è lo stesso: «Lo spot racconta come, curandosi, si riesca a vincere la solitudine e a non sentirsi malati – ha evidenziato a Sanità Informazione – . È un messaggio positivo e di speranza. Se la malattia viene curata e gestita bene, come nei centri di riferimento IG-IBD, si può raggiungere una qualità di vita soddisfacente che viene limitata da queste patologie» ha concluso il professore.

La conferma che sia possibile convivere con la malattia senza rinunciare ai propri sogni arriva dalle parole del campione di nuoto Simone Sabbioni, che ha voluto prestare il volto all’iniziativa: «Lo sport, il nuoto, è il motivo per cui sono guarito. Sono stato aiutato dai medici e dalla mia famiglia; l’importante è volersi bene e farsi voler bene» ha commentato, emozionato e sorridente a margine dell’evento.

Pierpaolo Sileri, chirurgo specializzato nelle patologie dell’apparato digerente al Policlinico Tor Vergata di Roma e già Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama, non ha fatto mancare il suo sostegno alla causa: «Sono malattie che colpiscono i più giovani, c’è un aumento in età pediatrica – ha dichiarato ai nostri microfoni -. Dobbiamo investire di più nella ricerca, nell’informazione e nella formazione dei medici. Se ben trattate sono gestibili.  In qualità di Viceministro alla Salute, Sileri ha sottolineato: «Non è il Governo che determina le priorità ma è il Paese. Bisogna lavorare sulla carenza degli specialisti, valorizzare il personale sanitario che ci protegge giorno e notte. Erano le priorità che c’erano prima e che ci saranno adesso».

Articoli correlati
Tumore al seno, il 13 ottobre sarà la Giornata Nazionale. Lorefice: «Accesso a terapie sia uniforme da nord a sud»
Alla Camera conferenza stampa per sensibilizzare sul tema. Europa Donna Italia presenta un manifesto in sette punti che prevede, tra le altre cose, la presa in carico da parte di un team di specialisti, lo psiconcologo e l’accesso ai farmaci innovativi
Giornata internazionale igienisti dentali: «Non rinunciate alla prevenzione per paura del covid-19»
«Il messaggio che mandiamo è forte e chiaro - spiega la presidente Antonella Abbinante - davanti al Covid-19 bisogna saper evolvere, non abbandonare i controlli per la salute»
Giornata Mondiale della vista, l’80% dei casi di cecità sono prevenibili
Questa mattina la conferenza stampa di presentazione dell’evento a cui seguirà una maratona in diretta streaming sulla pagina Facebook di IAPB Italia. Stirpe (Fondaz. Bietti): «L’organizzazione della sanità dovrà contenere il rischio contagio e trattare le urgenze delle quali l’epidemia ha ritardato la cura». Mariotti (OMS): «Senza una buona vista si rischia tre volte di più di ammalarsi di depressione e di avere incidenti stradali»
Famiglie SMA, Saverio Raimondo sostiene “Non c’è SMA che tenga”: la campagna per il Numero Verde Stella
Il servizio dedicato alle persone con atrofia muscolare spinale risponde a domande mediche, normative e legali, oggi più che mai necessario a causa del Covid-19. Il celebre stand up comedian autore e protagonista della clip
Magi (OMCeO Roma): «Prima che sia emergenza vera le Regioni si dotino dei Dpi per tutelare medici e pazienti»
«In questo modo eviteremo anche la chiusura degli ambulatori ospedalieri e territoriali e la conseguente sospensione delle cure a milioni di cronici - dichiara il Presidente dell’Omceo Roma Antonio Magi - è necessario monitorare la situazione per far lavorare in sicurezza i nostri colleghi e tutelare i pazienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...