Lavoro 19 Settembre 2019

Aggressioni, Mangiacavalli (FNOPI): «Anche la formazione ECM può aiutare a disinnescare il pericolo»

«Noi professionisti ci siamo messi in discussione. Ora abbiamo bisogno di un intervento politico strutturale e non contingente». Così la presidente della Federazione Nazionale degli Infermieri

Immagine articolo

Una «soluzione che possa fungere da volano per tutta la società civile, non solo per i professionisti sanitari». È quello che auspica la presidente della Federazione Nazionale degli Infermieri (FNOPI) Barbara Mangiacavalli per porre quantomeno un freno al fenomeno sempre più dilagante delle aggressioni che si verificano negli ospedali e negli studi medici di tutta Italia.

LEGGI ANCHE: VIOLENZE AGLI OPERATORI, LE RICHIESTE ALLA POLITICA DI MEDICI E INFERMIERI IN OCCASIONE DELLA GIORNATA NAZIONALE

«Un percorso in realtà era iniziato – continua la Presidente ai nostri microfoni -. È partito un Osservatorio per mappare il fenomeno e capire come dar seguito a provvedimenti più strutturali. Ci sono raccomandazioni del ministero della Salute che andrebbero aggiornate alla luce di nuove norme e nuovi fenomeni. In Parlamento c’è un disegno di legge che sta procedendo in po’ a rilento, perché ci rendiamo conto che in questo momento possa non essere tra le priorità. Ma abbiamo bisogno di un intervento strutturale e non contingente».

Intanto, FNOPI e FNOMCeO hanno presentato il corso di formazione a distanza CARE rivolto a medici e professionisti sanitari: «Ha l’obiettivo di aiutare tutti gli operatori della sanità ad intercettare certi fenomeni e a capire come porsi in maniera appropriata per non esacerbare la questione e decomprimere le situazioni di pericolo, riconducendole in un canale fisiologico di comunicazione e di dialogo – spiega la Mangiacavalli -. Noi professionisti abbiamo quindi messo in discussione anche le nostre capacità relazionali e le nostre modalità comunicative. Ora aspettiamo una risposta da parte della politica».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, LE PROPOSTE DI MAZZACANE (CISL LOMBARDIA): «MEDICI COME PUBBLICI UFFICIALI ED EDUCAZIONE SANITARIA PER I CITTADINI»

Articoli correlati
Chi saranno i medici scolastici? Pensionati, giovani, pediatri o stranieri. Le proposte dal mondo della sanità
Se per Cricelli (Simg) la soluzione è richiamare i medici in pensione, Mazzacane (Cisl Medici) punta sui camici grigi. Secondo Magi (Sumai) i pediatri di libera scelta sono l’opzione ideale e Aodi (Amsi) vede un’opportunità per i medici di origine straniera. Mangiacavalli (Fnopi) chiede invece l’istituzione dell’infermiere scolastico
Dottoressa aggredita con mozzarelle, Fnomceo: «La legge non è sufficiente»
Familiare di un paziente lamentava attesa lunga e ha scagliato contenitore di mozzarelle contro il medico, solidarietà dal presidente Anelli. Scotti (presidente OdM Napoli): «Temo per ottobre, pandemia e crisi sociale potrebbero fare del medico un capro espiatorio»
Sia riconosciuto e valorizzato il ruolo dei Dirigenti delle Professioni Infermieristiche e Sanitarie
Di Bruno Cavaliere, Presidente S.I.D.M.I
di Bruno Cavaliere, Presidente S.I.D.M.I
Presidente Casellati incontra Fnopi: «Infermieri fondamentali per diritto alla salute, grazie»
La presidente del Senato ha incontrato i vertici Fnopi, Barbara Mangiacavalli e Tonino Aceti e ascoltato le istanze. Ha assicurato il suo impegno nelle sedi istituzionali per sottolineare il ruolo degli infermieri durante la pandemia e dopo
Covid-19, dalla Federazione Pugilistica ecco i BoxeVoucher per gli infermieri
La FPI offre agli infermieri iscritti all’Albo Fnopi ed ai loro figli 1.000 BoxeVoucher per 3 mesi di allenamento gratuito. È il nostro modo – dichiara il presidente FPI, Vittorio Lai – di rivolgere un energico e affettuoso ‘grazie’ a tutti gli infermieri che non hanno mai smesso di abbassare la guardia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...