Politica 13 Settembre 2019 11:14

Salute, Pierpaolo Sileri (M5S) è il nuovo Vice Ministro: ecco le sue idee per la sanità

Insieme a Sileri arriva a Lungotevere Ripa come sottosegretario, in quota Pd, Sandra Zampa. Il Chirurgo romano ha guidato per 15 mesi la Commissione Sanità di Palazzo Madama. Dall’endometriosi ai contenziosi medico-paziente, idee e proposte per rilanciare la sanità

Salute, Pierpaolo Sileri (M5S) è il nuovo Vice Ministro: ecco le sue idee per la sanità

Pierpaolo Sileri è il nuovo Vice Ministro alla Salute. Andrà ad affiancare, insieme al Sottosegretario del Partito democratico Sandra Zampa, il lavoro del nuovo ministro Roberto Speranza.

L’approdo a Lungotevere Ripa del chirurgo romano cambia gli assetti in Parlamento: Sileri dovrà lasciare la poltrona di Presidente della Commissione Sanità, ruolo in cui aveva raccolto apprezzamenti bipartisan in questi primi 15 mesi di legislatura.

«Da chirurgo già essere stato eletto senatore è stato un grande onore, e lo è ancora di più fare il viceministro. Quello che conta però non è il singolo ma il gioco di squadra» sono state le prime parole di Sileri dopo la nomina a margine della conferenza stampa al ministero della Salute ‘Ascolta il mio cuore’ di Senior Italia. Sulla questione dei fondi per la sanità, Sileri stila un suo primo piano di interventi per ottimizzare le risorse: «Serve una digitalizzazione del Ssn, se ne parla da tantissimi anni – ricorda – occorre investire in questa azione per ottenere miliardi di risparmi». Altra priorità è la «riorganizzazione di molti ospedali, alcuni sono vetusti e hanno costi di manutenzione molto alti rispetto ad una struttura nuova». Sileri ricorda che «occorre una visione olistica per il San, e bisogna mettersi seduti a un tavolino per fare una seria programmazione e mettere più servizi sul territorio, non solo il pronto soccorso». Infine sul Patto della Salute, il neo vice ministro chiosa: «È in cima alla lista e presto sarà chiuso»

Alla sua prima esperienza politica, Sileri vanta un curriculum medico di primo piano con alle spalle anche un’esperienza di lavoro negli Stati Uniti. Docente all’università Tor Vergata di Roma e in alcuni atenei stranieri tra cui la University of Illinois a Chicago, ricercatore, tutor di studenti di Medicina, correlatore e controrelatore di tesi sperimentali per studenti della Facoltà di Medicina, di medici in formazione specialistica e di dottorandi di ricerca, Sileri è autore di oltre 170 pubblicazioni ‘peer reviewed’ su riviste internazionali e relatore in oltre 350 congressi internazionali e nazionali. Oggi è chirurgo specializzato nelle patologie dell’apparato digerente al Policlinico Tor Vergata della Capitale.

LEGGI ANCHE: SANITA’, UN ANNO DI COMMISSIONE. SILERI: «RISULTATI IMPORTANTI. ORA FOCUS SU AGGIORNAMENTO ECM E CONTENZIOSI»

In Parlamento si è caratterizzato per numerose proposte di legge: dal ddl sulla donazione post mortem del corpo a fini di ricerca all’insegnamento dell’educazione sanitaria nella scuola, poi quello sulla cura dell’endometriosi e quello sull’intramoenia per le professioni sanitarie. È intervenuto più volte sul tema delle infezioni ospedaliere e su quello della Formazione continua dei medici chiedendo un metodo che permetta ai camici bianchi di facilitare l’acquisizione dei crediti. Ha inoltre promosso l’istituzione della giornata nazionale della salute dell’uomo e quella per l’aderenza alla terapia.

Nel bilancio del suo primo anno alla guida della Commissione Sanità di Palazzo Madama ha posto anche l’attenzione sul tema del contenzioso medico-paziente aderendo all’idea di una «camera di compensazione all’interno delle strutture sanitarie attraverso le quali si può ridurre il contenzioso, cioè cercare di dirimere quelle che sono le dispute molto prima che si arrivi davanti un giudice, sia esso ordinario sia esso penale». Poi aveva ricordato i risultati più importanti raggiunti dal primo governo Conte: «Lo sblocco del turnover grazie al Decreto Calabria, l’aumento del numero delle borse di specializzazione per la carenza dei medici, lo sblocco del payback fino al 2017».

Articoli correlati
«Troppi pochi dietisti nel Ssn, ma con la giusta alimentazione migliori esiti e meno spesa sanitaria». Parla Marco Tonelli, presidente Cda Dietisti
In tutto seimila i dietisti in Italia, solo un terzo nel servizio pubblico. Il presidente della Cda nazionale lancia la proposta del dietista di comunità che lavora in équipe con MMG, PLS e gli altri professionisti sanitari. Spiega Tonelli: «Oggi l’assistenza nutrizionale, settore fondamentale per la salute dei cittadini, non è riconducibile a prestazioni assistenziali chiaramente definite»
di Francesco Torre
Al via il Giro d’Italia delle cure palliative pediatriche. Le riceve solo il 5% dei bambini
Dal 15 maggio al 30 giugno, eventi di sensibilizzazione dal nord al sud della Penisola. A Sanità Informazione la storia di Lavinia, i genitori: «Le cure palliative ci hanno regalato gli anni migliori della nostra vita»
Inquinamento: l’UE boccia l’Italia e la Corte la condanna
Miani (SIMA): «La prima causa d’inquinamento atmosferico in Italia è la combustione per il riscaldamento degli edifici, al secondo posto ci sono gli allevamenti intensivi, al terzo il traffico veicolare. Necessario un cambio di rotta immediato: se dovessimo incentivare da domani l’acquisto di auto elettriche ci vorranno almeno 10 anni prima che ogni italiano ne abbia una»
Tumore al seno HER2+ metastatico: FDA approva trastuzumab deruxtecan per pazienti trattate con terapia a base di anti-HER2
L’approvazione FDA per trastuzumab deruxtecan amplia l'indicazione dell’ADC di Daiichi Sankyo e AstraZeneca per un uso più precoce (seconda linea) nel trattamento del carcinoma mammario metastatico
Liste d’attesa infinite e i cittadini rinunciano alle cure, allarme di Cittadinanzattiva
Secondo il «Rapporto civico sulla salute 2022. I diritti dei cittadini e il federalismo sanitario» di Cittadinanzattiva 1 cittadino su 3 rinuncia alle cure. Ritardi in esami, screening e interventi chirurgici
di Valentina Arcovio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 maggio, sono 525.383.960 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.599 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...