Politica 13 Settembre 2019

Salute, Pierpaolo Sileri (M5S) è il nuovo Vice Ministro: ecco le sue idee per la sanità

Insieme a Sileri arriva a Lungotevere Ripa come sottosegretario, in quota Pd, Sandra Zampa. Il Chirurgo romano ha guidato per 15 mesi la Commissione Sanità di Palazzo Madama. Dall’endometriosi ai contenziosi medico-paziente, idee e proposte per rilanciare la sanità

Immagine articolo

Pierpaolo Sileri è il nuovo Vice Ministro alla Salute. Andrà ad affiancare, insieme al Sottosegretario del Partito democratico Sandra Zampa, il lavoro del nuovo ministro Roberto Speranza.

L’approdo a Lungotevere Ripa del chirurgo romano cambia gli assetti in Parlamento: Sileri dovrà lasciare la poltrona di Presidente della Commissione Sanità, ruolo in cui aveva raccolto apprezzamenti bipartisan in questi primi 15 mesi di legislatura.

«Da chirurgo già essere stato eletto senatore è stato un grande onore, e lo è ancora di più fare il viceministro. Quello che conta però non è il singolo ma il gioco di squadra» sono state le prime parole di Sileri dopo la nomina a margine della conferenza stampa al ministero della Salute ‘Ascolta il mio cuore’ di Senior Italia. Sulla questione dei fondi per la sanità, Sileri stila un suo primo piano di interventi per ottimizzare le risorse: «Serve una digitalizzazione del Ssn, se ne parla da tantissimi anni – ricorda – occorre investire in questa azione per ottenere miliardi di risparmi». Altra priorità è la «riorganizzazione di molti ospedali, alcuni sono vetusti e hanno costi di manutenzione molto alti rispetto ad una struttura nuova». Sileri ricorda che «occorre una visione olistica per il San, e bisogna mettersi seduti a un tavolino per fare una seria programmazione e mettere più servizi sul territorio, non solo il pronto soccorso». Infine sul Patto della Salute, il neo vice ministro chiosa: «È in cima alla lista e presto sarà chiuso»

Alla sua prima esperienza politica, Sileri vanta un curriculum medico di primo piano con alle spalle anche un’esperienza di lavoro negli Stati Uniti. Docente all’università Tor Vergata di Roma e in alcuni atenei stranieri tra cui la University of Illinois a Chicago, ricercatore, tutor di studenti di Medicina, correlatore e controrelatore di tesi sperimentali per studenti della Facoltà di Medicina, di medici in formazione specialistica e di dottorandi di ricerca, Sileri è autore di oltre 170 pubblicazioni ‘peer reviewed’ su riviste internazionali e relatore in oltre 350 congressi internazionali e nazionali. Oggi è chirurgo specializzato nelle patologie dell’apparato digerente al Policlinico Tor Vergata della Capitale.

LEGGI ANCHE: SANITA’, UN ANNO DI COMMISSIONE. SILERI: «RISULTATI IMPORTANTI. ORA FOCUS SU AGGIORNAMENTO ECM E CONTENZIOSI»

In Parlamento si è caratterizzato per numerose proposte di legge: dal ddl sulla donazione post mortem del corpo a fini di ricerca all’insegnamento dell’educazione sanitaria nella scuola, poi quello sulla cura dell’endometriosi e quello sull’intramoenia per le professioni sanitarie. È intervenuto più volte sul tema delle infezioni ospedaliere e su quello della Formazione continua dei medici chiedendo un metodo che permetta ai camici bianchi di facilitare l’acquisizione dei crediti. Ha inoltre promosso l’istituzione della giornata nazionale della salute dell’uomo e quella per l’aderenza alla terapia.

Nel bilancio del suo primo anno alla guida della Commissione Sanità di Palazzo Madama ha posto anche l’attenzione sul tema del contenzioso medico-paziente aderendo all’idea di una «camera di compensazione all’interno delle strutture sanitarie attraverso le quali si può ridurre il contenzioso, cioè cercare di dirimere quelle che sono le dispute molto prima che si arrivi davanti un giudice, sia esso ordinario sia esso penale». Poi aveva ricordato i risultati più importanti raggiunti dal primo governo Conte: «Lo sblocco del turnover grazie al Decreto Calabria, l’aumento del numero delle borse di specializzazione per la carenza dei medici, lo sblocco del payback fino al 2017».

Articoli correlati
Violenza in sanità, De Palma (Nursing Up): «Garantiremo copertura assicurativa contro le aggressioni»
L'80% degli infermieri intervistati ha confessato di aver subìto violenza sul luogo di lavoro. L'11% ha parlato di violenza fisica e il 4% ha riferito di essere stato minacciato con un’arma da fuoco. Il presidente del sindacato: «Lo Stato fa poco e il Ddl antiviolenza non è sufficiente. È necessario istituire osservatori e servizi di protezione del personale in tutte le aziende sanitarie». La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera Lorefice: «Stiamo lavorando all'istituzione dell'osservatorio di monitoraggio del fenomeno e all'inasprimento delle pene, ma sappiamo che servono interventi strutturali»
De Paolis (SIC): «Chirurgia italiana parli con voce unica. Avviato percorso tra le varie associazioni per rilancio professione»
In occasione del 121° Congresso della Società Italiana di Chirurgia, il presiedente Paolo De Paolis ha poi sottolineato il tema delle eccessive aspettative dei pazienti nei confronti del medico chirurgo: «Le possibilità del chirurgo sono moltissime, sono cresciute grazie alle nuove tecnologie ma ci troviamo sempre di fronte a un nemico terribile che è la malattia, il tumore»
Congresso Sumai, Magi: «Assumere specialisti ambulatoriali per risolvere carenza». Sileri apre: «Servono risorse»
 «Ci sono 20mila medici specialisti al di sotto dei 45 anni pronti a entrare nel Servizio sanitario nazionale ai quali si aggiungono altri 34.400 specializzandi. Nei prossimi anni andranno in pensione 52mila medici quindi, facendo i conti, tra specializzandi e specialisti si coprirebbe il turnover».  Questo uno dei passaggi centrali della relazione del Segretario generale del SUMAI Assoprof dal palco del 52° Congresso nazionale apertosi oggi a Gardone Riviera (BS)
E-cig, Rosastella Principe (pneumologa): «Acquistare solo da rivenditori autorizzati. È una moda pericolosa tra i giovani»
«Esistono studi che hanno evidenziato sostanze cancerogene sia nelle e-cig che in quelle a tabacco riscaldato: aldeidi, metalli e altri elementi irritanti. Le sigarette elettroniche non sono prive di rischi e non possono essere considerate innocue». Così la Responsabile del Centro per la prevenzione e la terapia del tabagismo dell’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini di Roma
Giornata mondiale vista. “Guarda che è importante!”, lo slogan di IAPB Italia per tutelare la salute visiva
Oggi 10 ottobre si celebra la Giornata Mondiale della Vista promossa dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità IAPB Italia Onlus, in collaborazione con la Società Oftalmologica Italiana (SOI). Stamattina al convegno “Inquinamento ambientale e salute visiva”, nella Sala polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, si è parlato di come mantenere il benessere dei nostri occhi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...