Salute 13 Settembre 2019

Salute, Pierpaolo Sileri (M5S) è il nuovo Vice Ministro: ecco le sue idee per la sanità

Insieme a Sileri arriva a Lungotevere Ripa come sottosegretario, in quota Pd, Sandra Zampa. Il Chirurgo romano ha guidato per 15 mesi la Commissione Sanità di Palazzo Madama. Dall’endometriosi ai contenziosi medico-paziente, idee e proposte per rilanciare la sanità

Immagine articolo

Pierpaolo Sileri è il nuovo Vice Ministro alla Salute. Andrà ad affiancare, insieme al Sottosegretario del Partito democratico Sandra Zampa, il lavoro del nuovo ministro Roberto Speranza.

L’approdo a Lungotevere Ripa del chirurgo romano cambia gli assetti in Parlamento: Sileri dovrà lasciare la poltrona di Presidente della Commissione Sanità, ruolo in cui aveva raccolto apprezzamenti bipartisan in questi primi 15 mesi di legislatura.

«Da chirurgo già essere stato eletto senatore è stato un grande onore, e lo è ancora di più fare il viceministro. Quello che conta però non è il singolo ma il gioco di squadra» sono state le prime parole di Sileri dopo la nomina a margine della conferenza stampa al ministero della Salute ‘Ascolta il mio cuore’ di Senior Italia. Sulla questione dei fondi per la sanità, Sileri stila un suo primo piano di interventi per ottimizzare le risorse: «Serve una digitalizzazione del Ssn, se ne parla da tantissimi anni – ricorda – occorre investire in questa azione per ottenere miliardi di risparmi». Altra priorità è la «riorganizzazione di molti ospedali, alcuni sono vetusti e hanno costi di manutenzione molto alti rispetto ad una struttura nuova». Sileri ricorda che «occorre una visione olistica per il San, e bisogna mettersi seduti a un tavolino per fare una seria programmazione e mettere più servizi sul territorio, non solo il pronto soccorso». Infine sul Patto della Salute, il neo vice ministro chiosa: «È in cima alla lista e presto sarà chiuso»

Alla sua prima esperienza politica, Sileri vanta un curriculum medico di primo piano con alle spalle anche un’esperienza di lavoro negli Stati Uniti. Docente all’università Tor Vergata di Roma e in alcuni atenei stranieri tra cui la University of Illinois a Chicago, ricercatore, tutor di studenti di Medicina, correlatore e controrelatore di tesi sperimentali per studenti della Facoltà di Medicina, di medici in formazione specialistica e di dottorandi di ricerca, Sileri è autore di oltre 170 pubblicazioni ‘peer reviewed’ su riviste internazionali e relatore in oltre 350 congressi internazionali e nazionali. Oggi è chirurgo specializzato nelle patologie dell’apparato digerente al Policlinico Tor Vergata della Capitale.

LEGGI ANCHE: SANITA’, UN ANNO DI COMMISSIONE. SILERI: «RISULTATI IMPORTANTI. ORA FOCUS SU AGGIORNAMENTO ECM E CONTENZIOSI»

In Parlamento si è caratterizzato per numerose proposte di legge: dal ddl sulla donazione post mortem del corpo a fini di ricerca all’insegnamento dell’educazione sanitaria nella scuola, poi quello sulla cura dell’endometriosi e quello sull’intramoenia per le professioni sanitarie. È intervenuto più volte sul tema delle infezioni ospedaliere e su quello della Formazione continua dei medici chiedendo un metodo che permetta ai camici bianchi di facilitare l’acquisizione dei crediti. Ha inoltre promosso l’istituzione della giornata nazionale della salute dell’uomo e quella per l’aderenza alla terapia.

Nel bilancio del suo primo anno alla guida della Commissione Sanità di Palazzo Madama ha posto anche l’attenzione sul tema del contenzioso medico-paziente aderendo all’idea di una «camera di compensazione all’interno delle strutture sanitarie attraverso le quali si può ridurre il contenzioso, cioè cercare di dirimere quelle che sono le dispute molto prima che si arrivi davanti un giudice, sia esso ordinario sia esso penale». Poi aveva ricordato i risultati più importanti raggiunti dal primo governo Conte: «Lo sblocco del turnover grazie al Decreto Calabria, l’aumento del numero delle borse di specializzazione per la carenza dei medici, lo sblocco del payback fino al 2017».

Articoli correlati
Cellulare e tumore, per i giudici il nesso c’è. L’otorino: «Sicuramente causa cambiamenti fisiologici»
Accolto dalla Corte d'Appello di Torino il ricorso di un lavoratore che ha utilizzato il telefono aziendale per anni e ha sviluppato poi una forma tumorale. L’Inail dovrà corrispondere un vitalizio, ma la scienza sul tema continua ad essere divisa. Il dottor Attanasio: «È vero che non ci sono evidenze scientifiche ma non si può escludere che un’esposizione continua a radiofrequenze non faccia danni»
E-cig e sigarette: sono più di 700mila gli italiani che le fumano insieme. E i rischi per i polmoni triplicano
Secondo uno studio della University of California l’abitudine, sempre più in voga, di alternare le due modalità di fumo è una pratica da abbandonare
Chirurgia estetica, la denuncia di Sicpre: «Basta abusivismo categoria, danni al 30% dei pazienti»
In Italia nel settore privato chiunque sia anche solo laureato in Medicina può eseguire interventi di chirurgia plastica, anche senza specializzazione. D’Andrea: «Casi in aumento. Prima di sottoporsi ad un intervento necessario controllare se il professionista è adeguatamente formato o se millanta»
«Dal Codice Rosa alle cure di genere, così siamo al fianco delle donne». Policlinico e S. Marco di Catania premiati dalla Fondazione Onda
«Ci hanno permesso di riprogettare dall’inizio tutti i percorsi, dalle fragilità alle donne vittime di violenza e maltrattamenti». Così il direttore dell'azienda ospedaliera Antonio Lazzara
Tumori, svolta con le terapie ‘agnostiche’. Vella: «Con immunoterapia e farmaci mirati aumenta sopravvivenza e diminuisce tossicità»
Alcuni degli oncologi più importanti d’Italia si sono dati appuntamento a Roma al convegno “Le terapie oncologiche agnostiche. La nuova frontiera nella lotta ai tumori”. Il Vice Ministro Sileri: «Queste terapie sono una vera rivoluzione nel trattamento dei pazienti oncologici laddove è dimostrata una alterazione genetica comune»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Ecm

Formazione Ecm, si cambia. Un anno per la riforma e la valorizzazione del sistema

La Commissione nazionale per l'Educazione continua in medicina ha istituito un Gruppo di lavoro che riformerà il sistema Ecm. Obiettivi: puntare sulla qualità degli eventi formativi e adeguare la fo...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...