Salute 13 Settembre 2019

Salute, Pierpaolo Sileri (M5S) è il nuovo Vice Ministro: ecco le sue idee per la sanità

Insieme a Sileri arriva a Lungotevere Ripa come sottosegretario, in quota Pd, Sandra Zampa. Il Chirurgo romano ha guidato per 15 mesi la Commissione Sanità di Palazzo Madama. Dall’endometriosi ai contenziosi medico-paziente, idee e proposte per rilanciare la sanità

Immagine articolo

Pierpaolo Sileri è il nuovo Vice Ministro alla Salute. Andrà ad affiancare, insieme al Sottosegretario del Partito democratico Sandra Zampa, il lavoro del nuovo ministro Roberto Speranza.

L’approdo a Lungotevere Ripa del chirurgo romano cambia gli assetti in Parlamento: Sileri dovrà lasciare la poltrona di Presidente della Commissione Sanità, ruolo in cui aveva raccolto apprezzamenti bipartisan in questi primi 15 mesi di legislatura.

«Da chirurgo già essere stato eletto senatore è stato un grande onore, e lo è ancora di più fare il viceministro. Quello che conta però non è il singolo ma il gioco di squadra» sono state le prime parole di Sileri dopo la nomina a margine della conferenza stampa al ministero della Salute ‘Ascolta il mio cuore’ di Senior Italia. Sulla questione dei fondi per la sanità, Sileri stila un suo primo piano di interventi per ottimizzare le risorse: «Serve una digitalizzazione del Ssn, se ne parla da tantissimi anni – ricorda – occorre investire in questa azione per ottenere miliardi di risparmi». Altra priorità è la «riorganizzazione di molti ospedali, alcuni sono vetusti e hanno costi di manutenzione molto alti rispetto ad una struttura nuova». Sileri ricorda che «occorre una visione olistica per il San, e bisogna mettersi seduti a un tavolino per fare una seria programmazione e mettere più servizi sul territorio, non solo il pronto soccorso». Infine sul Patto della Salute, il neo vice ministro chiosa: «È in cima alla lista e presto sarà chiuso»

Alla sua prima esperienza politica, Sileri vanta un curriculum medico di primo piano con alle spalle anche un’esperienza di lavoro negli Stati Uniti. Docente all’università Tor Vergata di Roma e in alcuni atenei stranieri tra cui la University of Illinois a Chicago, ricercatore, tutor di studenti di Medicina, correlatore e controrelatore di tesi sperimentali per studenti della Facoltà di Medicina, di medici in formazione specialistica e di dottorandi di ricerca, Sileri è autore di oltre 170 pubblicazioni ‘peer reviewed’ su riviste internazionali e relatore in oltre 350 congressi internazionali e nazionali. Oggi è chirurgo specializzato nelle patologie dell’apparato digerente al Policlinico Tor Vergata della Capitale.

LEGGI ANCHE: SANITA’, UN ANNO DI COMMISSIONE. SILERI: «RISULTATI IMPORTANTI. ORA FOCUS SU AGGIORNAMENTO ECM E CONTENZIOSI»

In Parlamento si è caratterizzato per numerose proposte di legge: dal ddl sulla donazione post mortem del corpo a fini di ricerca all’insegnamento dell’educazione sanitaria nella scuola, poi quello sulla cura dell’endometriosi e quello sull’intramoenia per le professioni sanitarie. È intervenuto più volte sul tema delle infezioni ospedaliere e su quello della Formazione continua dei medici chiedendo un metodo che permetta ai camici bianchi di facilitare l’acquisizione dei crediti. Ha inoltre promosso l’istituzione della giornata nazionale della salute dell’uomo e quella per l’aderenza alla terapia.

Nel bilancio del suo primo anno alla guida della Commissione Sanità di Palazzo Madama ha posto anche l’attenzione sul tema del contenzioso medico-paziente aderendo all’idea di una «camera di compensazione all’interno delle strutture sanitarie attraverso le quali si può ridurre il contenzioso, cioè cercare di dirimere quelle che sono le dispute molto prima che si arrivi davanti un giudice, sia esso ordinario sia esso penale». Poi aveva ricordato i risultati più importanti raggiunti dal primo governo Conte: «Lo sblocco del turnover grazie al Decreto Calabria, l’aumento del numero delle borse di specializzazione per la carenza dei medici, lo sblocco del payback fino al 2017».

Articoli correlati
“Donne e Covid-19”: Onda premia le professioniste impegnate in prima linea nell’emergenza
Il riconoscimento speciale è per le donne che si sono particolarmente distinte nello svolgimento del loro prezioso lavoro durante l’emergenza sanitaria. Gli ospedali, con i Bollini Rosa e non, potranno proporre la candidatura delle figure sanitarie prescelte entro il 31 luglio 2020 tramite il sito www.bollinirosa.it.
Tecnologia in medicina: l’American Society for Gastrointestinal Endoscopy premia Giovanni Di Napoli
Giovanni Di Napoli, vicepresidente e General Manager di Medtronic – multinazionale che opera nel settore della tecnologia medica con 360 sedi in 160 paesi – ha ricevuto dall’American Society for Gastrointestinal Endoscopy (ASGE) il prestigioso Crystal Awards Honoree nella categoria dei servizi industrali. A questo proposito, Di Napoli ha dichiarato che per lui lo spirito […]
Salute nelle città, Andrea Lenzi: «Dopo l’emergenza servirà un health city manager»
Andrea Lenzi, direttore del dipartimento di Medicina Sperimentale della Sapienza e presidente del Comitato Nazionale per la Biosicurezza, le Biotecnologie e le Scienze della Vita della Presidenza del Consiglio: «Abbiamo dimenticato il legame fra medicina e territorio»
di Tommaso Caldarelli
Antonio Scala, Big Data in Health Society: «Serve un monitoraggio attivo sul COVID-19 da affidare ai MMG»
Maria Luisa Chiusano, Università di Napoli: «La ricerca molecolare riapre il dibattito sul ruolo dei farmaci RAAS-Inibitori – ACE Inibitori e Sartani – nel contenere la carica virale nel COVID-19. Minore abbondanza di ACE-2 sulla membrana ed eventuali frammenti liberi che catturino in anticipo il virus, limiterebbero l’attacco sulla membrana cellulare»
Coronavirus, il ministero della Salute: «Al via bando per la ricerca su Covid-19»
«Ciascun progetto selezionato potrà ricevere fino ad un milione di euro, dei 7 milioni complessivamente stanziati» spiega il ministero. Speranza: «Priorità alle proposte in grado di evidenziare, già nella presentazione dei dati preliminari, l’applicabilità dei risultati ai processi di cura»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco