Politica 5 Luglio 2019 17:37

ECM, Sileri: «Giusto richiamare i colleghi all’obbligo, accelerare modalità di acquisizione crediti»

Il presidente della Commissione Sanità del Senato, a margine degli Stati generali del medico organizzati da Fnomceo, è tornato sul tema dell’aggiornamento professionale: «Se molti medici non sono riusciti ad aggiornare i crediti vuol dire che c’è una carenza formativa magari legata al metodo, bisognerà trovare dei metodi nuovi» sottolinea a Sanità Informazione

ECM, Sileri: «Giusto richiamare i colleghi all’obbligo, accelerare modalità di acquisizione crediti»

«Giusta la lettera di FNOMCeO che richiama i colleghi al rispetto dell’obbligo dell’aggiornamento continuo in medicina». Dal palco degli Stati Generali della professione medica il presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato Pierpaolo Sileri ha ribadito la necessità di intervenire in materia Ecm e plaude alla lettera del presidente della FNOMCeO Filippo Anelli che ha ricordato agli Ordini la necessità di far rispettare l’obbligo di legge sulla formazione continua.

LEGGI ANCHE: AGGIORNAMENTO ECM, PARTONO I CONTROLLI. CONSULCESI: «MEDICI PREOCCUPATI, PER LORO ARRIVA NUMERO VERDE»

«Se molti medici non sono riusciti ad aggiornare i crediti vuol dire che c’è una carenza formativa magari legata al metodo, bisognerà trovare dei metodi nuovi», sottolinea Sileri ai microfoni di Sanità Informazione.

Tra i temi affrontati anche «il mancato rinnovo dei contratti, – continua Sileri – il rapporto medico-paziente ‘lesionato’, che ha come conseguenza l’aumento del contenzioso e le problematiche anche penali che, nel 95% dei casi, finiscono con un’archiviazione». Per questo il presidente della Commissione Sanità del Senato ha presentato una proposta di legge per istituire una sorta di ‘camera di compensazione’ che eviti di arrivare in tribunale e consenta di ritrovare il dialogo con i pazienti.

Ma è soprattutto la carenza di specialisti a preoccupare il senatore. Una carenza cronica, cui ora il governo sta cercando di trovare una soluzione, aumentando le borse. «L’aumento di posti nelle scuole di specializzazione fino a 8mila borse è grandioso perché senza precedenti – ha affermato – ma dobbiamo fare di più, arrivando fino a 10mila, perché i ricorsi porteranno, nei prossimi anni, a migliaia di medici laureati in più».

Altre proposte, come quella di richiamare i medici in pensione, lasciano invece scettico Sileri, che propone semmai di ritardare, su base volontaria l’uscita dal lavoro. Sì, invece agli specialisti dell’ultimo anno ma solo a patto che possano esercitare come uno specializzato, perché «servono esperienza e qualità».

Articoli correlati
Covid-19, Sileri: «Adesso non serve lockdown nazionale. Ecco perché difendo il sistema dell’Italia a colori»
Il Viceministro uscente alla Salute spiega: «La situazione è sotto controllo, non è che ogni volta che c’è una variante nuova dobbiamo pensare che sia per forza peggiorativa». E sui vaccini dice: «Non ci sono medici di serie A e medici di serie B. L’unico problema di Astrazeneca sono le 12 settimane tra la prima e la seconda dose»
Formazione ECM, il Tar del Lazio: «Obbligatoria per tutti gli iscritti agli Ordini degli Psicologi»
Il tribunale amministrativo ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dall’Ordine degli Psicologi del Lazio che contestava l'obbligo dell'assoggettamento all’Educazione continua in medicina per gli psicologi che non operano per il SSN. Lazzari (CNOP): «È questione deontologica, non può diventare nominalistica»
Sileri: «Dopo i vaccini per sanitari, anziani e fragili necessarie riaperture»
ll viceministro della Salute Pierpaolo Sileri assicura un ritorno progressivo alla normalità dopo la fase 1. La popolazione potrà recarsi in grandi centri vaccinali e prenotare tramite call center oppure online
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano