Formazione 3 Luglio 2019 18:16

Formazione ECM, FNOMCeO e Ordini avviano i controlli per i medici non in regola

La Federazione degli Ordini dei Medici guidata da Filippo Anelli ha ricordato ai presidenti di Ordine, ai quali spetta la verifica, l’obbligo di Legge sulla formazione continua in medicina

«Cari Presidenti, come è noto medici e odontoiatri hanno l’obbligo di ottemperare alle attività di formazione continua mediante l’acquisizione di crediti ECM». Comincia così l’attesa lettera, come anticipato nelle settimane scorse da Sanità Informazione, del Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici Filippo Anelli sul tema della formazione continua e dell’obbligo ECM che, dopo il caso della condanna del primo medico per mancata formazione da parte del CAO Aosta, ha assunto un rilievo nazionale. La scadenza, tassativa, è quella del 31 dicembre 2019, superata la quale gli ordini «saranno costretti ad avviare l’iter procedurale in sede disciplinare», come scrive sul suo sito web l’Ordine dei Medici di Roma

LEGGI LA COMUNICAZIONE FNOMCeO SULLA FORMAZIONE ECM

Nella lettera, Filippo Anelli accende i riflettori sugli «elementi di penalizzazione, anche di natura economica» individuati dai «contratti collettivi nazionale di lavoro per il personale dipendente e convenzionato» per «il personale che nel triennio non abbia conseguito il minimo di crediti formativi stabiliti dalla Commissione nazionale per la formazione».

La lettera ricorda inoltre gli obblighi di legge, l’art.16 quater del D.Lgs. 502/92 e s.m.i., il quale  dispone che «la partecipazione alle attività di formazione continua costituisce requisito indispensabile per svolgere l’attività professionale in qualità di dipendente per conto delle aziende ospedaliere, delle università, delle unità sanitarie locali e delle strutture sanitarie private o di libero professionista».

LEGGI ANCHE: AGGIORNAMENTO ECM, PARTONO I CONTROLLI. CONSULCESI: «MEDICI PREOCCUPATI, PER LORO ARRIVA NUMERO VERDE»

E poi il rimando al Codice di Deontologia Medica che all’articolo 19 prevede che «il medico, nel corso di tutta la sua vita professionale, persegue l’aggiornamento costante e la formazione continua per lo sviluppo delle conoscenze e delle competenze professionali tecniche e non tecniche, favorendone la diffusione ai discenti e ai collaboratori. Il medico assolve agli obblighi formativi. L’Ordine certifica agli iscritti ai propri Albi i crediti acquisiti nei percorsi formativi e ne valuta le eventuali inadempienze».

Il Presidente FNOMCeO ricorda anche la delibera finalizzata ad incentivare i professionisti sanitari all’assolvimento del proprio percorso di aggiornamento continuo, puntando ad una maggiore semplificazione e chiarezza del sistema di regolamentazione dell’ECM. Le modifiche approvate riguardano la possibilità per tutti i professionisti, che nel triennio 2014-2016 non abbiano soddisfatto l’obbligo formativo individuale triennale, di completare il conseguimento dei crediti con formazione ECM svolta nel triennio 2017-2019 e il riconoscimento di crediti individuali tramite lo svolgimento delle attività di: ricerca scientifica (pubblicazioni scientifiche e sperimentazioni cliniche), tutoraggio individuale, formazione all’estero, autoformazione per la quale è previsto l’ampliamento dal 10% al 20% della percentuale dei crediti formativi acquisibili per il triennio 2017-2019; infine l’esenzione per gli iscritti agli albi in pensione che esercitano saltuariamente l’attività professionale.

LEGGI ANCHE: ECM, SILERI: «GIUSTO RICHIAMARE I COLLEGHI ALL’OBBLIGO, ACCELERARE MODALITA’ DI ACQUISIZIONE CREDITI»

«La FNOMCeO, considerato l’approssimarsi della scadenza del 31.12.2019, reputa opportuno inviare la situazione attuale degli iscritti certificabili o non ai fini ECM tramite un file in formato Excel, firmato digitalmente, contenente i dati relativi agli ultimi due trienni formativi – continua la lettera -. La Federazione, nell’ambito dei propri compiti di indirizzo e coordinamento, invita gli Ordini territoriali a sollecitare gli iscritti all’adempimento dell’obbligo formativo e invitarli a consultare la propria posizione ECM, collegandosi alla area riservata COGEAPS».

«Si ricorda – conclude la lettera – che nell’area riservata è consentito inserire l’eventuale documentazione mancante che sia in possesso del professionista, entrando su “Partecipazione ECM” e successivamente su “Crediti mancanti”, dalla cui schermata si potranno inserire i singoli eventi formativi, allegando l’autocertificazione accompagnata alla scansione del documento di riconoscimento e l’attestato in possesso».

Articoli correlati
Bufera su Burioni per un tweet. Codacons lo denuncia, Anelli (FNOMCeO) lo difende
La Federazione: «Invitiamo tutte le parti ad abbassare i toni e a riportarli all'interno di un dibattito civile e democratico». Bassetti: «Polemica sterile». Gismondo: «Considerare peso delle parole usate». E intanto lui fa marcia indietro
Medici e PNNR, mozione al Consiglio nazionale FNOMCeO: «Coinvolgere i professionisti»
Bocciato, o meglio rimandato a settembre, il Documento “Agenas” sulle Case di Comunità, previste dalla Missione 6 Salute del Piano nazionale di ripresa e resilienza
Estate, malattie gastro-intestinali in aumento. Arriva l’Ecm Series “Gusto è salute” per combatterle
La specialista Serena Missori e la chef Marisa Maffei nella serie formativa per medici e operatori sanitari firmata Consulcesi
La presa di posizione di Bassetti contro i sanitari non vaccinati: «Non si aggiornano, vanno allontanati dalla professione»
Per il primario di malattie infettive del San Martino di Genova alla base del rifiuto del vaccino ci sarebbe un problema culturale: «Necessario rivedere la formazione»
di Federica Bosco
Come si viene inseriti nella Lista degli Enti di Formazione Esteri?
Per l’inserimento nella Lista degli Enti di Formazione Esteri (LEEF) non è necessario che gli Enti medesimi facciano direttamente domanda alla CNFC. L’inserimento può avvenire anche su segnalazione o indicazione, motivata, di chiunque, ad esempio il professionista sanitario interessato o dall’Ente stesso, previa valutazione della CNFC che si avvale della valutazione della Sezione V. La […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 agosto, sono 198.335.925 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.224.492 i decessi. Ad oggi, oltre 4.11 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva