Formazione 15 Maggio 2019

“Furbetti dell’ECM”, Anelli annuncia: «A giorni invierò lettera a tutti gli OMCeO per ulteriori solleciti»

Il Presidente della FNOMCeO a Sanità Informazione: «Non credo ci saranno altre proroghe, ma medici non hanno il tempo di aggiornarsi. Corsi FAD possono essere la soluzione, ma se all’interno delle aziende del SSN si facesse veramente formazione, non avremmo questi dati». E sul pressing dei pazienti che vogliono sapere se il proprio medico è aggiornato aggiunge: «Se il legislatore ci chiede di mettere a disposizione questi dati, lo faremo»

Immagine articolo

Il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli ha appena ricevuto la visita dell’inviato di Striscia la Notizia Moreno Morello, che ha acceso i riflettori sull’obbligo ECM. Dopo la messa in onda del servizio lo abbiamo ricontattato per far luce sui medici che non si aggiornano. «Considerando che il 20% dei medici è in pensione ed il 10% è in una fase formativa, presumibilmente – ci dice Anelli – l’80% dei camici bianchi in attività ha già adempiuto all’obbligo».

LEGGI ANCHE: OBBLIGO ECM, CONSULCESI: «BENE ANELLI, GIUSTO SANZIONARE CHI DANNEGGIA LA CATEGORIA»

E cosa fare con quella percentuale, seppur minoritaria, che continua a non aggiornarsi?

«I medici devono aggiornarsi. È una questione importante, perché l’obbligo formativo è previsto dalla Legge e non rispettarlo equivale a passare con il rosso. È ovvio che chi non adempie rischia una sanzione».

Le sanzioni sono comminate dagli Ordini, ma cosa può fare la FNOMCeO?

«A giorni, appena riceviamo i nuovi elenchi, manderemo una nuova lettera agli OMCeO e daremo quindi loro la possibilità di inviare un ulteriore sollecito ai colleghi che non sono ancora adempienti».

Anche perché a dicembre scadono due trienni formativi…

«Esatto, e sul sito della FNOMCeO sono a disposizione dei corsi FAD, gratuiti per tutti i medici, che coprono il fabbisogno di un anno. L’offerta formativa c’è, ma poi bisognerà pur capire perché la formazione non avviene in tutte le Asl. L’aspetto negativo di tutta questa vicenda è proprio questo: la stragrande maggioranza dei medici lavora all’interno del Servizio sanitario nazionale e tutti i contratti di lavoro prevedono un aggiornamento obbligatorio all’interno delle aziende utilizzando fondi aziendali. Se all’interno delle aziende del SSN si facesse veramente formazione, non avremmo questi dati».

E i medici non hanno il tempo per fare la formazione…

«Esatto, il tempo non c’è, perché le Asl invece di offrire corsi di formazione chiedono ai medici di lavorare di più, perché manca il personale. È questa la situazione che poi ha spinto la Commissione ad adottare la proroga per il triennio scorso, dando ai medici la possibilità di recuperare il triennio precedente nel triennio formativo corrente».

Ma ci saranno altre proroghe a dicembre?

«Non penso. Ma il vero problema non sono i medici, ma le altre professioni sanitarie. I medici sono la categoria messa meglio».

Cosa pensa delle pressioni dei pazienti, che vorrebbero accedere in modo più semplice alle informazioni riguardati l’aggiornamento professionale dei propri medici?

«Questa è una decisione che spetta al legislatore. Se il legislatore stabilisce che gli Ordini possono mettere a disposizione dei cittadini anche il dato sulla formazione lo faremo».

Ma potrebbe essere un ulteriore incentivo per i medici?

«Credo che un medico debba aggiornarsi in ogni caso. Lo spirito della formazione non è tanto quello legale, ma è quello di fornire realmente maggiore qualità alla professione. E la maggiore qualità è sempre correlata alla formazione».

LEGGI ANCHE: OBBLIGO ECM A STRISCIA LA NOTIZIA, IL MINISTRO GRILLO: «INTERVERREMO SU MEDICI NON IN REGOLA»

Articoli correlati
Aggredito anestetista al Veneziale di Isernia: «Dopo il pugno ho ugualmente prestato assistenza e solo dopo sono andato in PS»
Per David Di Lello, medico anestesista dell’ospedale Veneziale di Isernia arriva la solidarietà della FNOMCEO. «Chiedo non solo di riattivare il posto di polizia dell’ospedale, ma anche di proteggere le guardie mediche, almeno con un sistema di videosorveglianza - afferma il presidente dell’Ordine dei medici di Isernia - neanche la pandemia ha posto un argine alle violenze subite dal personale sanitario»
«No all’imbuto formativo». I giovani medici tornano in piazza il 29 maggio
Nuova mobilitazione domani a Roma, in piazza a Montecitorio e in altre 21 piazze italiane. Si incontreranno studenti, medici neoabilitati, camici grigi, medici in formazione specialistica e generalista «per chiedere l'abolizione dell’imbuto formativo e una riforma della formazione medica e in difesa del SSN pubblico e universalistico»
Test sierologici, le audizioni in Senato. Parisi (Lincei): «Manca norma che renda dati disponibili a tutta la comunità scientifica»
Il presidente dell'Accademia dei Lincei ha poi sottolineato l’importanza, per l'autunno, di aumentare di dieci volte la capacità di fare tamponi. Per Filippo Anelli (FNOMCeO) è necessario «mettere i risultati dei test, nel rispetto della privacy, a disposizione di medici di famiglia e pediatri». Ascoltati anche Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici) e Gualano (Università di Torino)
Covid-19, il corso ECM per tutelare gli operatori sanitari. Il medico del lavoro: «Formazione imprescindibile per protezione»
L’ebook fa parte della collana dedicata al Covid-19 promossa dal provider Sanità in-Formazione. Due i responsabili scientifici. Trasolini (Ingegnere): «Medici e operatori trincea contro il virus e argine contro il caos». Santacroce (Medico del lavoro): «In Italia normativa innovativa, conoscere un pericolo vuol dire già tenerlo lontano da noi al 50%»
Anelli (FNOMCeO): «È il momento di una visione illuminata della sanità»
Come sarà il ‘dopo’? Innanzitutto, dovremo abituarci a convivere con il virus, almeno sino a che non sarà disponibile per tutta la popolazione un vaccino efficace. Questo significa che dovremo abituarci a mantenere le distanze di sicurezza e a mettere in atto le pratiche igieniche e organizzative idonee a limitare il contagio. Sarebbe consigliato poi […]
di Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco