Formazione 15 Maggio 2019 09:00

“Furbetti dell’ECM”, Anelli annuncia: «A giorni invierò lettera a tutti gli OMCeO per ulteriori solleciti»

Il Presidente della FNOMCeO a Sanità Informazione: «Non credo ci saranno altre proroghe, ma medici non hanno il tempo di aggiornarsi. Corsi FAD possono essere la soluzione, ma se all’interno delle aziende del SSN si facesse veramente formazione, non avremmo questi dati». E sul pressing dei pazienti che vogliono sapere se il proprio medico è aggiornato aggiunge: «Se il legislatore ci chiede di mettere a disposizione questi dati, lo faremo»

“Furbetti dell’ECM”, Anelli annuncia: «A giorni invierò lettera a tutti gli OMCeO per ulteriori solleciti»

Il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli ha appena ricevuto la visita dell’inviato di Striscia la Notizia Moreno Morello, che ha acceso i riflettori sull’obbligo ECM. Dopo la messa in onda del servizio lo abbiamo ricontattato per far luce sui medici che non si aggiornano. «Considerando che il 20% dei medici è in pensione ed il 10% è in una fase formativa, presumibilmente – ci dice Anelli – l’80% dei camici bianchi in attività ha già adempiuto all’obbligo».

LEGGI ANCHE: OBBLIGO ECM, CONSULCESI: «BENE ANELLI, GIUSTO SANZIONARE CHI DANNEGGIA LA CATEGORIA»

E cosa fare con quella percentuale, seppur minoritaria, che continua a non aggiornarsi?

«I medici devono aggiornarsi. È una questione importante, perché l’obbligo formativo è previsto dalla Legge e non rispettarlo equivale a passare con il rosso. È ovvio che chi non adempie rischia una sanzione».

Le sanzioni sono comminate dagli Ordini, ma cosa può fare la FNOMCeO?

«A giorni, appena riceviamo i nuovi elenchi, manderemo una nuova lettera agli OMCeO e daremo quindi loro la possibilità di inviare un ulteriore sollecito ai colleghi che non sono ancora adempienti».

Anche perché a dicembre scadono due trienni formativi…

«Esatto, e sul sito della FNOMCeO sono a disposizione dei corsi FAD, gratuiti per tutti i medici, che coprono il fabbisogno di un anno. L’offerta formativa c’è, ma poi bisognerà pur capire perché la formazione non avviene in tutte le Asl. L’aspetto negativo di tutta questa vicenda è proprio questo: la stragrande maggioranza dei medici lavora all’interno del Servizio sanitario nazionale e tutti i contratti di lavoro prevedono un aggiornamento obbligatorio all’interno delle aziende utilizzando fondi aziendali. Se all’interno delle aziende del SSN si facesse veramente formazione, non avremmo questi dati».

E i medici non hanno il tempo per fare la formazione…

«Esatto, il tempo non c’è, perché le Asl invece di offrire corsi di formazione chiedono ai medici di lavorare di più, perché manca il personale. È questa la situazione che poi ha spinto la Commissione ad adottare la proroga per il triennio scorso, dando ai medici la possibilità di recuperare il triennio precedente nel triennio formativo corrente».

Ma ci saranno altre proroghe a dicembre?

«Non penso. Ma il vero problema non sono i medici, ma le altre professioni sanitarie. I medici sono la categoria messa meglio».

Cosa pensa delle pressioni dei pazienti, che vorrebbero accedere in modo più semplice alle informazioni riguardati l’aggiornamento professionale dei propri medici?

«Questa è una decisione che spetta al legislatore. Se il legislatore stabilisce che gli Ordini possono mettere a disposizione dei cittadini anche il dato sulla formazione lo faremo».

Ma potrebbe essere un ulteriore incentivo per i medici?

«Credo che un medico debba aggiornarsi in ogni caso. Lo spirito della formazione non è tanto quello legale, ma è quello di fornire realmente maggiore qualità alla professione. E la maggiore qualità è sempre correlata alla formazione».

LEGGI ANCHE: OBBLIGO ECM A STRISCIA LA NOTIZIA, IL MINISTRO GRILLO: «INTERVERREMO SU MEDICI NON IN REGOLA»

Articoli correlati
Università Bicocca di Milano: nasce la scuola di alta formazione professionale per manager della sanità
Sono 26 gli atenei coinvolti nella SPES, Alta Scuola di Sanità Pubblica a vocazione internazionale. Destinata a studenti con curriculum di eccellenza e in regola con gli esami, la scuola ha due obiettivi innovare e fare rete. Si comincia a settembre con il corso sull’emergenza sanitaria
Fp Cgil precisa: «Documento Fnomceo non sottoscritto dai sindacati»
Il segretario nazionale della la Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn Andrea Filippi specifica in relazione al documento Fnomceo sul rilancio della professione: «Recuperare il valore troppo spesso marginalizzato delle relazioni sindacali con le istituzioni»
I medici scrivono a Draghi e a Speranza: «Chiediamo ruolo da protagonisti nel rinnovamento in sanità»
I nove punti su cui FNOMCeO e sindacati chiedono un'interlocuzione con il governo
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Vaccinazioni, Figliuolo alle Regioni: «Coinvolgere di più MMG e farmacisti». Plauso FIMMG, no dello SNAMI
Il Commissario all’emergenza ha stilato le “Linee guida per la prosecuzione della campagna vaccinale”. Anelli (FNOMCeO): «Medici pronti a contribuire di più alle vaccinazioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...