Formazione 15 Maggio 2019

“Furbetti dell’ECM”, Anelli annuncia: «A giorni invierò lettera a tutti gli OMCeO per ulteriori solleciti»

Il Presidente della FNOMCeO a Sanità Informazione: «Non credo ci saranno altre proroghe, ma medici non hanno il tempo di aggiornarsi. Corsi FAD possono essere la soluzione, ma se all’interno delle aziende del SSN si facesse veramente formazione, non avremmo questi dati». E sul pressing dei pazienti che vogliono sapere se il proprio medico è aggiornato aggiunge: «Se il legislatore ci chiede di mettere a disposizione questi dati, lo faremo»

Immagine articolo

Il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli ha appena ricevuto la visita dell’inviato di Striscia la Notizia Moreno Morello, che ha acceso i riflettori sull’obbligo ECM. Dopo la messa in onda del servizio lo abbiamo ricontattato per far luce sui medici che non si aggiornano. «Considerando che il 20% dei medici è in pensione ed il 10% è in una fase formativa, presumibilmente – ci dice Anelli – l’80% dei camici bianchi in attività ha già adempiuto all’obbligo».

LEGGI ANCHE: OBBLIGO ECM, CONSULCESI: «BENE ANELLI, GIUSTO SANZIONARE CHI DANNEGGIA LA CATEGORIA»

E cosa fare con quella percentuale, seppur minoritaria, che continua a non aggiornarsi?

«I medici devono aggiornarsi. È una questione importante, perché l’obbligo formativo è previsto dalla Legge e non rispettarlo equivale a passare con il rosso. È ovvio che chi non adempie rischia una sanzione».

Le sanzioni sono comminate dagli Ordini, ma cosa può fare la FNOMCeO?

«A giorni, appena riceviamo i nuovi elenchi, manderemo una nuova lettera agli OMCeO e daremo quindi loro la possibilità di inviare un ulteriore sollecito ai colleghi che non sono ancora adempienti».

Anche perché a dicembre scadono due trienni formativi…

«Esatto, e sul sito della FNOMCeO sono a disposizione dei corsi FAD, gratuiti per tutti i medici, che coprono il fabbisogno di un anno. L’offerta formativa c’è, ma poi bisognerà pur capire perché la formazione non avviene in tutte le Asl. L’aspetto negativo di tutta questa vicenda è proprio questo: la stragrande maggioranza dei medici lavora all’interno del Servizio sanitario nazionale e tutti i contratti di lavoro prevedono un aggiornamento obbligatorio all’interno delle aziende utilizzando fondi aziendali. Se all’interno delle aziende del SSN si facesse veramente formazione, non avremmo questi dati».

E i medici non hanno il tempo per fare la formazione…

«Esatto, il tempo non c’è, perché le Asl invece di offrire corsi di formazione chiedono ai medici di lavorare di più, perché manca il personale. È questa la situazione che poi ha spinto la Commissione ad adottare la proroga per il triennio scorso, dando ai medici la possibilità di recuperare il triennio precedente nel triennio formativo corrente».

Ma ci saranno altre proroghe a dicembre?

«Non penso. Ma il vero problema non sono i medici, ma le altre professioni sanitarie. I medici sono la categoria messa meglio».

Cosa pensa delle pressioni dei pazienti, che vorrebbero accedere in modo più semplice alle informazioni riguardati l’aggiornamento professionale dei propri medici?

«Questa è una decisione che spetta al legislatore. Se il legislatore stabilisce che gli Ordini possono mettere a disposizione dei cittadini anche il dato sulla formazione lo faremo».

Ma potrebbe essere un ulteriore incentivo per i medici?

«Credo che un medico debba aggiornarsi in ogni caso. Lo spirito della formazione non è tanto quello legale, ma è quello di fornire realmente maggiore qualità alla professione. E la maggiore qualità è sempre correlata alla formazione».

LEGGI ANCHE: OBBLIGO ECM A STRISCIA LA NOTIZIA, IL MINISTRO GRILLO: «INTERVERREMO SU MEDICI NON IN REGOLA»

Articoli correlati
Incontro Bussetti-FNOMCeO, obiettivo superare l’imbuto formativo. Anelli: «Allineare numero borse e numero laureati»
Incontro al Miur tra delegazione FNOMCeO e il ministro dell'Istruzione. «Una delle ipotesi al vaglio potrebbe essere quella di un piano straordinario, da condividere con il Ministro della Salute Giulia Grillo, che prevederà, per i prossimi anni, un canale aggiuntivo di accesso alle scuole, con una quota di contratti riservati a coloro che, già laureati da un certo tempo, non abbiano trovato posto nelle specializzazioni», spiega il presidente FNOMCeO Anelli
Aggressioni in corsia, al corso FNOPI-FNOMCeO si insegna la tecnica della de-escalation: disinnescare il conflitto si può
Obiettivo: diminuire la tensione. Dodici lezioni ECM audio e video corsi FAD, specifici e gratuiti, coordinati dal criminologo Massimo Picozzi per dire basta ad ogni forma di violenza
Carenza medici, l’appello di Leoni (FNOMCeO): «Cittadini e professionisti combattano insieme per un SSN adeguato»
Il vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici: «Cosa stiamo aspettando? I medici italiani scappano all’estero o nel privato e gli stranieri non vogliono più venire a lavorare nel nostro Paese. Dovrebbero essere previsti aumenti stipendiali importanti per riconoscere il disagio professionale di alcune branche»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
«Basta attacchi ignobili, ora partono gli esposti». Consulcesi contro guida alla denuncia dei medici
Il Presidente Massimo Tortorella all’attacco: «Non più tollerabile che studi legali e avvocati senza scrupoli con il supporto dei media alimentino le tensioni medico-paziente. Subito l’Arbitrato della Salute»
ECM, lettera FNOMCeO agli Ordini su scadenza triennio formativo. Istituzioni al lavoro, ipotesi premialità
Tante le ipotesi in campo, da un inasprimento delle sanzioni ad un sistema di premialità, che saranno vagliate e valutate dai rappresentanti di categoria e dal Parlamento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...