Formazione 15 Maggio 2019 09:00

“Furbetti dell’ECM”, Anelli annuncia: «A giorni invierò lettera a tutti gli OMCeO per ulteriori solleciti»

Il Presidente della FNOMCeO a Sanità Informazione: «Non credo ci saranno altre proroghe, ma medici non hanno il tempo di aggiornarsi. Corsi FAD possono essere la soluzione, ma se all’interno delle aziende del SSN si facesse veramente formazione, non avremmo questi dati». E sul pressing dei pazienti che vogliono sapere se il proprio medico è aggiornato aggiunge: «Se il legislatore ci chiede di mettere a disposizione questi dati, lo faremo»

“Furbetti dell’ECM”, Anelli annuncia: «A giorni invierò lettera a tutti gli OMCeO per ulteriori solleciti»

Il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli ha appena ricevuto la visita dell’inviato di Striscia la Notizia Moreno Morello, che ha acceso i riflettori sull’obbligo ECM. Dopo la messa in onda del servizio lo abbiamo ricontattato per far luce sui medici che non si aggiornano. «Considerando che il 20% dei medici è in pensione ed il 10% è in una fase formativa, presumibilmente – ci dice Anelli – l’80% dei camici bianchi in attività ha già adempiuto all’obbligo».

LEGGI ANCHE: OBBLIGO ECM, CONSULCESI: «BENE ANELLI, GIUSTO SANZIONARE CHI DANNEGGIA LA CATEGORIA»

E cosa fare con quella percentuale, seppur minoritaria, che continua a non aggiornarsi?

«I medici devono aggiornarsi. È una questione importante, perché l’obbligo formativo è previsto dalla Legge e non rispettarlo equivale a passare con il rosso. È ovvio che chi non adempie rischia una sanzione».

Le sanzioni sono comminate dagli Ordini, ma cosa può fare la FNOMCeO?

«A giorni, appena riceviamo i nuovi elenchi, manderemo una nuova lettera agli OMCeO e daremo quindi loro la possibilità di inviare un ulteriore sollecito ai colleghi che non sono ancora adempienti».

Anche perché a dicembre scadono due trienni formativi…

«Esatto, e sul sito della FNOMCeO sono a disposizione dei corsi FAD, gratuiti per tutti i medici, che coprono il fabbisogno di un anno. L’offerta formativa c’è, ma poi bisognerà pur capire perché la formazione non avviene in tutte le Asl. L’aspetto negativo di tutta questa vicenda è proprio questo: la stragrande maggioranza dei medici lavora all’interno del Servizio sanitario nazionale e tutti i contratti di lavoro prevedono un aggiornamento obbligatorio all’interno delle aziende utilizzando fondi aziendali. Se all’interno delle aziende del SSN si facesse veramente formazione, non avremmo questi dati».

E i medici non hanno il tempo per fare la formazione…

«Esatto, il tempo non c’è, perché le Asl invece di offrire corsi di formazione chiedono ai medici di lavorare di più, perché manca il personale. È questa la situazione che poi ha spinto la Commissione ad adottare la proroga per il triennio scorso, dando ai medici la possibilità di recuperare il triennio precedente nel triennio formativo corrente».

Ma ci saranno altre proroghe a dicembre?

«Non penso. Ma il vero problema non sono i medici, ma le altre professioni sanitarie. I medici sono la categoria messa meglio».

Cosa pensa delle pressioni dei pazienti, che vorrebbero accedere in modo più semplice alle informazioni riguardati l’aggiornamento professionale dei propri medici?

«Questa è una decisione che spetta al legislatore. Se il legislatore stabilisce che gli Ordini possono mettere a disposizione dei cittadini anche il dato sulla formazione lo faremo».

Ma potrebbe essere un ulteriore incentivo per i medici?

«Credo che un medico debba aggiornarsi in ogni caso. Lo spirito della formazione non è tanto quello legale, ma è quello di fornire realmente maggiore qualità alla professione. E la maggiore qualità è sempre correlata alla formazione».

LEGGI ANCHE: OBBLIGO ECM A STRISCIA LA NOTIZIA, IL MINISTRO GRILLO: «INTERVERREMO SU MEDICI NON IN REGOLA»

Articoli correlati
8 marzo, FNOMCeO: «Maggioranza medici è donna. Modelli organizzativi ne tengano conto»
Per il presidente Filippo Anelli non è accettabile che il 75% delle assenze per maternità non venga coperto: «Questo significa che ogni gravidanza va irrimediabilmente a pesare sulle spalle dei colleghi che rimangono in servizio»
Giornata personale sanitario, dal Covid-19 all’aviaria: le parole dei protagonisti
Nella cerimonia che si è svolta presso la Pontificia Università San Tommaso D'Aquino anche il monito del vicepresidente CEI Francesco Savino: «Il diritto alla salute negato è una violenza». Dal presidente FNOMCeO Filippo Anelli l’allarme sulla carenza di personale: «Le Case di Comunità rischiano di non aprire»
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...