Lavoro 13 Maggio 2019 21:16

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti preoccupati, con la salute non si scherza”. Il Presidente FNOMCeO: «Il 20% non in regola. Ora scatteranno sanzioni»

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Finisce sotto l’attenzione dei milioni di spettatori (e pazienti) di Striscia la Notizia il caso dei medici non aggiornati con l’ECM. Dopo il “caso Aosta” e i tanti articoli di stampa usciti sul tema, anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Intervistato da Moreno Morello, il puntiglioso inviato di Striscia, anche il Presidente FNOMCeO Filippo Anelli ammette che ci sono tanti colleghi non adeguatamente aggiornati e minaccia sanzioni dal 1° gennaio 2020 per chi non avrà fatto 300 crediti nei due trienni passati, entrambi in scadenza nel 2019.

LEGGI ANCHE: MEDICO SOSPESO PER MANCATO AGGIORNAMENTO, CONSULCESI: “INCENTIVI E MECCANISMI PREMIALI PER CHI E’ IN REGOLA AIUTERANNO AD EVITARE NUOVE SANZIONI”

Nel servizio, Moreno Morello ricorda come ci siano molte modalità per assolvere l’obbligo: dai corsi residenziali alla formazione FAD effettuata comodamente a casa via web. L’inviato ironizza con la “proroghina” concessa nel passato triennio per i troppi medici ancora inadempienti e ricorda che alla fine del 2019 tutti dovranno essere in regola, pena sanzioni. Dallo studio, invece, Gerry Scotti sottolinea il problema e le preoccupazioni dei pazienti e “quando c’è di mezzo la salute, non si scherza” chiosa il popolare conduttore.

LEGGI ANCHE: I MEDICI NON SI AGGIORNANO, A RISCHIO SOSPENSIONE 4 SU 10

Nell’intervista ad Anelli, dopo aver ricordato le sanzioni: «Ammonimento, censura, sospensione dall’attività e radiazione», il presidente FNOMCeO, che è anche al vertice della Commissione Nazionale per la Formazione Continua, afferma che da gennaio 2020 «chi non sarà in regola verrà sanzionato». Poi Anelli ricorda come, tra i tagli subiti dai medici italiani, ci siano anche quelli alla formazione: «Ore dedicate a fare i tanti e troppi straordinari a cui sono costretti i medici italiani vengono sottratte a quelle che per contratto dovrebbero essere destinate alla formazione ECM». L’inviato di Striscia la Notizia conclude affermando che tornerà a verificare lo stato di aggiornamento dei medici e ricordando come i nostri camici bianchi correttamente formati siano un’eccellenza tutta italiana da difendere.

LEGGI ANCHE: OBBLIGO ECM, ROSSET (OMCEO AOSTA): “LA FORMAZIONE TUTELA LA SALUTE PUBBLICA. CON SENTENZA SI ESCE DALL’AMBIGUITA'”

[metaslider id=”46878″]

Articoli correlati
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
Obbligo ECM, partite le lettere del Cogeaps. Monaco: «Ora tocca agli Ordini prendere provvedimenti»
Intervista al presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie. Rischio sanzioni e mancata copertura assicurativa per chi non è in regola
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Patologie dei polmoni, ‘Respiriamo Insieme’: “Una legge ad hoc per il riconoscimento dell’asma grave”

La Presidente Barbaglia: "Necessario assegnare un codice specifico e riconoscere numerose prestazioni fondamentali, al fine di garantire a tutti i pazienti una tempestiva e corretta diagnosi, follow-u...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...