Formazione 13 Maggio 2019

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti preoccupati, con la salute non si scherza”. Il Presidente FNOMCeO: «Il 20% non in regola. Ora scatteranno sanzioni»

Immagine articolo

Finisce sotto l’attenzione dei milioni di spettatori (e pazienti) di Striscia la Notizia il caso dei medici non aggiornati con l’ECM. Dopo il “caso Aosta” e i tanti articoli di stampa usciti sul tema, anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Intervistato da Moreno Morello, il puntiglioso inviato di Striscia, anche il Presidente FNOMCeO Filippo Anelli ammette che ci sono tanti colleghi non adeguatamente aggiornati e minaccia sanzioni dal 1° gennaio 2020 per chi non avrà fatto 300 crediti nei due trienni passati, entrambi in scadenza nel 2019.

LEGGI ANCHE: MEDICO SOSPESO PER MANCATO AGGIORNAMENTO, CONSULCESI: “INCENTIVI E MECCANISMI PREMIALI PER CHI E’ IN REGOLA AIUTERANNO AD EVITARE NUOVE SANZIONI”

Nel servizio, Moreno Morello ricorda come ci siano molte modalità per assolvere l’obbligo: dai corsi residenziali alla formazione FAD effettuata comodamente a casa via web. L’inviato ironizza con la “proroghina” concessa nel passato triennio per i troppi medici ancora inadempienti e ricorda che alla fine del 2019 tutti dovranno essere in regola, pena sanzioni. Dallo studio, invece, Gerry Scotti sottolinea il problema e le preoccupazioni dei pazienti e “quando c’è di mezzo la salute, non si scherza” chiosa il popolare conduttore.

LEGGI ANCHE: I MEDICI NON SI AGGIORNANO, A RISCHIO SOSPENSIONE 4 SU 10

Nell’intervista ad Anelli, dopo aver ricordato le sanzioni: «Ammonimento, censura, sospensione dall’attività e radiazione», il presidente FNOMCeO, che è anche al vertice della Commissione Nazionale per la Formazione Continua, afferma che da gennaio 2020 «chi non sarà in regola verrà sanzionato». Poi Anelli ricorda come, tra i tagli subiti dai medici italiani, ci siano anche quelli alla formazione: «Ore dedicate a fare i tanti e troppi straordinari a cui sono costretti i medici italiani vengono sottratte a quelle che per contratto dovrebbero essere destinate alla formazione ECM». L’inviato di Striscia la Notizia conclude affermando che tornerà a verificare lo stato di aggiornamento dei medici e ricordando come i nostri camici bianchi correttamente formati siano un’eccellenza tutta italiana da difendere.

LEGGI ANCHE: OBBLIGO ECM, ROSSET (OMCEO AOSTA): “LA FORMAZIONE TUTELA LA SALUTE PUBBLICA. CON SENTENZA SI ESCE DALL’AMBIGUITA'”

Articoli correlati
Coronavirus, Anelli (FNOMCeO): «Situazione medici nel lodigiano è drammatica». E scrive a Fontana: «Collaboriamo»
Il presidente della Federazione degli Ordini dei medici al governatore della Lombardia: «Nelle zone rosse attivare doppio canale per l’assistenza sanitaria: uno per gestire il triage dei casi sospetti, l’altro per le visite di routine. E poi, fornire ai medici i dispositivi di protezione dal virus, tuttora carenti»
Coronavirus, Tecnologia e Formazione a Distanza per superare l’immobilismo da psicosi
Il presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: L’importanza strategica della formazione a distanza e dell’utilizzo delle tecnologie più avanzate si conferma valore aggiunto in campo sanitario. Il nostro docufilm ECM formerà operatori sanitari a gestire il nuovo virus ed a contrastare psicosi e fake news»
Caos Cogeaps, Lorenzin: «Presenterò interrogazione parlamentare». E sulla riforma Ecm: «Partecipino anche i provider»
L'ex ministro della Salute si dice preoccupata per la paralisi che ha colpito il Consorzio e ritiene che anche il Parlamento debba essere informato sulla riforma dell’Educazione continua in medicina
Professioni sanitarie, Conferenza Regioni approva documento sul riconoscimento delle competenze avanzate
Gli infermieri: «Un passo avanti importante con qualche ombra, che andrà ben declinato a livello locale». E i medici chiedono di poter contribuire
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD?
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD a condizione che siano rispettati i requisiti di tracciabilità e di completa esclusione dei professionisti che non operano sul territorio dell’Ente accreditante. Se l’accesso è consentito a tutti i professionisti indipendentemente dalla loro sede operativa, deve essere fatta richiesta di accreditamento dell’evento FAD alla CNFC (cfr.: Regolamento applicativo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 febbraio 2020 sono 83.704 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 36.654 mentre i morti sono 2.859. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...
Diritto

Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»

Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronu...