Formazione 6 Maggio 2019

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che rendono giustizia a questa sentenza», spiega Roberto Rosset, presidente OMCeO Valle D’Aosta, in merito al sanzionamento di odontoiatra colpevole di non aver curato l’aggiornamento professionale

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Immagine articolo

Una sentenza ribadisce l’obbligo dell’aggiornamento professionale per i medici. La sanzione, emessa dalla Commissione Albo Odontoiatri di Aosta, ha sospeso per 3 mesi un odontoiatra inadempiente. Una decisione che si pone in controtendenza con le scelte fin qui attuate dagli Ordini, i quali avevano privilegiato gli incentivi a chi frequenta i corsi ECM totalizzando i crediti del fabbisogno formativo, rispetto a misure “repressive”. Abbiamo raggiunto telefonicamente Roberto Rosset, presidente OMCeO Valle D’Aosta per capire cosa cambierà per la professione medica.

Presidente, la sentenza è una novità assoluta e naturalmente ribadisce l’importanza della formazione per i medici in modo ancora più stringente. Probabilmente anche il ruolo degli OMCeO crescerà in questo senso…

«Esatto. È una storia che parte da lontano: il ricorso è del 2014, è stato discusso solo adesso perché la Commissione centrale è stata ricostituita solo l’anno scorso, quindi al di là del caso singolo, la soddisfazione nel caso nostro è di essere usciti da questa ambiguità. C’è un obbligo deontologico di aggiornamento che l’Ordine è tenuto comunque a far rispettare a tutela della salute pubblica e una normativa di riferimento per l’educazione continua in medicina: diciamo che per la prima volta c’è una intersecazione di questi due fattori, per cui l’obbligo di formazione viene comunque in qualche maniera fatto corrispondere all’adempimento dell’educazione continua. Di fatto è una situazione che si stava trascinando perché gli Ordini non sapevano come comportarsi, anche come valutare la constatazione di inadempienza. L’assolvimento o meno dell’obbligo formativo è facilmente acquisibile, poi ci possono essere delle difficoltà di trasmissione per la parte dei provider all’anagrafe centrale, però l’obbligo comunque permane, quindi l’onere poi di evidenziare eventualmente l’assorbimento del credito. Quindi si spera che faccia giurisprudenza questa decisione della Commissione centrale che èstata accolta da tutti con una certa soddisfazione».

Peraltro, il provvedimento ricorda ancora una volta che un medico formato è una garanzia soprattutto per i pazienti…

«Alla fin fine è chiaro che la tutela è quella della salute pubblica, quindi a prescindere delle note criticità del sistema attuale dell’ECM e dell’attuale così poca osservanza delle verifiche di qualità che comunque si fanno sull’offerta formativa, comunque in ogni caso l’obbligo esiste quindi non possiamo che essere soddisfatti. Al di là dell’effettiva formazione comunque è il senso del dovere di sottostare ad una norma che è di tipo nazionale. Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che rendono giustizia a questa sentenza».

Questa sentenza arriva anche dopo una lettera che il presidente FNOMCeO, Filippo Anelli aveva inviato a tutti gli ordini provinciali…

«Esatto. Il triennio finisce quest’anno e il prossimo triennio inizia il 1 gennaio 2020. Si auspica chiaramente che la commissione ECM in qualche maniera intervenga. Come auspicio personale spero venga permesso da qui al 31 dicembre di andare a formarsi e poter spalmare gli eventuali crediti in eccesso che possono essere acquisiti in questo periodo sugli anni precedenti. L’auspicio è che tutti i medici non siano sanzionabili e che i pazienti siano giustamente rassicurati sulla qualità del servizio».

Articoli correlati
Microteam e multidisciplinarietà: le idee di medici e infermieri per la medicina territoriale
In audizione al Senato, sia la Federazione degli Ordini dei Medici che quella degli Infermieri hanno presentato le loro idee per rispondere alla domanda di salute presente e futura del Paese
Manovra 2021, alla sanità 4 miliardi: contratti prorogati e fondo per l’acquisto dei vaccini
Il Consiglio dei Ministri ha approvato ‘salvo-intese’ la manovra economica 2021: 39 miliardi complessivi di cui 24 in deficit e 15 di aiuti europei. Aumentata di un miliardo di euro la dotazione del Fondo Sanitario Nazionale. FNOMCeO approva: «Ottimo segnale, ora avviare stagione rinnovi contratti e convenzioni»
FNOMCeO: «Tra i medici si torna a morire per Covid». Due vittime in pochi giorni
Il presidente Anelli invita a usare l'esperienza come un insegnamento. I medici morti per Covid lavoravano a Napoli e Roma. Nursing Up protesta contro i nuovi contagi tra infermieri: 10 in 72 ore
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Anelli (FNOMCeO): «I cittadini dovrebbero seguire un auto-lockdown gentile»
Il presidente FNOMCeO: «Piccole rinunce sono ora un grande strumento per ridurre il contagio. Usiamo strumenti per restare sociali ma non usciamo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...