Formazione 6 Maggio 2019

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che rendono giustizia a questa sentenza», spiega Roberto Rosset, presidente OMCeO Valle D’Aosta, in merito al sanzionamento di odontoiatra colpevole di non aver curato l’aggiornamento professionale

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Immagine articolo

Una sentenza ribadisce l’obbligo dell’aggiornamento professionale per i medici. La sanzione, emessa dalla Commissione Albo Odontoiatri di Aosta, ha sospeso per 3 mesi un odontoiatra inadempiente. Una decisione che si pone in controtendenza con le scelte fin qui attuate dagli Ordini, i quali avevano privilegiato gli incentivi a chi frequenta i corsi ECM totalizzando i crediti del fabbisogno formativo, rispetto a misure “repressive”. Abbiamo raggiunto telefonicamente Roberto Rosset, presidente OMCeO Valle D’Aosta per capire cosa cambierà per la professione medica.

Presidente, la sentenza è una novità assoluta e naturalmente ribadisce l’importanza della formazione per i medici in modo ancora più stringente. Probabilmente anche il ruolo degli OMCeO crescerà in questo senso…

«Esatto. È una storia che parte da lontano: il ricorso è del 2014, è stato discusso solo adesso perché la Commissione centrale è stata ricostituita solo l’anno scorso, quindi al di là del caso singolo, la soddisfazione nel caso nostro è di essere usciti da questa ambiguità. C’è un obbligo deontologico di aggiornamento che l’Ordine è tenuto comunque a far rispettare a tutela della salute pubblica e una normativa di riferimento per l’educazione continua in medicina: diciamo che per la prima volta c’è una intersecazione di questi due fattori, per cui l’obbligo di formazione viene comunque in qualche maniera fatto corrispondere all’adempimento dell’educazione continua. Di fatto è una situazione che si stava trascinando perché gli Ordini non sapevano come comportarsi, anche come valutare la constatazione di inadempienza. L’assolvimento o meno dell’obbligo formativo è facilmente acquisibile, poi ci possono essere delle difficoltà di trasmissione per la parte dei provider all’anagrafe centrale, però l’obbligo comunque permane, quindi l’onere poi di evidenziare eventualmente l’assorbimento del credito. Quindi si spera che faccia giurisprudenza questa decisione della Commissione centrale che èstata accolta da tutti con una certa soddisfazione».

Peraltro, il provvedimento ricorda ancora una volta che un medico formato è una garanzia soprattutto per i pazienti…

«Alla fin fine è chiaro che la tutela è quella della salute pubblica, quindi a prescindere delle note criticità del sistema attuale dell’ECM e dell’attuale così poca osservanza delle verifiche di qualità che comunque si fanno sull’offerta formativa, comunque in ogni caso l’obbligo esiste quindi non possiamo che essere soddisfatti. Al di là dell’effettiva formazione comunque è il senso del dovere di sottostare ad una norma che è di tipo nazionale. Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che rendono giustizia a questa sentenza».

Questa sentenza arriva anche dopo una lettera che il presidente FNOMCeO, Filippo Anelli aveva inviato a tutti gli ordini provinciali…

«Esatto. Il triennio finisce quest’anno e il prossimo triennio inizia il 1 gennaio 2020. Si auspica chiaramente che la commissione ECM in qualche maniera intervenga. Come auspicio personale spero venga permesso da qui al 31 dicembre di andare a formarsi e poter spalmare gli eventuali crediti in eccesso che possono essere acquisiti in questo periodo sugli anni precedenti. L’auspicio è che tutti i medici non siano sanzionabili e che i pazienti siano giustamente rassicurati sulla qualità del servizio».

Articoli correlati
Incontro Bussetti-FNOMCeO, obiettivo superare l’imbuto formativo. Anelli: «Allineare numero borse e numero laureati»
Incontro al Miur tra delegazione FNOMCeO e il ministro dell'Istruzione. «Una delle ipotesi al vaglio potrebbe essere quella di un piano straordinario, da condividere con il Ministro della Salute Giulia Grillo, che prevederà, per i prossimi anni, un canale aggiuntivo di accesso alle scuole, con una quota di contratti riservati a coloro che, già laureati da un certo tempo, non abbiano trovato posto nelle specializzazioni», spiega il presidente FNOMCeO Anelli
Ludopatia: oltre 1,3 milioni di malati, solo 12 mila in cura. Ecco cosa possono fare i medici per guarire i giocatori
Consulcesi Club e il dottor Stefano Lagona, psicologo e psicoterapeuta specializzato nel trattamento delle tossicodipendenze e delle nuove dipendenze, lanciano il corso ECM FAD “Ludopatia: strategie ed interventi per il trattamento”
Aggressioni in corsia, al corso FNOPI-FNOMCeO si insegna la tecnica della de-escalation: disinnescare il conflitto si può
Obiettivo: diminuire la tensione. Dodici lezioni ECM audio e video corsi FAD, specifici e gratuiti, coordinati dal criminologo Massimo Picozzi per dire basta ad ogni forma di violenza
Carenza medici, l’appello di Leoni (FNOMCeO): «Cittadini e professionisti combattano insieme per un SSN adeguato»
Il vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici: «Cosa stiamo aspettando? I medici italiani scappano all’estero o nel privato e gli stranieri non vogliono più venire a lavorare nel nostro Paese. Dovrebbero essere previsti aumenti stipendiali importanti per riconoscere il disagio professionale di alcune branche»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
«Basta attacchi ignobili, ora partono gli esposti». Consulcesi contro guida alla denuncia dei medici
Il Presidente Massimo Tortorella all’attacco: «Non più tollerabile che studi legali e avvocati senza scrupoli con il supporto dei media alimentino le tensioni medico-paziente. Subito l’Arbitrato della Salute»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...