Formazione 6 Maggio 2019

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che rendono giustizia a questa sentenza», spiega Roberto Rosset, presidente OMCeO Valle D’Aosta, in merito al sanzionamento di odontoiatra colpevole di non aver curato l’aggiornamento professionale

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Immagine articolo

Una sentenza ribadisce l’obbligo dell’aggiornamento professionale per i medici. La sanzione, emessa dalla Commissione Albo Odontoiatri di Aosta, ha sospeso per 3 mesi un odontoiatra inadempiente. Una decisione che si pone in controtendenza con le scelte fin qui attuate dagli Ordini, i quali avevano privilegiato gli incentivi a chi frequenta i corsi ECM totalizzando i crediti del fabbisogno formativo, rispetto a misure “repressive”. Abbiamo raggiunto telefonicamente Roberto Rosset, presidente OMCeO Valle D’Aosta per capire cosa cambierà per la professione medica.

Presidente, la sentenza è una novità assoluta e naturalmente ribadisce l’importanza della formazione per i medici in modo ancora più stringente. Probabilmente anche il ruolo degli OMCeO crescerà in questo senso…

«Esatto. È una storia che parte da lontano: il ricorso è del 2014, è stato discusso solo adesso perché la Commissione centrale è stata ricostituita solo l’anno scorso, quindi al di là del caso singolo, la soddisfazione nel caso nostro è di essere usciti da questa ambiguità. C’è un obbligo deontologico di aggiornamento che l’Ordine è tenuto comunque a far rispettare a tutela della salute pubblica e una normativa di riferimento per l’educazione continua in medicina: diciamo che per la prima volta c’è una intersecazione di questi due fattori, per cui l’obbligo di formazione viene comunque in qualche maniera fatto corrispondere all’adempimento dell’educazione continua. Di fatto è una situazione che si stava trascinando perché gli Ordini non sapevano come comportarsi, anche come valutare la constatazione di inadempienza. L’assolvimento o meno dell’obbligo formativo è facilmente acquisibile, poi ci possono essere delle difficoltà di trasmissione per la parte dei provider all’anagrafe centrale, però l’obbligo comunque permane, quindi l’onere poi di evidenziare eventualmente l’assorbimento del credito. Quindi si spera che faccia giurisprudenza questa decisione della Commissione centrale che èstata accolta da tutti con una certa soddisfazione».

Peraltro, il provvedimento ricorda ancora una volta che un medico formato è una garanzia soprattutto per i pazienti…

«Alla fin fine è chiaro che la tutela è quella della salute pubblica, quindi a prescindere delle note criticità del sistema attuale dell’ECM e dell’attuale così poca osservanza delle verifiche di qualità che comunque si fanno sull’offerta formativa, comunque in ogni caso l’obbligo esiste quindi non possiamo che essere soddisfatti. Al di là dell’effettiva formazione comunque è il senso del dovere di sottostare ad una norma che è di tipo nazionale. Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che rendono giustizia a questa sentenza».

Questa sentenza arriva anche dopo una lettera che il presidente FNOMCeO, Filippo Anelli aveva inviato a tutti gli ordini provinciali…

«Esatto. Il triennio finisce quest’anno e il prossimo triennio inizia il 1 gennaio 2020. Si auspica chiaramente che la commissione ECM in qualche maniera intervenga. Come auspicio personale spero venga permesso da qui al 31 dicembre di andare a formarsi e poter spalmare gli eventuali crediti in eccesso che possono essere acquisiti in questo periodo sugli anni precedenti. L’auspicio è che tutti i medici non siano sanzionabili e che i pazienti siano giustamente rassicurati sulla qualità del servizio».

Articoli correlati
Medici Cavalieri della Repubblica, Anelli (FNOMCeO): «Tributo a tutta la professione, alle sue competenze, ai suoi valori»
«Il riconoscimento conferito oggi dal Presidente della Repubblica ai nostri colleghi sancisce, ancora una volta, l’impegno, la dedizione, l’abnegazione di tanti medici che si sono spesi senza risparmio durante l’emergenza Covid-19»
Aggredito anestetista al Veneziale di Isernia: «Dopo il pugno ho ugualmente prestato assistenza e solo dopo sono andato in PS»
Per David Di Lello, medico anestesista dell’ospedale Veneziale di Isernia arriva la solidarietà della FNOMCEO. «Chiedo non solo di riattivare il posto di polizia dell’ospedale, ma anche di proteggere le guardie mediche, almeno con un sistema di videosorveglianza - afferma il presidente dell’Ordine dei medici di Isernia - neanche la pandemia ha posto un argine alle violenze subite dal personale sanitario»
«No all’imbuto formativo». I giovani medici tornano in piazza il 29 maggio
Nuova mobilitazione domani a Roma, in piazza a Montecitorio e in altre 21 piazze italiane. Si incontreranno studenti, medici neoabilitati, camici grigi, medici in formazione specialistica e generalista «per chiedere l'abolizione dell’imbuto formativo e una riforma della formazione medica e in difesa del SSN pubblico e universalistico»
Test sierologici, le audizioni in Senato. Parisi (Lincei): «Manca norma che renda dati disponibili a tutta la comunità scientifica»
Il presidente dell'Accademia dei Lincei ha poi sottolineato l’importanza, per l'autunno, di aumentare di dieci volte la capacità di fare tamponi. Per Filippo Anelli (FNOMCeO) è necessario «mettere i risultati dei test, nel rispetto della privacy, a disposizione di medici di famiglia e pediatri». Ascoltati anche Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici) e Gualano (Università di Torino)
Covid-19, il corso ECM per tutelare gli operatori sanitari. Il medico del lavoro: «Formazione imprescindibile per protezione»
L’ebook fa parte della collana dedicata al Covid-19 promossa dal provider Sanità in-Formazione. Due i responsabili scientifici. Trasolini (Ingegnere): «Medici e operatori trincea contro il virus e argine contro il caos». Santacroce (Medico del lavoro): «In Italia normativa innovativa, conoscere un pericolo vuol dire già tenerlo lontano da noi al 50%»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 giugno, sono 6.514.359 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 386.111 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 4 giugno: nel...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco