Lavoro 9 Luglio 2019

Intramoenia professioni sanitarie, Sileri (Commissione Sanità) presenta Ddl. Il plauso di FNOPI e Nursing Up

La presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli: «Non sia strumento per sopperire alle carenze di organici». Il presidente Nursing Up Antonio De Palma: «Ddl segna momento storico»

Immagine articolo

«Se io sono al tavolo operatorio in regime di intramoenia, è giusto che anche lo strumentista che lavora accanto a me sia in regime di intramoenia». È questa la riflessione che ha portato il chirurgo e presidente della Commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri a presentare, questa mattina, un disegno di legge che prevede l’intramoenia per la professioni sanitarie, ovvero l’attività libero-professionale intramuraria per tutti i professionisti del Servizio sanitario nazionale.

Pierpaolo Sileri (M5S): «Con Ddl su intramoenia professioni sanitarie colmiamo vuoto legislativo»

Un ddl che «va a colmare un vuoto legislativo – dichiara Sileri – e che spero venga approvato velocemente. Per questo mi auguro di ottenere la sede deliberante. L’obiettivo – prosegue – è completare il processo di valorizzazione delle professioni sanitarie, potenziando le cure primarie, l’abbattimento delle liste di attesa e il controllo del fenomeno troppo diffuso dell’esercizio abusivo della professione. Ma è chiaro – conclude – che questo provvedimento non potrà mai essere una scorciatoia per sopperire alle carenze di personale».

 

Barbara Mangiacavalli (FNOPI): «L’intramoenia degli infermieri non sia strumento per sopperire alle carenze di organici»

Un tema, quest’ultimo, su cui la presidente della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi) Barbara Mangiacavalli concentra gran parte del suo intervento: «Il ddl rappresenta un atto di riconoscimento della multi-professionalità di chi cura e assiste i pazienti e una soluzione a una anomalia che certi aspetti dell’assistenza presentano; ma non deve essere uno strumento per sopperire alle carenze di organici e di assistenza che devono essere sempre assicurati dal Servizio sanitario nazionale».

«L’intramoenia dei professionisti sanitari – prosegue la Mangiacavalli – deve configurarsi come vera opportunità per il cittadino di esercitare il diritto alla libera scelta, attivabile laddove le Regioni e le Aziende Sanitarie siano in grado di garantire i Livelli essenziali di assistenza (Lea) e gli organici necessari ad erogarli. E le risorse che il Ssn incasserà grazie all’esercizio dell’attività intramuraria degli infermieri dovranno essere finalizzate al rafforzamento dell’offerta pubblica attraverso investimenti in politiche assunzionali. Questi sono paletti indispensabili, e presenteremo i nostri emendamenti per far sì che si giunga ad un testo il più “giusto” possibile per i diritti dei cittadini, per il Ssn e per le professioni che vi lavorano».

 

De Palma (Nursing Up): «Ddl sull’intramoenia dei professionisti sanitari segna un momento storico»

«L’obiettivo del disegno di legge non è quello di far fronte alla carenza di personale – risponde Antonio De Palma, presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up che ha fortemente voluto il ddl –; tuttavia, qualora le aziende sanitarie avessero necessità di ulteriori risorse umane, in momenti particolari e contingenti, per evitare di chiudere i servizi al cittadino, potrebbero chiedere ai singoli professionisti la disponibilità di prestare attività libero professionale».

«Questo disegno di legge segna un momento storico – continua De Palma -. Dare la possibilità agli infermieri pubblici dipendenti di esercitare attività intramoenia avrebbe, come primo importantissimo effetto, la riduzione delle liste d’attesa per il cittadino, come già accade con l’intramoenia dei medici. Ma soprattutto consentirebbe di beneficiare di un ampio alveo di prestazioni professionali erogate da professionisti competenti e certificati nella loro qualità di pubblici dipendenti. L’attività intramoenia per gli infermieri significa, inoltre, ridurre i ricoveri impropri che incidono negativamente sulla spesa del SSN, ma significa anche lotta all’abusivismo ed apertura di nuovi canali di contribuzione, cioè nuove risorse per le casse dello Stato».

Articoli correlati
Crisi di Governo, Nicola Draoli (FNOPI): «Provvedimenti fermi diventino agenda politica del futuro governo»
Dall’infermiere di famiglia all'intramoenia, la crisi ha bloccato alcuni provvedimenti importanti per gli infermieri. «Indipendentemente dal futuro del Governo abbiamo davvero una serie di percorsi importantissimi da concludere in fretta per i nostri cittadini» sottolinea Draoli
Professioni sanitarie, maxi Ordine punta a Codice etico unico. Gruppo di lavoro affidato all’avvocato Perciballi
L’Ordine guidato da Alessandro Beux ha dato vita al gruppo di lavoro che si è dato 24 mesi di tempo per raggiungere l’obiettivo. «Se c’è un unico Ordine deve esserci anche un unico Codice etico. Perché si possa passare davvero dal disordine all’ordine tutte le 19 professioni sanitarie devono avere un unico “comandamento” e essere garantite dalle medesime regole», sottolinea la coordinatrice Perciballi
Professioni sanitarie, Bortone (Conaps): «Elenchi speciali completano processo di riordino». Resta il nodo dei massofisioterapisti
«Finalmente le persone potranno legittimamente iscriversi a un elenco speciale, non solo continuare ad esercitare ma avere anche tutte le tutele giuridiche che comporta tale iscrizione», sottolinea Antonio Bortone, presidente del Conaps. Sull’ingresso dei massofisioterapisti precisa: «Secondo noi non avrebbero dovuto avere titolo per essere inquadrati negli elenchi speciali, Ordine valuterà con attenzione le domande»
Meeting Salute 2019, a Rimini gli infermieri insegnano la buona salute alle famiglie
«La buona salute infatti si fa curando e assistendo i malati», si legge nel comunicato diffuso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI)
Professioni sanitarie, Istituiti gli ‘Elenchi speciali’ per 18 categorie professionali
Il ministro della Salute, Giulia Grillo firma il decreto: «Salvi 20.000 operatori che rischiavano di non poter più lavorare a causa di una norma pasticciata»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone