Lavoro 9 Luglio 2019

Intramoenia professioni sanitarie, Sileri (Commissione Sanità) presenta Ddl. Il plauso di FNOPI e Nursing Up

La presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli: «Non sia strumento per sopperire alle carenze di organici». Il presidente Nursing Up Antonio De Palma: «Ddl segna momento storico»

Immagine articolo

«Se io sono al tavolo operatorio in regime di intramoenia, è giusto che anche lo strumentista che lavora accanto a me sia in regime di intramoenia». È questa la riflessione che ha portato il chirurgo e presidente della Commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri a presentare, questa mattina, un disegno di legge che prevede l’intramoenia per la professioni sanitarie, ovvero l’attività libero-professionale intramuraria per tutti i professionisti del Servizio sanitario nazionale.

Pierpaolo Sileri (M5S): «Con Ddl su intramoenia professioni sanitarie colmiamo vuoto legislativo»

Un ddl che «va a colmare un vuoto legislativo – dichiara Sileri – e che spero venga approvato velocemente. Per questo mi auguro di ottenere la sede deliberante. L’obiettivo – prosegue – è completare il processo di valorizzazione delle professioni sanitarie, potenziando le cure primarie, l’abbattimento delle liste di attesa e il controllo del fenomeno troppo diffuso dell’esercizio abusivo della professione. Ma è chiaro – conclude – che questo provvedimento non potrà mai essere una scorciatoia per sopperire alle carenze di personale».

 

Barbara Mangiacavalli (FNOPI): «L’intramoenia degli infermieri non sia strumento per sopperire alle carenze di organici»

Un tema, quest’ultimo, su cui la presidente della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi) Barbara Mangiacavalli concentra gran parte del suo intervento: «Il ddl rappresenta un atto di riconoscimento della multi-professionalità di chi cura e assiste i pazienti e una soluzione a una anomalia che certi aspetti dell’assistenza presentano; ma non deve essere uno strumento per sopperire alle carenze di organici e di assistenza che devono essere sempre assicurati dal Servizio sanitario nazionale».

«L’intramoenia dei professionisti sanitari – prosegue la Mangiacavalli – deve configurarsi come vera opportunità per il cittadino di esercitare il diritto alla libera scelta, attivabile laddove le Regioni e le Aziende Sanitarie siano in grado di garantire i Livelli essenziali di assistenza (Lea) e gli organici necessari ad erogarli. E le risorse che il Ssn incasserà grazie all’esercizio dell’attività intramuraria degli infermieri dovranno essere finalizzate al rafforzamento dell’offerta pubblica attraverso investimenti in politiche assunzionali. Questi sono paletti indispensabili, e presenteremo i nostri emendamenti per far sì che si giunga ad un testo il più “giusto” possibile per i diritti dei cittadini, per il Ssn e per le professioni che vi lavorano».

 

De Palma (Nursing Up): «Ddl sull’intramoenia dei professionisti sanitari segna un momento storico»

«L’obiettivo del disegno di legge non è quello di far fronte alla carenza di personale – risponde Antonio De Palma, presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up che ha fortemente voluto il ddl –; tuttavia, qualora le aziende sanitarie avessero necessità di ulteriori risorse umane, in momenti particolari e contingenti, per evitare di chiudere i servizi al cittadino, potrebbero chiedere ai singoli professionisti la disponibilità di prestare attività libero professionale».

«Questo disegno di legge segna un momento storico – continua De Palma -. Dare la possibilità agli infermieri pubblici dipendenti di esercitare attività intramoenia avrebbe, come primo importantissimo effetto, la riduzione delle liste d’attesa per il cittadino, come già accade con l’intramoenia dei medici. Ma soprattutto consentirebbe di beneficiare di un ampio alveo di prestazioni professionali erogate da professionisti competenti e certificati nella loro qualità di pubblici dipendenti. L’attività intramoenia per gli infermieri significa, inoltre, ridurre i ricoveri impropri che incidono negativamente sulla spesa del SSN, ma significa anche lotta all’abusivismo ed apertura di nuovi canali di contribuzione, cioè nuove risorse per le casse dello Stato».

Articoli correlati
Sanità, Nursing Up al ministro della PA: «Sì a valorizzazione professionale ma per tutta la categoria infermieristica»
“Apprendiamo dagli organi di stampa in questi giorni che sono state avanzate proposte di natura sindacale al ministro della Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone, da soggetti istituzionali su problematiche inerenti la collocazione contrattuale della professione infermieristica con particolare attenzione alle posizioni dirigenziali, e ci chiediamo come mai vengano presentate tali richieste prevalentemente a vantaggio dei dirigenti […]
Giovani infermieri, sondaggio FNOPI: stipendio non soddisfa, piace la formazione
«Il risultato della survey – spiega Nicola Draoli, responsabile per il Comitato centrale della Federazione del settore “Fnopi Giovani” – mette in evidenza anche criticità legate alla qualità dello specifico posto di lavoro: è l’organizzazione dei servizi che spesso non va»
Sicurezza sul lavoro, parla Di Giusto (UNPISI): «Non basta inasprimento pene, servono incentivi e strategia culturale»
Il Presidente dell’Unione nazionale personale ispettivo sanitario d’Italia sottolinea: «Oggi la politica guarda esclusivamente alla parte sanzionatoria mentre la cultura della sicurezza e della prevenzione dovrebbe essere favorita». La professione dei tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi lavoro è confluita nel maxi Ordine TSRM e PSTRP
Gli infermieri incontrano il presidente del Comitato di Settore. De Palma (Nursing Up): «Venturi coerente e coraggioso, riordini il SSN»»
Questo pomeriggio il presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up Antonio De Palma ha incontrato il presidente del Comitato di Settore Sergio Venturi. Dall’incontro è emersa una sinergia in particolare sul tema della valorizzazione dei professionisti sanitari all’interno del Servizio sanitario nazionale. Sull’argomento Venturi è di recente intervenuto pubblicamente destando polemiche da parte dei medici […]
Tecnici di laboratorio, a Torino ANTEL parla dei nuovi orizzonti.  Pennetta: «Momento di confronto per creare comune sentire»
L’evento si svolgerà alla Sala Lia Varesio il 15 novembre. Tra I relatori la presidente ANTEL Alessia Cabrini e il presidente SIMEDET Fernando Capuano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo